Duca in Baviera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Duca in Baviera (tedesco: Herzog in Bayern) era il titolo usato tra gli altri dai Wittelsbach duchi del Palatinato-Zweibrücken e linee collaterali discendente da loro. Così si legge per esempio il titolo completo di Carlo I del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld e patriarca del Casato del Palatinato-Birkenfeld: Conte Palatino del Reno, Duca in Baviera Conte di Veldenz e Sponheim.

Il titolo crebbe di importanza così come accordato nel 1799 - ora con il titolo di Altezza Reale - per Guglielmo, Conte Palatino di Zweibrücken-Birkenfeld-Gelnhausen ed i suoi discendenti che fondava un ramo cadetto del Casato dei Wittelsbach, che era stata la casa regnante di Baviera dal 1180. Il titolo di Duca di Baviera era stato usato dai governanti della Baviera dal 548 fino a quando la Baviera fu elevata allo status di Elettorato del Sacro Romano Impero nel 1623 (con alcune interruzioni quando la Baviera fu suddivisa:vedi Elenco dei reggenti di Baviera)

Il 16 febbraio 1799 il capo del Casato dei Wittelsbach Carlo Teodoro, Elettore di Baviera morì. Al momento c'erano due rami superstiti della famiglia Wittelsbach: Zweibrücken, con a capo il Duca Massimiliano Giuseppe e Birkenfeld guidata dal Conte Palatino Guglielmo. Massimiliano Giuseppe ereditò il titolo di Carlo Teodoro di Elettore di Baviera, mentre Guglielmo fu compensato con il titolo di Duca in Baviera. La forma di Duca in Baviera fu scelta perché nel 1506 era stata costituita una primogenitura nel Casato di Wittelsbach con la conseguenza che vi fosse un solo di Duca di Baviera nel tempo.

Nel 1965 c'erano solo due membri maschi della famiglia, il duca Luigi Guglielmo in Baviera e suo cugino il duca Luitpoldo; entrambi anziani e senza figli. Il 18 marzo 1965 il duca Luigi Guglielmo adottò il principe Max di Baviera il secondogenito di Alberto Leopoldo di Baviera e nipote di Maria Gabriella in Baviera sorella di Ludovico Guglielmo. Da questo punto in poi Max ha usato il cognome di "Herzog in Bayern" al posto del cognome "Prinz von Bayern". Max ha cinque figlie tutte nate con il cognome "Herzogin in Bayern".

Antenati[modifica | modifica wikitesto]

Guglielmo, il primo Duca in Baviera, era un discendente del ramo Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld-Gelnhausen. I suoi antenati furono:

Duchi in Baviera[modifica | modifica wikitesto]

Se consideriamo il 1799 come l'inizio di una casata distinta, i capi sono stati:

  • Guglielmo (1789/99-1837), (Il) Conte Palatino di Gelnhausen 1789, Duca in Baviera (approssimativamente) 1799
  • Pio Augusto (1837)
  • Max Joseph (1837–1888)
  • Carlo Teodoro (1888–1909) a causa dell'abdicazione del fratello maggiore per il suo matrimonio morganatico
  • Luigi Guglielmo (1909–1968)
    • Dopo la sua morte, suo cugino Luitpold Emanuel (1890-1973) è rimasto l'ultimo membro naturale della famiglia.
  • Max Emanuel, adottato, dal 1968.

I membri della famiglia hanno usato il titolo di Duca e Duchessa in Baviera, con il trattamento di Altezza Reale.

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Guglielmo
*17521837
Maria Elisabetta
*17841849
sp. 1808 Louis Alexandre Berthier,principe di Neuchâtel
*17531815
Pio Augusto
*17861837
sp. 1807 Amalia Luisa di Arenberg
*17891823
Massimiliano Giuseppe (duca Max)
*17841849
sp. 1828 Ludovica di Baviera
*18081892
Luigi Guglielmo
*18311920
(discendenza morganatica)
Elena
*18341890
sp. 1858 Massimiliano Antonio di Thurn und Taxis
*18311867
Elisabetta
*18371898
sp. 1854 Francesco Giuseppe I d'Austria
*18301916
Carlo Teodoro
*18391909
sp. 1865 Sofia di Sassonia
*18451867
Maria Sofia
*18411925
sp. 1859 Francesco II delle Due Sicilie
*18361894
Matilde Ludovica
*18431925
sp. Luigi di Borbone-Due Sicilie
*18381886
Sofia Carlotta
*18471897
sp. Ferdinando d'Orléans, duca d'Alençon
*18441910
Massimiliano Emanuele
*18491893
sp. Amalia di Sassonia-Coburgo-Kohary
*18481894
Amalia Maria
*18651912
sp. 1892 Guglielmo di Urach
*18641828
Sofia Adelaide
*18751957
sp. 1898 Hans Veit zu Toering-Jettenbach
*18621929
Elisabetta
*18761965
sp. 1900 Alberto I del Belgio
*18751934
Maria Gabriella
*18781912
sp. 1900 Rupprecht di Baviera
*18691955
Luigi Guglielmo
*18841968
sp. 1917 Eleonore di Sayn-Wittgenstein-Berleburg
*18801965
Sigfrido
*18761952
Cristoforo
*18791963
sp. 1924 Anna Sibig
*18741958
Luitpold Emanuel
*18981973
Massimiliano
(adottato)
*1937
sp. 1967 Elizabeth Douglas
*1940
Sofia
*1967
sp. 1993 Luigi di Liechtenstein
*1968
Marie Caroline
*1969
sp. 1991 Filippo di Württemberg
*1964
Helene
*1972
Elizabeth
*1973
sp. 2004 Daniel Terberger
*1967
Anna
*1975
sp. 2007 Klaus Runow

Dimore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1813 il Duca Guglielmo in Baviera acquistò un ex monastero dopo la sua secolarizzazione, la francone Abbazia di Banz. Suo nipote il Duca Massimiliano Giuseppe in Baviera acquistò il Castello di Possenhofen sul Lago di Starnberg che divenne la sua principale residenza e dove i suoi figli, in particolare la futura Imperatrice Elisabetta d'Austria, Regina d'Ungheria ("Sissi"), furono allevati. Nel 1838 egli acquistò il Castello di Unterwittelsbach (oggi ospita un museo di "Sissi") nei pressi del sito di Burg Wittelsbach, la sede ancestrale del Casato di Wittelsbach. Sua moglie, la Principessa Ludovica di Baviera, figlia del Re Massimiliano I Giuseppe di Baviera, eredità l'alto bavarese Abbazia di Tegernsee, acquistata nel 1817 da Re Massimiliano I Giuseppe, insieme alla vicina Kreuth.

Luitpold Emanuel in Bavaria (1890-1973), l'ultima prole del ramo minore in Baviera, vendette Possenhofen e Schloss Biederstein a Monaco al fine di finanziare il suo tardo romantico castello di Ringberg. Suo cugino il Duca Luigi Guglielmo in Baviera, anch'egli senza figli, nel 1965 adottò il nipote di sua sorella Maria Gabriella, il Principe Max Emanuel di Baviera del ramo maggiore, che ereditò le proprietà a Banz, Tegernsee e Kreuth da suo zio e, dal lato di suo padre, il Castello di Wildenwart nei pressi du Frasdorf, che nel 1862 erano stati acquistati da Francesco V, Duca di Modena che le lasciò a sua nipote, la regina bavarese Maria Teresa.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]