Ecclesiam Suam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ecclesiam Suam
Lettera enciclica
Stemma di Papa Paolo VI
Pontefice Papa Paolo VI
Data 6 agosto 1964
Anno di pontificato II
Traduzione del titolo La sua Chiesa
Argomenti trattati Chiesa cattolica
Enciclica papale nº I di VII
Enciclica precedente Pacem in Terris
Enciclica successiva Mense Maio

Ecclesiam Suam (in italiano La Sua Chiesa) è la prima lettera enciclica pubblicata dal papa Paolo VI, il 6 agosto 1964. Essa fu interamente incentrata sulla Chiesa cattolica e in particolare sulla sua attualità e sulle vie con cui essa dovesse attendere al suo mandato.

Pubblicata appena nel secondo anno del pontificato, essa fu considerata una sorta di "programma" di papa Montini: nella stessa enciclica egli stesso spiegò come fosse suo scopo «manifestarvi alcuni nostri pensieri, che sovrastano agli altri dell'animo Nostro e che ci sembrano utili a guidare praticamente gli inizi del Nostro pontificale ministero.»

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Fu un documento molto significativo, poiché inaugurò una nuova forma di approccio della Chiesa sia verso il mondo che verso le altre realtà religiose: infatti oltre al desiderio del Papa di far sì che la Chiesa potesse interagire con la modernità, rilevante in questa enciclica fu anche la sua attenzione all'ecumenismo.

Papa Montini definì questa sua prima enciclica "esortatoria", in quanto sarebbero spettati al Concilio Vaticano II (ancora non concluso) e alle successive encicliche gli aspetti più propriamente dogmatici e dottrinali.[1]

Attraverso un prologo e tre capitoli, Paolo VI indicò sinteticamente le vie attraverso cui la Chiesa avrebbe dovuto concepire il suo cammino e il suo mandato nella nuova società:

  • La coscienza di se stessa, della propria origine e della propria missione nel mondo, una consapevolezza che essa avrebbe dovuto ritrovare e approfondire.
  • Il rinnovamento di cui la Chiesa aveva bisogno «per essere – usando le parole del Pontefice – santa, per essere forte, per essere autentica».
  • Il dialogo, cioè il modo con cui essa avrebbe dovuto evangelizzare il mondo contemporaneo e concepire la sua attività ministeriale e la sua missione apostolica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]