Europa Europa (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Europa Europa
Titolo originale Europa Europa
Lingua originale tedesca
Paese di produzione Germania, Francia, Polonia
Anno 1990
Durata 115 min
Colore Colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Agnieszka Holland
Sceneggiatura Agnieszka Holland
Casa di produzione Central Cinema Company Film (CCC), Les Films du Losange
Montaggio Isabelle Lorente, Ewa Smal
Musiche Zbigniew Preisner
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Europa Europa è un film del 1990 diretto da Agnieszka Holland, tratto dal libro autobiografico Memorie di Salomon Perel.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio della II guerra mondiale, la famiglia ebrea Perel, in seguito ad un pogrom, fugge dalla Germania in Polonia, per sottrarsi alle persecuzioni naziste: allo scoppio del conflitto fra Germania e Urss, il padre decide di far trasferire in Urss i due figli più giovani, Isaak e Salomon, che però rimangono separati nell'attraversare un fiume. Salvato da un soldato russo, Salomon, detto Sally, finisce così in un orfanotrofio a Grodno, dove viene trasformato in un fervente comunista ed impara il russo. Durante un attacco tedesco, l'orfanotrofio viene bombardato e distrutto, e Sally, ferito e isolato, è catturato dai tedeschi, al quali dichiara di essere tedesco e ariano scampando alla fucilazione prevista per i russi di etnia ebraica. Il ragazzo dichiara poi di chiamarsi Joseph Peters e che i bolscevichi gli hanno ucciso i genitori. Egli parla correntemente sia il russo che il tedesco, e diventa così interprete, distruggendo i suoi documenti e nascondendo con fatica d'essere circonciso. Sempre accompagnato dall'angoscia di essere scoperto, si confida con Robert, attore omosessuale, che, pur sapendo la verità, non lo tradisce. Dopo essere scampato miracolosamente ad un attacco in cui tutto il suo plotone, compreso Robert, perde la vita, tenta di raggiugere nuovamente i russi, trovandosi invece coinvolto in un attacco nazista, e, considerato un eroe del plotone, viene mandato a studiare in una scuola tedesca di élite perché il capitano Von Laernau e sua moglie vorrebbero adottarlo, non avendo figli. Accompagnato da una matura funzionaria del partito, il ragazzo parte per la scuola, e la donna lo seduce in treno, durante l'oscuramento, cosicché non scopre il suo segreto. Dopo il consuetudinario giuramento di fedeltà ad Hitler e dopo un'ovazione generale dovuta ai suoi meriti al fronte, ha inizio la permanenza di Sally all'interno della scuola elitaria, dove esso s'innamora di una ragazza, Leni, che gli si offre, ma che egli respinge a causa della sua circoncisione. Dopo averla schiaffeggiata, per aver affermato che avrebbe ucciso volentieri tutti gli ebrei, Sally apprende più tardi che Leni, volendo "regalare un figlio alla patria", è ora incinta di un altro uomo. In un affettuoso colloquio con la madre della ragazza, la donna gli dice che ha da tempo intuito ch'egli è un ebreo, ma non lo tradirà. Il ragazzo, tuttavia, fa sempre più fatica a conciliare la sua vera identità, con il ruolo da giovane hitleriano, al punto tale da avere agghiaccianti incubi ogni notte, in cui i genitori sembrano incolparlo di aver tradito il suo popolo per essersi venduto ai nazisti il Mentre al comando tedesco cercano invano i documenti del presunto Peters, un bombardamento distrugge tutto, uccidendo anche il migliore amico del ragazzo. Sally viene coinvolto nell'ultimo disperato tentativo di respingere l'armata rossa, ma si fa volontariamente catturare dai russi, raccontando la sua bizzarra storia. Egli sta per essere ucciso a causa dell' uniforme che indossa, quando s'imbatte nel fratello Isaak, che indossa ancora la divisa del lager. Rimasti i soli superstiti della famiglia, i due giovani andranno dagli americani e Isaak procura a Sally una divisa del lager, ma gli raccomanda di non raccontare a nessuno le sue peripezie. Da quel momento, Sally decide di ricongiungersi definitivamente con la sua identità ebraica, trasferendosi in Israele.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN189380457 · GND: (DE7539127-2 · BNF: (FRcb12316189g (data)
cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema