Ernesto Balbo Bertone di Sambuy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ernesto Di Sambuy)
Jump to navigation Jump to search
Ernesto Balbo Bertone
Conte di Sambuy
BalboBertoneSambuy.jpg

Deputato del Regno d'Italia
Legislature X
XII
XIII
XIV
XV
Coalizione destra

Senatore del Regno d'Italia
Legislature XV
Incarichi parlamentari
Cariche
  • Vicepresidente (1900 - 1902)

Commissioni

  • Membro della Commissione per la verifica dei titoli dei nuovi senatori (1902-1909)
  • Membro della Commissione per l'esame del disegno di legge "Graduale avocazione allo Stato delle spese di cui all'art. 272 del testo unico della legge comunale e provinciale approvato con R. decreto del 10 febbraio 1889, n. 921" (18 marzo 1907)

Dati generali
Professione possidente

Ernesto Balbo Bertone di Sambuy (Vienna, 12 aprile 1837Torino, 24 febbraio 1909) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Vittorio Amedeo e Luigia Carlotta Pallavicino delle Frabose venne dapprima educato privatamente e, in seguito, frequentò il Collège Saint Michel di Bruxelles.

Possidente, uomo di corte e Maestro delle cerimonie di corte a Torino, ricoprì numerose cariche pubbliche: sovrintendente ai giardini pubblici di Torino (1870-1909), consigliere comunale di Chieri e Torino (1867-1909), assessore ai Lavori Pubblici di Torino (1867-1871) e sindaco di Torino dal 1883 al 1886. Fu più volte deputato (1869, 1874, 1876, 1880, 1882), nominato senatore nel 1883 nella XV legislatura, e vicepresidente del Senato nel 1900. Fu presidente dell'Accademia Albertina dal 1887 al 1894, presidente della Promotrice di Belle Arti (1889-1896 e 1899-1902) e del Circolo degli Artisti (1879-1902).

A Torino, in Piazza Carlo Felice, c'è un giardino che porta il suo nome.

Il figlio Luigi fu podestà di Torino nel periodo fascista.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell’Ordine della Corona d’Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell’Ordine della Corona d’Italia

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore di Numero dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Numero dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
Ufficiale dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa (Portogallo)
Cavaliere di IV Classe dell'Ordine di Sant'Anna (Impero di Russia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di IV Classe dell'Ordine di Sant'Anna (Impero di Russia)
Cavaliere dell'Ordine Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Legion d'Onore (Francia)
Cavaliere d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN173293961 · ISNI (EN0000 0003 9893 8162 · ULAN (EN500266675 · BAV ADV10110811
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie