Elezioni presidenziali in Finlandia del 2012

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezioni presidenziali in Finlandia del 2012
Stato Finlandia Finlandia
Data 22 gennaio, 5 febbraio
Sauli Niinistö (cropped).jpg Pekka Haavisto 2x3.jpg
Candidati Sauli Niinistö Pekka Haavisto
Partito Partito di Coalizione Nazionale Lega Verde
I turno 1.131.254
36,96 %
574.275
18,76 %
II turno 1.802.328
62,59 %
1.077.425
37,41 %
Presidente uscente
Tarja Halonen
Left arrow.svg 2006 2018 Right arrow.svg

Le elezioni presidenziali in Finlandia del 2012 si sono tenute il 22 gennaio (primo turno) e il 5 febbraio (secondo turno).

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Candidati Liste I turno II turno
Voti % Voti %
Sauli Niinistö Partito di Coalizione Nazionale 1.131.127 36,96 1.802.328 62,59
Pekka Haavisto Lega Verde 573.872 18,8 1.077.425 37,41
Paavo Väyrynen Partito di Centro Finlandese 536.555 17,53 - -
Timo Soini Veri Finlandesi 287.571 9,40 - -
Paavo Lipponen Partito Socialdemocratico Finlandese 205.111 6,70 - -
Paavo Arhinmäki Alleanza di Sinistra 167.663 5,48 - -
Eva Biaudet Partito Popolare Svedese di Finlandia 82.598 2,70 - -
Sari Essayah Democratici Cristiani Finlandesi 75.744 2,47 - -
Totale 3.060.771 100 2.879.753 100

Fonte: Ministero della Giustizia, primo turno - secondo turno

Esito[modifica | modifica wikitesto]

Nessun candidato ha ricevuto la maggioranza dei voti al primo turno. Con rispettivamente il 37 % e il 18,8 % dei voti, Sauli Niinistö del Partito di Coalizione Nazionale e Pekka Haavisto della Lega Verde si sono affrontati nel secondo turno decisivo, tenutosi il 5 febbraio 2012[1][2], risultando vincitore il candidato del Partito di Coalizione Nazionale, l'ex ministro Sauli Niinistö, che diventa così il dodicesimo presidente della Finlandia[3].

Il presidente uscente, Tarja Halonen, non ha potuto candidarsi nuovamente, avendo già portato a termine due mandati presidenziali previsti dalla Costituzione.[4] Le elezioni successive sono previste per il 2018.

Campagna elettorale[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

I partiti hanno previsto un budget di spesa nettamente inferiore rispetto alla tornata elettorale precedente. Ciò è dovuto in parte alla crisi economica e in parte agli scandali recenti riguardanti i fondi di campagne elettorali. La somma delle stime di spesa dei quattro più grandi partiti finlandesi è inferiore ai 3 milioni di euro[5].

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Il 32,7% degli aventi diritto ha votato durante la votazione anticipata tra l'11 e il 17 gennaio.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Presidential elections: Niinistö, Haavisto headed for second round, YLE, 22 gennaio 2012. URL consultato il 22 gennaio 2012.
  2. ^ (EN) Election Dates, Ministero della giustizia. URL consultato il 15 agosto 2011.
  3. ^ (FI) Maija Aalto, Sauli Niinistö on Suomen 12. presidentti, Helsingin Sanomat, 5 febbraio 2012. URL consultato il 5 febbraio 2012.
  4. ^ (EN) Article 5, clause 54 of the Finnish constitution, Costituzione della Finlandia, 22 gennaio 2012.
  5. ^ (FI) Marjo Ollikainen, Vaalirahakohu romahdutti puolueiden kampanjakassat – Presidentinvaalit – Politiikka, Helsingin Sanomat, 19 dicembre 2011. URL consultato il 13 gennaio 2012.
  6. ^ (FI) STT, Ennakkoon äänestäneitä viime vaaleja enemmän, Helsingin Sanomat, 17 gennaio 2012. URL consultato il 23 gennaio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]