Elezioni dell'Assemblea costituente panrussa del 1917

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezioni dell'Assemblea costituente panrussa del 1917
Stato RSFS Russa RSFS Russa
Data 25 novembre
Legislatura I
Viktor Chernov (1873-1952), Russian revolutionary (small).jpg Bundesarchiv Bild 183-71043-0003, Wladimir Iljitsch Lenin.jpg MartovW.jpg
Leader Viktor Michajlovič Černov Lenin Julij Martov
Partito Partito Socialista Rivoluzionario Partito Operaio Socialdemocratico Russo (bolscevico) Partito Operaio Socialdemocratico Russo (menscevico)
Voti 17 943 000
40,4 %
10 661 000
24,0 %
1 144 000
2,6 %
Seggi
380 / 703
168 / 703
18 / 703
Risultati delle elezioni[1][2]
Left arrow.svg 1912 III Right arrow.svg

Le elezioni dell'Assemblea costituente russa si tennero nella Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa il 25 novembre 1917, anche se in alcuni distretti si votò in più giorni. Si sarebbero dovute tenere due mesi prima come effetto della rivoluzione di febbraio. Furono le prime elezioni libere in Russia. L'affluenza fu del 48,44%.

Svolgimento[modifica | modifica wikitesto]

I bolscevichi e i socialrivoluzionari di sinistra si erano impadroniti del potere con la rivoluzione d'ottobre. La lista dei candidati era stata presentata prima che si verificasse la scissione all'interno del Partito Socialista Rivoluzionario; pertanto, i socialrivoluzionari di destra godettero di una rappresentazione troppo elevata, mentre i socialrivoluzionari di sinistra che facevano parte della coalizione di governo del Comitato Esecutivo Centrale panrusso insieme coi bolscevichi furono esclusi[3].

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

L'Assemblea costituente si riunì il 18 gennaio 1918, e tutti i leader degli altri partiti si rifiutarono di supportare l'idea di Lenin di creazione di una repubblica sovietica. Pertanto, il giorno seguente il Comitato Esecutivo Centrale panrusso sciolse l'Assemblea rendendo de facto il Congresso panrusso dei Soviet il corpo legislativo della Russia, per evitare che vi fosse uno scontro tra quest'ultimo e l'Assemblea. Tra il 23 e il 31 gennaio fu convocato il III Congresso panrusso dei Soviet, al quale parteciparono 860 bolscevichi su 1647 delegati (il 52,22%), che ratificò in larga maggioranza lo scioglimento dell'Assemblea.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati effettuati diversi studi, che hanno dato risultati diversi. Ad ogni modo, tutti indicano chiaramente che i bolscevichi vinsero con ampio margine nei centri urbani ed ottennero circa i due terzi dei voti dei soldati che combattevano sul Fronte Orientale. Tuttavia, i socialrivoluzionari batterono i bolscevichi grazie alla forza del supporto da parte dei contadini delle aree rurali. Comunque, è degno di nota il fatto che i contadini votarono per la maggior parte con un solo obiettivo, la riforma agraria. Siccome i socialrivoluzionari ed i bolscevichi avevano posizioni molto simili, è probabile che il grande risultato ottenuto dal Partito Socialista Rivoluzionario fosse dovuto semplicemente al fatto che tale partito era maggiormente conosciuto presso i contadini. Oliver Henry Radkey ha realizzato la seguente analisi:

Partito Voti[4] Percentuale Deputati
Partito Socialista Rivoluzionario[5] 17 943 000 40,4% 380
Bolscevichi 10 661 000 24,0% 168
Partito Democratico Costituzionale (Cadetti)[6] 2 088 000 4,7% 17
Menscevichi 1 144 000 2,6% 18
Altri[7] 8 198 000 18,40% 120
Totale (contati) 40 034 000 90,10% Totale: 703
Totale (Non contati) 4 543 000 10,2%
Totale 44 577 000 100%

Tutti i partiti[modifica | modifica wikitesto]

Partito Voti [4] %
Partito Socialista Rivoluzionario 17 943 000 40,4%
Bolscevichi 10 661 000 24,0%
Socialrivoluzionari ucraini 3 433 000 7,7%
Partito Democratico Costituzionale ("Cadetti") 2 088 000 4,7%
Menscevichi 1 144 000 2,6%
Altri partiti liberali russi 1 261 000 2,8%
Partito Menscevico Georgiano 662 000 1,5%
Musavat (Azerbaigian) 616 000 1,4%
Dashnaktsutiun (Armenia) 560 000 1,3%
Socialrivoluzionari di sinistra 451 000 1,0%
Altri socialisti 401 000 0,9%
Alash Orda (Kazakistan) 407 000 0,9%
Altri partiti minori nazionali 407 000 0,9%
Totale (voti contati) 40 034 000 90,10%
Voti non contati 4 543 000 10,2%
Totale 44 577 000 100%

Per regione[modifica | modifica wikitesto]

Regione Voti ai bolscevichi %[8]
Tutta la Russia 23,4
Flotta baltica 62,6
Flotta del Mar Nero 20,5
Fronte Settentrionale 56,1
Fronte Occidentale 66,9
Fronte Sudoccidentale 29,8
Fronte Romeno 14,8 Pietrogrado 45,0
Mosca 47,9
Transcaucasia 4,6
Estonia 40,4
Livonia 71,9
Vitebsk 51,2
Minsk 63,1
Smolensk 54,9
Bielorussia (primi 3) 57,5
Siberia 9,9
Operai 86,5
Partito % Voto nel

Caucaso[8]

Menscevichi 30,1
Dashnak 18,5
Partito Socialista Rivoluzionario 5,6
Bolscevichi 4,6
Partito Democratico Costituzionale (Cadetti) 1,3
Non classificati 39.8

I menscevichi ottennero solo il 3,3% dei voti a livello nazionale, ma in Transcaucasia ottennero il 30,2%. Il 41,7% del loro supporto proveniva da lì, ed in Georgia circa il 75% della popolazione votò per loro[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RU) Constitutional Assembly in the History of Russian Parliament, in Echo of Moscow, 3 marzo 2008. URL consultato il 7 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  2. ^ (RU) Electoral System of Russia, in Bestreferat.ru, 3 marzo 2008.
  3. ^ Sheila Fitzpatrick, The Russian Revolution, Oxford: Oxford University Press (2008), p. 66.
  4. ^ a b Bryan Caplan, Lenin and the First Communist Revolutions, IV, George Mason University.
  5. ^ Sono inclusi anche i membri del Partito Socialista Rivoluzionario Ucraino
  6. ^ Sono inclusi anche altri deputati di destra
  7. ^ Comprendono 39 socialrivoluzionari di sinistra, 4 socialisti popolari e 77 provenienti da vari gruppi politici locali
  8. ^ a b Oliver Henry Radkey, The Election to the Russian Constituent Assembly
  9. ^ Oliver Henry Radkey, The Election to the Russian Constituent Assembly, page 79

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Badcock, Sarah. "'We're for the Muzhiks' Party!'Peasant Support for the Socialist Revolutionary Party During 1917." Europe-Asia Studies 53.1 (2001): 133-149.
  • Rabinovitch, Simon. "Russian Jewry goes to the polls: an analysis of Jewish voting in the All‐Russian Constituent Assembly Elections of 1917." East European Jewish Affairs 39.2 (2009): 205-225.
  • Radkey, Oliver Henry. Russia goes to the polls: the election to the all-Russian Constituent Assembly, 1917 (Cornell University Press, 1989)
  • Smith, Scott Baldwin. Captives of Revolution: The Socialist Revolutionaries and the Bolshevik Dictatorship, 1918–1923 (University of Pittsburgh Pre, 2011)
  • Von Hagen, Mark. Soldiers in the proletarian dictatorship: the Red Army and the Soviet socialist state, 1917-1930 (Cornell University Press, 1990)