Erik Sandin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Erik Sandin
Eric Sandin.jpg
Eric Sandin
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Skate punk
Pop punk
Hardcore punk
Melodic hardcore punk
Ska punk
Punk revival
Periodo di attività musicale 1983 – in attività
Strumento batteria
Etichetta Fat Wreck Chords
Epitaph Records
Gruppo attuale NOFX
Album pubblicati 15
Sito web
(EN)

« That's Erik our drummer [...] He drank enough booze to get Rhode Island drunk
Now sober but smelly he's got one big belly [...] »

(IT)

« Questo è Erik, il nostro batterista [...] Ha bevuto abbastanza alcol da far ubriacare Rhode Island
Ora è sobrio ma puzzolente, ha una grande pancia [...] »

(NOFX - Theme from a NOFX Album - Pump Up the Valuum)

Erik Sandin, soprannominato Smelly (29 luglio 1966), è un batterista statunitense membro della popolare band punk californiana NOFX.

Nel 1983 conobbe infatti uno dei fondatori, Fat Mike, mentre andava in skateboard per Hollywood, dove risiedeva. A causa del suo trasferimento a Santa Barbara, avvenuto due anni dopo, dovette allontanarsi dalla band.

Durante l'assenza di Sandin (che durò solo un anno), la band ebbe altri 2 batteristi (Scott Sellers e Scott Aldahl) finché nel 1986 gli altri componenti non riuscirono a convincere Sandin a rientrare nei NOFX. Notoriamente tossicodipendente dall'eroina nel 1992 prima dell'album White Trash, Two Heebs and a Bean si iscrisse ad un programma di riabilitazione e si disintossicò. Dal sito ufficiale dei NOFX scrive infatti di essersi reso conto che i NOFX erano molto più importanti per lui della droga. La sua disintossicazione è riuscita comunque tanto bene che secondo quanto riporta la stessa band, Sandin attualmente conduce uno stile di vita molto più salutare rispetto a quello degli altri compagni.

In ogni caso dal suo ritorno nel 1986 è diventato il batterista fisso dei NOFX.

Non utilizza un doppio pedale[1].

Album dei NOFX con Erik Sandin alla batteria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Nofxofficialwebsite.com. URL consultato il 6 giugno 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]