Eden: It's an Endless World!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Eden: It's an Endless World!
manga
Copertina del primo volume dell'edizione italiana del manga.
Copertina del primo volume dell'edizione italiana del manga.
Titolo originale Eden: It's an Endless World!
Autore Hiroki Endo
Editore Kodansha
1ª edizione 1998 – 2008
Collana 1ª ed. Afternoon (rivista)
Tankobon 18 (completa)
Editore it. Panini Comics
1ª edizione it. 20 aprile 2000
Collana 1ª ed. it. Planet Manga
Tankobon it. 18 (completa)
Lettura it. ribaltata rispetto all'ed. orig.
Genere

Eden: It's an Endless World! (EDEN 〜It's an Endless World!〜 Eden: It's an Endless World!?) è un manga scritto e illustrato da Hiroki Endo e pubblicato in Giappone sulla rivista Afternoon. È ambientato in un prossimo futuro, nel quale un misterioso virus ha sterminato il 15% della popolazione mondiale,[1] alterando l'equilibrio politico globale. La copertina del volume 11 è stata citata dal New York Times.[2]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Futuro prossimo. Un pericolosissimo virus, il Closer Virus, ha sterminato gran parte della popolazione terrestre. Il suo metodo di attacco è allo stesso tempo semplice e micidiale: trasformare la pelle in materiale corneo, sino a portare l'ospite alla morte.

Tra gli scienziati che cercano un medicinale per combattere il terribile nemico vi sono anche Rain e Cris. Cris rivela però di far parte di Propater, un'organizzazione in disaccordo con le strategie dei vari governi, convinta che il Virus sia nato a causa di un esperimento batteriologico dell'esercito americano.

Quando un incidente porta il virus all'interno della base in cui si trovano i due scienziati, Cris affida il figlio Enoa e un'altra ragazzina, Hana Ballade, a Rain per recarsi a Propater. Rain crea così un piccolo Eden dove i due ragazzi, risultati immuni al virus, possano un giorno ripopolare la terra, come due moderni Adamo ed Eva.

Vent'anni più tardi Enoa è il più grande boss della droga del Sud America: ha accumulato molto potere, ma anche molti nemici. Questi ultimi, non riuscendo a ucciderlo, cercano di rapire i figli che ha avuto con Hana. Mentre la sorella viene catturata, Elia riesce a sfuggire agli assalitori e si ritrova a vagare in un devastato Perù insieme al robot Cherubino.

I due finiscono nella mani di un gruppo di mercenari guidati dal capitano Karn Nazarbaief, la cui famiglia fu sterminata dalla Propater. Saputo che il prigioniero è il figlio di Enoa, i mercenari decidono di non torcergli un capello.

Elia viene scarcerato, chiede di Ricky, il suo amico, ricevendo la notizia che è stato liberato prima di lui, durante il cammino, si imbatte in due criminali, lo picchiano e il ragazzo perde i sensi di conseguenza rubano a Elia il portafogli e lo lasciano per terra, sanguinante. Nel frattempo Helena Montoya, una prostituta, riesce ad ottenere l'affido di Emanuela Elenoa e della piccola Cesy, le quali erano state "affidate" a Pedro Octavio, un boss malavitoso che cura i territori della città devastata di Lima, Helena minacciando Pedro dichiara che non lascerà mai più Emanuela e la sua bambina nelle sue mani, così dicendo escono dal locale per far ritorno a casa, ma nel percorso si imbattono in un malconcio Elia, la piccola Cesy chiede al ragazzo se sta bene e Helena appena vede il giovane per terra capisce che si tratta di quel bambino visto 5 anni prima durante una crudele battaglia, Emanuela vista la faccia stupita dell'amica chiede se lo conosce, lei fumando una sigaretta finge freddezza e risponde affermativamente.

Elia portato nel locale-bordello dove Helena abita insieme ad altre prostitute, viene curato e assunto temporaneamente come cameriere factotum. Pedro Octavio saputo dove Emanuela è stata nascosta decide di riprendersi la ragazza, con la scusa di bersi un caffè, chiede di Emanuela, Helena che in quel momento aveva finito con un cliente, risponde a Pedro che Emanuela non lo vuole più vedere e che ha chiuso con la droga, ma Pedro la zittisce dicendo che voleva Emanuela e dopo un piccolo scambio di battute al vetriolo tra i due, Helena dice a Naomi, una prostituta salvata dalle grinfie di ragazze dalla testa calda, di chiamare i ragazzi di Tony, nel locale si scatena così una sanguinosa battaglia, risolta con tre o quattro morti tra gli ayon, Pedro tuttavia dice a Helena di lasciare un messaggio a Emanuela: Ti amo, torna quando vuoi.

Le ragazze decidono di andare a battere per strada per evitare altri scontri nel locale.


