Ferrante de' Rossi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ferrante de' Rossi
Brasão Rossi de Parma 2.jpg
Stemma dei Rossi di Parma
1545 circa – 1618
Nato aSan Secondo Parmense
Morto aBoemia
Dati militari
Paese servitoFlag of Cross of Burgundy.svg Spagna
Firenze-Stemma.png Ducato di Firenze
Flag of Most Serene Republic of Venice.svg Repubblica di Venezia
ComandantiFilippo II di Spagna
Don Giovanni de' Medici
CampagneCrisi di successione portoghese
Guerre di religione francesi
Lunga Guerra
voci di militari presenti su Wikipedia

Ferrante de' Rossi (San Secondo Parmense, 1545 circa – Boemia, 1618) è stato un militare italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio Giulio Cesare de' Rossi, nipote di Troilo I de' Rossi, marchese di San Secondo, e di Maddalena Sanseverino, nacque a San Secondo Parmense[1] intorno al 1545[2]. Stabilitosi a Mantova grazie al matrimonio con Polissena Gonzaga, passò tutta la sua vita sotto le armi.[1]

Nel 1566 era già al servizio di Cosimo de' Medici percependo un'entrata mensile[3]. Partecipò quindi alla sesta guerra di religione francese prendendo parte all'assedio di Poitiers contro gli Ugonotti[1]. Nel 1580 fu invece al servizio del re di Spagna Filippo II nella guerra di Portogallo[4]. La sua fama crebbe e nel 1589 venne nominato dal Granduca di Toscana governatore generale della Cavalleria, essendo messo al comando di 43 uomini d'arme e di 400 cavalli, percependo un compenso annuo di 2000 scudi. Nello stesso anno il Granduca Ferdinando I de' Medici lo nominò il cavaliere dell'Ordine di Santo Stefano papa e martire.[3][4]

Successivamente nel 1592 partecipò con il titolo di maestro di campo alla Lunga Guerra in Ungheria contro i Turchi insieme a Don Giovanni de' Medici.[4] Durante la campagna fu al comando della roccaforte di Giavarino che difese con grande tenacia e abilità riuscendo anche in una sortita notturna contro il campo turco a fare strage di più di 2000 combattenti ottomani.[1]

Dopo essere stato ricevuto con grandi onori dall'Imperatore Rodolfo II, tornò sul teatro bellico nel 1595 distinguendosi in differenti battaglie.[1]

Nel 1602 passò al servizio della repubblica di Venezia in qualità di sovraintendente generale delle fortezze di Venezia in Albania e Dalmazia, combattendo ancora una volta contro i Turchi.[3][4].

Dopo essersi ritirato morì nel 1618 secondo alcune fonti in Boemia,[1] secondo altre a Brescia[4]

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Dalla moglie Polissena Gonzaga ebbe 6 figli:

  • Ferdinando
  • Fulvia che sposò Pirro conte di Collalto
  • Giulia che divenne monaca
  • Orlando Carlo de' Rossi capitano di ventua
  • Laura che divenne monaca
  • Polissena

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine di Santo Stefano papa e martire - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Santo Stefano papa e martire

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Portale dedicato alla Storia di Parma e a Parma nella Storia, a cura dell'Istituzione delle Biblioteche di Parma ::: Dizionario biografico: Rondani-Ruzzi, su www.parmaelasuastoria.it. URL consultato il 16 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2015).
  2. ^ La data di nascita indicativa è desunta dal fatto che il padre nacque nel 1519 e morì nel 1554
  3. ^ a b c Roberto Damiani, FERRANTE DEI ROSSI, su www.condottieridiventura.it. URL consultato il 16 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2016).
  4. ^ a b c d e Pompeo (1781-1851) Litta, Famiglie celebri di Italia. Rossi di Parma / P. Litta. URL consultato il 16 febbraio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Rossi di Parma, Torino, 1835. ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]