Four Year Strong

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Four Year Strong
La band in concerto nel 2011
La band in concerto nel 2011
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Post-hardcore
Pop punk
Melodic hardcore punk
Periodo di attività 2001 – in attività
Etichetta Decaydance
I Surrender
Universal Motown
Rise Records
Album pubblicati 5
Studio 5
Sito web

I Four Year Strong sono un gruppo musicale statunitense formatosi a Worcester, Massachusetts nel 2001. Il gruppo è costituito dai cantanti e chitarristi Dan O'Connor e Alan Day, dal bassista Joe Weiss e dal batterista Jackson Massucco. Il gruppo ha pubblicato cinque album, tra cui l'ultimo pubblicato il 2 giugno 2015 su Pure Noise Records.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e It's Our Time (2001-2006)[modifica | modifica wikitesto]

I Four Year Strong si sono formati a Worcester, Massachusetts nel 2001 da Dan O'Connor, Alan Day, Jake Massucco e Joe Weiss, attualmente nella band, e da Josh Lyford. Dan O'Connor, Alan Day e Jake Massucco frequentavano tutti la Doherty Memorial High School a Worcester e si incontrarono tramite amici comuni.[1] Rilasciarono il primo studio album, It's Our Time, non molto dopo la formazione della band. Il numero di copie prodotte era limitato a 400. Successivamente la band registrò un demo nel 2006, che conteneva le prime versioni delle canzoni che poi sarebbero state pubblicate su Rise or Die Trying.

Rise or Die Trying, Explain It All (2006-2009)[modifica | modifica wikitesto]

Rise or Die Trying, uscito nel 2007 per l'etichetta I Surrender Records raggiunse la posizione 31 sulla classifica Billboard Heatseekers nella sua settimana di debutto.[2] Sull'onda della crescente popolarità, la band firmò per la Decaydance Records nel febbraio 2008.

Il 21 luglio 2009, i Four Year Strong pubblicarono l'album di cover intitolato Explains It All. Il lavoro vede la partecipazione con invitati di Keith Buckley degli Every Time I Die, Travis McCoy dei Gym Class Heroes, e JR e Buddy dei Less Than Jake. La band spiegò il concept dietro l'album sulla loro pagina MySpace dicendo: "Questa è la musica con cui siamo cresciuti. Ognuno ha le sue canzoni che istantaneamente lo riportano a quando era giovane. [...] Queste canzoni in un modo o nell'altro ci hanno condizionato e noi vogliamo condividere quella sensazione con voi."

Enemy of The World (2010-2011)[modifica | modifica wikitesto]

Il terzo album della band, Enemy of the World, fu pubblicato il 9 marzo 2010 su Universal Motown Records. It Must Really Suck to Be Four Year Strong Right Now fu scelto come primo singolo e pubblicato il 21 dicembre 2009. Il titolo della canzone si rifà all'ultima frase di una recensione su Alternative Press, in cui veniva elogiato l'ultimo album dei Set Your Goals, mentre si rimarcava che il futuro dei Four Year Strong sarebbe stato duro al confronto. L'album ha venduto 12,400 copie nella prima settimana, debuttando alla posizione 47 della Billboard 200.

L'uscita di Josh Lyford, In Some Way, Shape, or Form e pausa (2011–2013)[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 aprile 2011, venne annunciata l'uscita Josh Lyford dalla band. Inizialmente, sembrava che Lyford avesse scelto di lasciare per concentrarsi sul suo altro progetto, i Foxfires. Invece, successivamente sia Lyford sia Alan Day confermarono che la band avesse deciso di eliminare i sintetizzatori dal loro sound. Il 13 aprile 2011, in un'intervista su Alternative Press, la band rivelò di essere nel bel mezzo della registrazione del loro quarto album con il produttore David Bendeth nella House of Loud, nel New Jersey.[3] Il cantante Alan Day inoltre affermò che il nuovo materiale era molto diversificato e differente da tutto ciò che avevano scritto prima.

Il 18 agosto 2011, la band pubblicò Stuck in the Middle, una nuova canzone dal cd in uscita, annunciando il titolo dell'album: In Some Way, Shape or Form, e la data di pubblicazione: 8 novemebre 2011.[4] Il primo singolo ufficiale, Just Drive, fu invece pubblicato il 27 settembre.

Il 15 maggio 2012, i Four Year Strong si separarono dall'etichetta Universal Motown/Universal Republic.[5] Nonostante questo, la band rimase attiva suonando al Warped Tour, e successivamente insieme ai Blink-182 nel loro tour in UK e Irlanda. Nel 2013, alcune voci congetturavano su un loro scioglimento. O'Connor infatti era sposato con sua moglie da due anni e Day fondò gli The Here and Now, una band alternative/blues che pubblicò un EP quello stesso anno. Intervistato da PropertyOfZack, Day parlò più che altro di una pausa, dicendo "Questa è la prima volta in cinque anni o più che ci stiamo prendendo una pausa di tre settimane dal tour... Non ci stiamo assolutamente sciogliendo. Molti pensano così, ma non so perché lo stiano dicendo. Solo perché quest'anno non siamo passati per tre volte dalla la tua città, non significa che ci stiamo sciogliendo."[6]

La firma con Pure Noise RecordsGo Down in History EP e il self-titled album (2014–oggi)[modifica | modifica wikitesto]

Durante la loro vacanza annuale a Worcester, nel 2013, i Four Year Strong annunciarono di stare lavorando su nuovo materiale. Il 27 maggio 2014, la band annunciò un nuovo EP intitolato Go Down in History, che sarebbe stato pubblicato su Pure Noise Records il 22 luglio 2014. L'EP ricevette critiche positive, apprezzato soprattuto per il ritorno al loro sound caratteristico.[7]

Al loro concerto annuale a Worcester, i Four Year Strong annunciarono un nuovo album che sarebbe uscito nel 2015. Il 2 aprile 2015, la band rese pubblico l'artwork e la tracklist del loro album che si sarebbe chiamato semplicemente Four Year Strong, con data di pubblicazione 2 giugno 2015. L'album fu prodotto dal chitarrista dei Converge, Kurt Ballou. Il cantante/chitarrista Dan O' Connor che l'album era “uno dei dischi più crudi mai scritti da noi, semplicemente noi che suoniamo. Niente cazzate al computer. Fatto per cantare e fare head banging.”[8]

Il 9 aprile 2015, pubblicarono il nuovo singolo We All Float Down Here, seguito da I'm a Big, Bright, Shining Star e Eating My Words rispettivamente il 27 aprile e il 13 maggio.

L'album fu reso disponibile in streaming il 27 maggio.

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il sound della band può essere descritto come un mix tra pop punk e hardcore punk. La band ha sviluppato il suo sound semplicemente dall'idea di suonare "esattamente quello che vogliamo sentire" o la musica che avrebbero voluto sentire ma che nessuno suonava al tempo.[9]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Dan O'Connor - voce, chitarra (dal 2001)
  • Alan Day - voce, chitarra (dal 2001)
  • Joe Weiss - basso, cori (dal 2004)
  • Jake Massucco - batteria (dal 2001)

Ex membri[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Data di pubblicazione Titolo Etichetta Billboard 200 vertice
Gennaio 2005 It's Our Time Open Your Eyes Records -
18 settembre 2007 Rise or Die Trying I Surrender Records -
9 marzo 2010 Enemy of the World Decaydance/Motown Records 47
8 novembre 2011 In Some Way, Shape or Form Decaydance/Motown Records 88
2 giugno 2015 Four Year Strong Pure Noise Records

Cover album[modifica | modifica wikitesto]

Data di pubblicazione Titolo Etichetta Billboard 200 vertice
21 luglio 2009 Explains It All Decaydance/I Surrender 115

Demo/EP[modifica | modifica wikitesto]

Data di pubblicazione Titolo
22 novembre 2001 All the Lonely Girls
2003 The Glory
2004 3-Track Demo
2005 5-Track Demo
2006 Rise or Die Trying (Unmixed)
9 marzo 2010 It's Not the Size of the 7"... It's How You Use It
Ottobre 2011 AP Tour Fall 2011 7"

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Data di pubblicazione
"It Must Really Suck to Be Four Year Strong Right Now" 21 dicembre 2009
"Wasting Time (Eternal Summer)" 9 febbraio 2010

Video musicali[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Anno
"Heroes Get Remembered, Legends Never Die" 2007
"Bada Bing! Wit' a Pipe!" 2008
"It Must Really Suck to be Four Year Strong Right Now" 2010
"Tonight We Feel Alive (On a Saturday)" 2010
"Stuck in the Middle" 2011
"Just Drive" 2011

Apparizioni in compilation[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Punknews.org, Four Year Strong su Punknews.org. URL consultato il 2015-08-19.
  2. ^ Four Year Strong | Awards | AllMusic su AllMusic. URL consultato il 2015-08-19.
  3. ^ Alternative Press su Alternative Press. URL consultato il 2015-08-19.
  4. ^ Four Year Strong release new song, delay album release date - Alternative Press su Alternative Press. URL consultato il 2015-08-19.
  5. ^ Exclusive: Four Year Strong no longer on Universal - Alternative Press su Alternative Press. URL consultato il 2015-08-19.
  6. ^ Four Year Strong Are Not Breaking Up, Despite Rumors su propertyofzack.com. URL consultato il 2015-08-19.
  7. ^ Foto del diario - Four Year Strong | Facebook su www.facebook.com. URL consultato il 2015-08-19.
  8. ^ Four Year Strong Will Release Self-titled Album On June 2nd : Pure Noise Records su purenoise.net. URL consultato il 2015-08-19.
  9. ^ Four Year Strong. URL consultato il 2015-08-19.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN151830761 · GND: (DE16058320-2