Fontana del Porcellino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 43°46′11.46″N 11°15′15.35″E / 43.76985°N 11.254264°E43.76985; 11.254264

La fontana del Porcellino
Questa voce riguarda la zona di:
Palazzo Davanzati
Voci principali
Visita il Portale di Firenze

La fontana del Porcellino è uno dei monumenti più popolari di Firenze, situata a margine della loggia del Mercato Nuovo, vicino al Ponte Vecchio.

Storia e arte[modifica | modifica sorgente]

Il nome popolare della statua bronzea del "Porcellino" è improprio perché raffigura un cinghiale. Deriva da una copia romana di un marmo ellenistico, che papa Pio IV donò a Cosimo I nel 1560, durante la sua visita a Roma. Dell'originale marmoreo, che oggi si trova agli Uffizi, Cosimo II de' Medici fece fare una copia in bronzo a Pietro Tacca nel 1612, destinata a decorare palazzo Pitti. Il modello in cera risale al 1620 circa, mentre la fusione fu eseguita solo intorno al 1633, per via delle continue e più urgenti commissioni granducali, come i Quattro mori di Livorno o le due fontane di piazza Santissima Annunziata. Nonostante fosse una copia, la resa di dettagli naturalistici come il pelo dell'animale rivela la straordinaria capacità come bronzista del Tacca, che fu il migliore allievo di Giambologna.

Il Porcellino originale al Museo Bardini

Alcuni anni dopo la fusione Ferdinando II de' Medici decise di trasformare l'opera in una fontana, che è documentata sotto la loggia del Mercato Nuovo almeno dal 1640. La fontana aveva una funzione principalmente pratica, oltre che decorativa, perché approvvigionava l'acqua ai mercanti che commerciavano sotto la loggia, che a quel tempo erano specializzati nella compravendita di stoffe pregiati quali sete, broccati e panni di lana. A quell'epoca risale anche il diminutivo di "Porcellino". Il Tacca creò anche la vasca bronzea originale (oggi in deposito) per la raccolta delle acque. La collocazione originaria era davanti all'omonima spezieria del Cinghiale, su via Por Santa Maria, aperta nella prima metà del XVIII secolo e luogo di riunione di intellettuali. Nell'Ottocento, per facilitare la viabilità sulla strada, venne spostata nella posizione attuale sul lato sud, davanti all'odierna ex-Borsa Merci.

Il basamento è di forma ottagonale, con la parte anteriore allungata in modo da accogliere una piccola vasca dove cade il rivolo d'acqua che esce dalla bocca del Porcellino. La base è arricchita da una raffigurazione, sempre in bronzo, dell'ambiente degli acquitrini dove vive il cinghiale, con piante e animali quali anfibi, rettili e molluschi, tutti di notevole realismo. Anche la base che si vede non è più originale: rifatta nel 1897 da Clemente Papi per rimediare ai danni dall'usura nel tempo, nel 1988 fu rifusa dalla Fonderia Artistica Ferdinando Marinelli, come esplicita un'incisione sul bordo destro: l'originale, assieme al Porcellino, è dal 2004 al museo Bardini.

Superstizioni[modifica | modifica sorgente]

La base della vasca

La tradizione popolare vuole che toccare il naso del porcellino porti fortuna, che infatti risplende per la continua lucidatura quotidiana di migliaia di mani. La procedura completa per ottenere un buon auspicio consisterebbe nel mettere una monetina in bocca al porcellino dopo averne strofinato il naso: se la monetina cadendo oltrepassa la grata dove cade l'acqua porterà fortuna, altrimenti no. In realtà l'inclinazione è tale che solo le monete più pesanti cadono nelle fessure, per la soddisfazione dell'amministrazione comunale che le può raccogliere[1].

Copie[modifica | modifica sorgente]

Della fontana esistono numerose copie nel mondo: per esempio una è nel parco del castello di Enghien in Belgio, un'altra si trova in Place Richelme a Aix-en-Provence, in Francia; e un'altra ancora a Monaco.

Un'altra ancora si trova davanti all'Ospedale di Sydney: venne donata nel 1968 dalla fiorentina Marchesa Fiaschi Torrigiani in memoria del medico italiano attivo in Australia Piero Fiaschi; si dice che porti fortuna strofinarle il naso, come la statua originale, e simboleggia inoltre l'amicizia tra Italia e Australia. Le monetine ivi raccolte sono usate per scopi ospedalieri.

Una copia fu donata dal comune di Firenze a quello di Grosseto nel 1953 per la celebrazione della riforma agraria attuata in Maremma e collocata nella frazione di Rispescia.

Omaggi[modifica | modifica sorgente]

Al Porcellino dedicò una fiaba Hans Christian Andersen.

Nel film "Harry Potter e la camera dei segreti", all'arrivo di Harry ad Hogwarts, lungo la scalinata appena lasciati i bagagli ed Edvige, si intravede il porcellino sulla destra dell'inquadratura. Nuovamente, nel solito film, il porcellino è inquadrato all'apertura del diario di Riddle, al momento in cui Harry Potter viene trasportato a cinquant'anni prima Anche nel film "Harry Potter e i doni della morte - parte 2", si vede la statua del Porcellino all'interno della Stanza delle Necessità (quando Harry va a cercare il diadema di Priscilla Corvonero).

Altre immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Artusi, cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Luciano Artusi, Tante le acque che scorrevano a Firenze, itinerario tra i giochi d'acqua delle decorative fontane fiorentine, Semper, Firenze 2005.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

firenze Portale Firenze: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di firenze