Elia intanto torna dove giorni prima, dopo una partitella di calcio tra la squadra di Ricky (ospite) e la squadra locale avversaria (appartenente allo stesso Pedro Octavio), c'è stata una violenta lite tra le due squadre, per un fallo di un giocatore della squadra locale ai danni di un ragazzo della squadra ospite, Ricky e i suoi compagni di squadra e del ragazzo che ha subito fallo, protestano rumorosamente, cosa che Pedro non gradisce e comincia a sparare all'impazzata ai giocatori della squadra ospite ferendo altre persone casuali intimandoli di non presentarsi mai più nel campetto del suo territorio.

Elia insieme al suo amico e al poliziotto Rico vanno in casa del ragazzo per chiedergli alcune cose riguardo alla sparatoria dove lui è rimasto ferito, ma il giovane forse per paura di ritorsioni a lui e alla sua famiglia nega tutto e dice che si è fatto male cadendo, interviene sua madre e dice che il figlio è rimasto ferito in un incidente.

Cesy, nel frattempo è triste perché sua madre ha avuto una crisi di astinenza durante il "lavoro" e il cliente che era con lei se ne è andato arrabbiato e schifato, Elia sedendosi con lei sulla scala sente la conversazione che Helena ha con Emanuela, Elia allora decide di intervenire per aiutare la madre di Cesy.

Mentre sta camminando in strada per andare dalla polizia, Elia viene rapito e portato in un'automobile da un finto poliziotto che mai ha conosciuto, lo sconosciuto infatti si rivelerà tutt'altro che amico, Elia cerca invano di sfuggirgli ma viene da parte dell'uomo, minacciato con un coltello puntato sul naso e quindi il ragazzo è costretto a stare a sentire quello che il "poliziotto" gli dice di riferire a Tony, un poliziotto amico di Elia, il messaggio dice "Tony la tua epoca è finita!!", detta questa frase lascia libero il ragazzo che appena vede allontanarsi la macchina, ne approfitta per cercare una cabina telefonica e chiamare la polizia, ma due sgherri messi dallo stesso uomo, bloccano il tentativo di chiamata di Elia e viene portato via da quei due malintenzionati.

Elia il giorno dopo va da Rico e gli chiede del metadone, e nello stesso momento rientra in possesso di Cherubino (un computer che lui aveva costruito e dato un "cervello umano") ma che è stato praticamente rovinato in memoria e a cui nessuno aveva fatto il backup.

Passa un po' di tempo ed Elia senza dire una parola a nessuno, fa mettere Emanuela in una clinica per disintossicarsi, ma Pedro appena saputo che l'amata è stata portata via dal locale, si arrabbia e medita vendetta, una tremenda vendetta che costerà caro a una persona a cui Elia tiene tanto: quella che per un periodo diventerà la sua donna (nonostante la differenza di 10 anni di età tra i due).

Proprio Helena quella sera incontra un cliente (che altro non è che uno sgherro di Pedro, senza che lei lo riconosca) che contratta con lei fino a quando la ragazza accetta e si allontana con il fittizio cliente per andare in una stanza di albergo (malmesso) a carico ovviamente dello stesso cliente.

Helena e il " cliente" si trovano nella stanza dove avrebbero dovuto consumare il loro rapporto, in quel momento Helena viene colpita da Pedro che era nascosto dietro alla porta della camera(che messosi d'accordo con il suo sgherro/cliente) chiede dove Emanuela è stata portata, ricevendo risposta negativa dalla ragazza, Pedro pensa che lo stia prendendo in giro e viene picchiata violentemente dai sgherri e da Pedro stesso, tra Helena e il boss c'è uno scambio di battute velenose,(essendo stata la madre di quest'ultimo anche lei una prostituta) Pedro decide comunque di portare a termine la sua vendetta, in quel momento Lucia ed Ema, due amiche prostitute come Helena, si preoccupano perché la loro amica non ha dato più notizie e allarmandosi la fanno cercare dappertutto, nel frattempo anche Elia e Cesy si mettono a cercarla, in quel momento un ragazzino consegna un sacchettino a Ema, che trova una scatola e con tremendo orrore trovano dentro un occhio cavato e un orecchio di Helena, messi con una spaventosa cura precisa su di un cuscinetto con un biglietto con la frase seguente: Elia restituiscimi Emanuela!. Qualche minuto dopo Helena verrà infatti trovata nell'albergo malandato, in un lago di sangue mutilata orribilmente.

Elia, Cesy, Ema, Lucia, la proprietaria del locale/bordello (chiamata da Helena e le altre ragazze del bordello stesso affettuosamente e rispettosamente "mamma") accorrono disperati al ospedale dove Helena è stata ricoverata. Alla giovane è stata praticata una lavanda gastrica e fatto degli esami che rivelano che la ragazza non è incinta, ma ha perduto per sempre occhio e orecchio sinistri.

Elia sentendosi in colpa decide di vendicare Helena per quel che le è capitato.


Pedro riesce comunque a rapire Emanuela e la fa drogare a modo suo.


Qualche giorno più tardi il boss malavitoso si trova all'aeroporto di Lima perché si doveva come da accordo incontrare con la giovane e con la sua bimba per un viaggio in America, in quei giorni c'è stato un allarme riguardante una donna, chiamata Stella Almeyda di circa 30 anni, che andava in giro ad adescare gente con blandizie e parole dolci, per poi ucciderla senza motivo apparente, Stella vede la piccola Cesy che in quel momento era sola, e con fare dolce le fa alcune domande, Naomi in quel istante stava controllando in una guardina insieme a dei poliziotti la stazione negli schermi e appena ha visto la bambina sola con la squilibrata dà l'allarme, Stella sentitasi braccata, non esita a rapire Cesy e cercare di scappare con la piccola, ma viene bloccata dall'agente Rico, Stella lo uccide senza dargli tempo di finire la frase: Sei in arresto, Rico viene decapitato in brutale modo, casualmente in quell'attimo altri poliziotti stavano braccando Pedro mentre consegnava della droga alla sua amata Emanuela, partono degli spari e nella mischia(tra spari, coltellate e armi da taglio) chi ci va di mezzo è infatti la piccola Cesy, che per un tentativo disperato di sfuggire alla squilibrata, rimane infilzata al petto da una grossa lama fuori/uscita dal braccio di Almeyda, e, mormorando qualcosa, muore cadendo a terra.

Elia saputa la notizia della morte della bambina rimane sconvolto e fa uccidere Pedro e Emanuela convinto che i colpevoli della morte di Cesy siano stati loro, ma ha torto, infatti ad uccidere la bambina è stata Stella Almeyda.

Con la morte di Pedro e di Emanuela, Elia decide di togliersi di mezzo per non dare disturbo nel locale, ma qualcosa gli fa cambiare idea, l'amore che lui prova per Helena, la stessa infatti, appena vede che Elia sta preparandosi a lasciare il locale, lo convince a rimanere e nel giro di pochi minuti i due fanno l'amore. Nel frattempo un'amica di Helena, Paloma, sta dando problemi ad alcune persone per via della sua dipendenza all'eroina, anche Helena ed Elia cercano di convincerla ma la giovane rifiuta, giorni dopo Paloma viene trovata morta per overdose e il locale dove lei lavorava viene chiuso. In quei giorni Elia va a trovare sua madre in ospedale, non ha ancora ripreso conoscenza e per lui è molto triste vederla in quello stato, e viste che le cose da lui volute stanno degenerando, decide di rivolgersi a Propater, la stessa Propater che farà morire alcune persone innocenti.

Entra in scena un altro personaggio di rilievo importante, Miriam Arona, ex amante di Leonardo Pessoa (e futura moglie di Elia, visto che alla fine diventeranno genitori di un bel bambino)

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Eden: It's an Endless World!.
  • Enoa Ballade padre di Elia
  • Elia Ballade il protagonista
  • Helena Montoya prostituta con cui Elia avrà una storia
  • Mana Ballade sorellina minore di Elia
  • Hana Ballade madre di Elia
  • Pedro Octavio boss malavitoso
  • Emanuela Elenoa giovane prostituta
  • Cesy Elenoa la bimba di Emanuela
  • Riky amico di Elia
  • Naomi giovane prostituta amica di Helena
  • Lucia giovane prostituta
  • Ema giovane prostituta
  • Miriam Arona detective ventiquatrenne amante di Leonardo Pessoa
  • Leonardo Pessoa agente segreto amante di Miriam Arona, ucciso da Propater
  • Emilio Sosa fratello di Pedro Octavio
  • Sophia Theodores donna di 41 anni, con il corpo "rifatto" da giovane ragazza
  • Riccardo Lasso agente ucciso da Propater
  • Rosy amica quindicenne di Mana Ballade
  • Maya ragazzo da oscure origini ma molto simpatico
  • Gina Ballade sorella maggiore di Elia, defunta
  • Alicia Chen agente segreto amica di Miriam Arona, defunta
  • Wendy[3] agente investigativa facente parte della P.U.P.O., omosessuale
  • Lucy Fon[3] ragazza di origini giapponesi (o cinesi), omosessuale, compagna di Wendy Maccoll

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Eden: It's an Endless World!, manga edizione italiana, numero 4 pag 35.
  2. ^ "Introducing The New York Times Graphic Books Best Seller Lists" di George Gene Gustines, 5 marzo 2009
  3. ^ a b Wendy e Lucy sono fidanzate tra di loro, ma non vivono dove è ambientato il manga in Perù ma vivono in Australia, di preciso a Sydney

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga