Via delle Terme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 43°46′11.44″N 11°15′09.98″E / 43.769844°N 11.252772°E43.769844; 11.252772

La torre dei Buondelmonti

Via delle Terme è strada del centro storico di Firenze situata tra via Por Santa Maria e piazza Santa Trinita. La strada è una delle più suggestive della città per l'edilizia medievale grazie alle torri e palagi che vi si affacciato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome della strada ricorda le antichissime terme romane, che qui si trovavano e ricevevano le acque da un sofisticato sistema idrico che aveva inizio sul monte Morello. Le terme caddero in disuso con le invasioni barbariche ed in seguito in questa zona le ricche famiglie possidenti eressero numerose torri ("scapitozzate" in antico) e palazzi fortificati. La strada era il quartier generale della famiglia Buondelmonti, tra i primi guelfi della città, e qui passò il corteo funebre di Buondelmonte dei Buondelmonti, ucciso dalla famiglia rivale vicino al ponte Vecchio.

A differenza di altre strade di questa zona del centro, via delle Terme non venne manomessa dal "Risanamento" ottocentesco, né dalle distruzioni della seconda guerra mondiale. Fino all'entrata in vigore della legge Merlin, la strada fu "popolare" a Firenze per il fatto di ospitare una delle più celebri case di tolleranza fiorentine.

Architetture[modifica | modifica wikitesto]

Aveva sede in via delle Terme l'Arte dei Galigai e si affacciava il retro del palazzo di Parte Guelfa, compresa la porzione "brunelleschiana". Poco lontano da via Por Santa Maria si trova la Torre dei Giudi.

Presso l'antico chiasso dei Manetti si trova il palagio Buondelmonti, che arriva fino a borgo Santi Apostoli, appartenente alla famiglia proprietaria anche della vicina torre dei Buondelmonti. La torre si trova davanti al retro del palazzo di Parte Guelfa e del palazzo Canacci.

Altri edifici interessanti sono il palazzo de' Nobili, in angolo con via del Fiordaliso, palazzo Scali-Ricasoli e palazzo Bartolini-Salimbeni, che ha la facciata principale su piazza Santa Trinita.

Epigrafi[modifica | modifica wikitesto]

Proprio sulla parete di palazzo Bartolini-Salimbeni una targa ricorda quando ospitava l'Hotel du Nord e vi risiedette James Russell Lowell:

« Qui nell'antico Hôtel du Nord
James Russell Lowell
Poeta e critico americano
Studioso di Dante
Soggiornò nell'inverno del 1874
Traendo ispirazione dalla bellezza
Della città di Firenze »

Un'altra epigrafe al 29, su palazzo Scali-Ricasoli, ricorda Guglielmo Marconi:

« Qui dove ebbe sede l'Istituto Cavallero
Mosse i primi passi nella via del sapere
Guglielmo Marconi
Inventore della telegrafia senza fili


Gl'insegnanti ed i condiscepoli di lui
Questa memoria posero
Maggio 1903 »

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Cesati, La grande guida delle strade di Firenze, Newton Compton Editori, Roma 2003.
  • Franco Bassi, Clotilde Vesco, La storia d'Italia nelle epigrafi ditirambiche sui muri di Firenze, Edizioni Helicon, Arezzo, 2000.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Firenze Portale Firenze: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Firenze