Fernando Cerchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fernando Cerchio (Luserna San Giovanni, 7 agosto 1914Mentana, 19 agosto 1974) è stato un regista e sceneggiatore italiano.

È il padre di Carlo Cerchio, che è stato un importante direttore della fotografia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver studiato all'Accademia di belle arti e al Centro Sperimentale di Cinematografia, partecipò per quattro anni alle gare dei Littoriali, realizzando nel 1936 un cartone animato in bianco nero, Motturno. Nel 1938 entrò all'Istituto Luce come montatore e dopo un paio di anni iniziò a dirigere per lo stesso ente alcuni documentari[1].

Lavorò al suo primo lungometraggio nel 1943 intitolato La buona fortuna per proseguire nel dopoguerra con prodotti destinati al grande pubblico, tra cui i film mitologici della fine degli anni Cinquanta.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

  • Carbonia (1940)
  • La fontana di Trevi (1941)
  • Comacchio (1942)
  • La città di Stendhal (1949)
  • Concerto nel parco (1949)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Angelucci, Francesca, I provini, i saggi d'esame e i film didattici girati dagli allievi (1935-1943), Bianco & nero : rivista quadrimestrale del Centro Sperimentale di Cinematografia : 566, 1, 2010 (Roma : Carocci, 2010).
  2. ^ Laura, Ernesto G., Venezia 1944 : il fantasma del CSC, Bianco & nero : rivista quadrimestrale del Centro Sperimentale di Cinematografia : 566, 1, 2010 , p. 97.
Controllo di autorità VIAF: (EN120240495 · LCCN: (ENno2001068735 · ISNI: (EN0000 0001 1701 1038 · GND: (DE140980156 · BNF: (FRcb14653497t (data)