Fiumana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'antica squadra di calcio di Fiume, vedi Unione Sportiva Fiumana.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il quadro di Giuseppe Pellizza da Volpedo, vedi Il Quarto Stato.
Fiumana
frazione
Fiumana – Stemma
Fiumana – Veduta
Vista dell'abitato dalle colline circostanti
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Forlì-Cesena-Stemma.png Forlì-Cesena
Comune Predappio-Stemma.png Predappio
Territorio
Coordinate 44°06′N 11°59′E / 44.1°N 11.983333°E44.1; 11.983333 (Fiumana)Coordinate: 44°06′N 11°59′E / 44.1°N 11.983333°E44.1; 11.983333 (Fiumana)
Abitanti 1 800[1]
Altre informazioni
Cod. postale 47016
Prefisso 0543
Fuso orario UTC+1
Cod. catastale D618
Nome abitanti Fiumanesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Fiumana
Fiumana

Fiumana (Fiumèna in romagnolo) è una frazione del comune di Predappio.

Posizionamento[modifica | modifica wikitesto]

Fiumana conta una popolazione di circa 1250 abitanti e sorge sulle rive del fiume Rabbi, lungo la Strada statale 9ter del Rabbi che unisce Forlì, a circa 10 km, e Predappio, a circa 5 km. Fiumana rimase comune fino al 1925, anno nel quale le autorità fasciste ne decisero l'incorporamento nel comune di Predappio. Vista la natura non pianeggiante del suo territorio, si definisce 'Fiumana Bassa' la parte a minore altitudine nella quale era un tempo collocato il municipio (la più vicina al fiume) e 'Fiumana Alta' quella a maggiore altitudine (detta anche 'Ghiarétta').

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sono presenti le rovine di un castello, una antica chiesa e i resti di una villa romana del I secolo d.C.

Si hanno rinvenimenti archeologici che attestano la presenza di insediamenti umani fin dall'età del bronzo e, di epoca romana, rimangono i resti di una villa scoperta nel 1960 da Bernad Montanari. Probabilmente l'edificio appartenne ad ricchi possidenti terrieri e rimase abitato dal I al IV secolo d.C.

Con la caduta dell'impero romano ed in seguito alle invasioni barbariche si perde notizia di Fiumana fino all'XI secolo. Nel 1045 si ha la prima notizia di un monastero benedettino e, del 1068, se ne conosce anche il nome dell'abate: Bonizio. Il monastero assume sempre maggiore importanza, per decadere però verso il XV secolo.

Nel 1080 Giovanni Gualberto, fondatore della Congregazione Vallombrosana, ebbe in dono dal vescovo di Ravenna la chiesa di Santa Maria di Fiumana per ergervi un monastero detto poi di Sant'Antonio e una grande abbazia denominata Santa Maria Maggiore. In tale complesso religioso visse, per circa 10 anni il monaco Rainieri di Bleda, il futuro papa Pasquale II.

Stemma del comune di Fiumana, prima che il comune venisse soppresso ed unito a quello di Predappio

I territori di Fiumana appartennero, con vicende alterne, sin dal XII secolo alla signoria degli Ordelaffi. Nel 1304 entrò in possesso dal marchese degli Argugliosi per ritornare nuovamente agli Ordelaffi che più volte la difesero dagli attacchi delle truppe pontificie, come nel 1359 quando Albornoz ne tentò la conquista.

Nel giugno del 1424 le truppe di FPandolfo III cinsero d'assedio il castello di Fiumana che in breve capitolò. Nel 1434 Antonio Ordelaffi ricevette da papa Eugenio IV il riconoscimento della signoria forlivese ricevendo in possesso anche i territori di Fiumana.

Feste cittadine e ricorrenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa parrocchiale l'ultima domenica di ottobre.
  • Sfilata di carri allegorici e gruppi mascherati in carnevale.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ circa

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]