Enzo Rivellini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Crescenzio Rivellini
Crescenzio Rivellini.jpg

Eurodeputato
Legislature VII
Gruppo
parlamentare
Partito Popolare Europeo
Circoscrizione Italia meridionale
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Fratelli d'Italia (2018-)
In precedenza:
Alleanza Nazionale (Fino al 2009)
Il Popolo della Libertà (2009-2013)
Forza Italia (2013-2014)
Popolari per l'Italia (2014-2017)

Crescenzio Rivellini detto Enzo (Napoli, 9 luglio 1955) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Amministratore delegato della Recam SpA (società mista: 51% alla regione Campania e 49% ad Italia Lavoro) dal 2003 al 2005, che si occupa della bonifica dei Regi Lagni del monte Somma.

Capogruppo di Alleanza Nazionale nel consiglio regionale della Campania, dove era stato eletto nell'aprile 2005.

Eletto al Parlamento europeo nel 2009 con 107.495 preferenze nella lista del PdL nella circoscrizione Italia meridionale.

È iscritto al Gruppo del Partito Popolare Europeo ed è Membro della Commissione per il controllo dei bilanci e della Commissione per la pesca.

Il 16 settembre 2009 ha fatto un intervento in napoletano al Parlamento Europeo.

È Membro sostituto della Commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare. Ricopre anche l'incarico di Presidente della Delegazione interparlamentare per i Rapporti con la Repubblica Popolare Cinese.

Nel 2010 nello scontro tra Berlusconi e Fini segue quest'ultimo abbandonando il PdL aderendo a Futuro e Libertà per l'Italia per cui sarà coordinatore regionale in Campania. Polemico sulle scelte del partito fin dall'inizio ritorna poco dopo nel PdL [1]

Nel novembre 2011 ha dato vita all'associazione Mezzogiorno di Fuoco che fa riferimento all'area politico-culturale del centrodestra in Italia e del PPE in Europa.

Nel novembre 2013 con la rinascita di Forza Italia ha aderito al nuovo soggetto politico.

Il 14 febbraio 2014 presso l'Ufficio per l'Italia del Parlamento Europeo ha incontrato l'ex calciatore argentino Diego Armando Maradona, da anni al centro di un contenzioso con il fisco italiano, per portare il caso all'attenzione delle Istituzioni comunitarie.

Ricandidato alle Elezioni europee del 2014 nella Circoscrizione Italia meridionale per Forza Italia con 56.455 preferenze non viene rieletto. In seguito aderisce a Popolari per l'Italia in vista delle Elezioni Regionali in Campania del 2015 a sostegno del governatore uscente Stefano Caldoro.

La compagna Bianca D'Angelo è stata assessore alle politiche sociali nella giunta di Stefano Caldoro alla Regione Campania dal giugno 2014 per due anni.

Il 2 maggio 2016 viene ufficializzato il suo sostegno al candidato sindaco di Napoli Gianni Lettieri con la lista Napoli Capitale quando inizialmente si era candidato lui stesso in autonomia.

Alle elezioni politiche italiane del 2018 è il candidato della coalizione di centro-destra (in quota Fratelli d'Italia) nel collegio uninominale Campania - 09 per il Senato ma con 65.387 voti arriva secondo dietro a Virginia La Mura del Movimento 5 Stelle (111.741 voti) e non viene eletto.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]