Ettore Cozzani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ettore Cozzani (La Spezia, 3 gennaio 1884Milano, 22 giugno 1971) è stato un editore, scrittore e saggista italiano.

Intellettuale spezzino, formatosi culturalmente agli ideali dell'Ottocento postrisorgimentale ispirati alla triade dei grandi poeti del cambio di secolo: Carducci, Pascoli e D'Annunzio, ha profuso la sua attenzione alla vita artistica, letteraria e sociale dei suoi tempi.

Nel 1911 fondò e diresse L'Eroica, innovativa rivista artistica e di tecnica xilografica.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Poemetti notturni, 1920
  • Le sette lampade accese, 1921
  • Le strade nascoste, 1921
  • Il regno perduto, 1927
  • Arturo Toscanini, 1927
  • Il poema del mare, 1928
  • Leggende della Lunigiana, 1931
  • Isabella e altre creature, 1933
  • Inno alla Spezia, 1934 musica di Domenico Cortopassi, versi di Ettore Cozzani
  • Un uomo, 1934
  • Pascoli, 1937
  • Ceriù, 1938
  • Destini, 1944
  • Saint Loup, 1950
  • Genova, 1955

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]