Dominion (gioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dominion
Autore Donald X. Vaccarino
Editore Germania Hans im Glück
Italia Stupor Mundi
Stati Uniti Rio Grande Games
Paesi Bassi 999 Games
Francia Filosofia Editions
Spagna Devir
1ª edizione 2008
Regole
N° giocatori 2-4
5-6 se si dispone di Dominion - Intrigo
Requisiti
Età 8+
Preparativi 5-10 minuti
Durata 30-45 minuti
Aleatorietà Media

Dominion è un gioco di carte creato da Donald X. Vaccarino pubblicato dalla Rio Grande Games nel 2008, successivamente tradotto e distribuito in diverse lingue, italiano compreso; in Italia il gioco è distribuito dalla Stupor Mundi.

In poco tempo Dominion ha scalato la classifica internazionale di BoardGameGeek e nel 2009 ha vinto lo Spiel des Jahres e il Deutscher Spiele Preis, prestigiosi riconoscimenti tedeschi riservati ai giochi da tavolo.

Ambientazione[modifica | modifica sorgente]

Il gioco mette i giocatori nei panni del monarca di un piccolo regno desideroso di ampliare i propri possedimenti e la propria ricchezza. Partendo con poche monete e con qualche proprietà (che costituiscono il proprio mazzo iniziale), i giocatori dovranno adoperarsi al meglio per sfruttare ciò che possiedono e acquistare nuovi tesori, province e personaggi del regno. Al termine del gioco, solo il monarca con il maggior numero di Punti Vittoria nel proprio dominio sarà il vincitore.

Svolgimento del gioco[modifica | modifica sorgente]

Contenuto della scatola base

La scatola contiene:

  • 500 carte:
    • 130 carte Tesoro
      • 60 carte Rame
      • 40 carte Argento
      • 30 carte Oro
    • 48 carte Vittoria
      • 24 carte Tenute
      • 12 carte Ducato
      • 12 carte Provincia
    • 252 carte Regno (12 Giardini e 10 per ciascuna delle rimanenti 24 carte)
      • 12 Giardini
    • 30 carte Maledizione
    • 33 carte Segnaposto (una per tipo più la carta Scarto)
    • 7 carte bianche
  • il regolamento

Dominion è un gioco di carte di costruzione di un mazzo, che rappresenta il regno. I giocatori competono per raccogliere il mazzo di maggior valore, definito dall'ammontare totale di punti vittoria.

Ci sono quattro tipi principali di carte:

Carte punti vittoria
che hanno un valori in punti vittoria che viene totalizzato alla fine del gioco per determinare il vincitore, ma che in genere non hanno alcun valore durante il gioco.
Carte maledizione
simile alle carte vittoria, ma con un valore negativo che conta contro il giocatore alla fine del gioco.
Carte tesoro
giocate nella fase di acquisto per generare monete (e alle volte con altri effetti).
Carte regno
queste possono essere carte azione che generano effetti durante il turno di un giocatore, permettendogli di ottenere altre carte, monete, acquisti o azioni, per liberarsi di carte o per influenzar gli altri giocatori. Carte azione che generalmente influenzano negativamente gli altri giocatori e carte reazione che possono essere giocate fuori dal proprio turno per reagire a un certo evento, come una carta attacco giocata da un altro giocatore.

Alcuni tipi di carte sono ibridi dei tipi indicati sopra, come carte regno-vittoria che possono essere giocate durante il turno di un giocatore, ma che conferiscono anche un certo numero di punti vittoria.

Una partita di Dominion in corso all'esposizione PAX East 2011

Il gioco viene sempre preparato con gli stessi mazzi base: tre mazzi di carte vittoria (Tenute che valgono un punto vittoria, Ducati che ne valgono tre e Province che ne valgono sei), un mazzo di carte maledizione e tre mazzi di carte tesoro (monete di rame, di argento e d'oro). A questi vengono aggiunti dieci mazzi di carte regno, che sono principalmente carte azione. Il regolamento offre degli insiemi possibili di carte regno da usare, ma i giocatori possono scegliere a piacere o anche in modo casuale. Le carte regno di alcune espansioni possono richiedere l'aggiunta di ulteriori mazzi, come le carte tesoro Pozione per alcune carte dell'espansione Alchimia. Infine ogni giocatore riceve lo stesso mazzo iniziale di dieci carte: sette monete di rame e tre carte vittoria Tenuta. Ogni giocatore mischia il proprio mazzo e pesca una mano di cinque carte.

Al proprio turno ogni giocatore esegue le seguenti fasi:

Fase azione
il giocatore può giocare una carta azione e ne segue le istruzioni. Poiché alcune carte azioni generano ulteriori azioni, il giocatore potrebbe eseguire una sequenza di più carte azioni, che generano monete, acquisti o altri benefici. Carte azioni non giocate non hanno effetti nel resto del turno.
Fase acquisto
Il giocatore inizia la fase con un acquisto, più eventuali altri acquisti generati durante la fase azione. Per acquistare le carte il giocatore può usare le carte tesoro in mano per generare monete, così come le monete ottenute nella fase azione. Il giocatore può comprare un numero di carte dal tavolo pari al numero di acquisti disponibili, tutte le carte hanno un prezzo in monete indicato in basso a sinistra. Le carte comprate vengono aggiunte alla pila degli scarti del giocatore (che sarà mischiata in un nuovo mazzo quando quello corrente sarà esaurito). Un giocatore non è obbligato a usare tutti gli acquisti, né a spendere tutte le monete, ma monete e acquisti inutilizzati non vengono conservati per il turno successivo.
Fase di pulizia
Il giocatore scarta tutte le carte ancora in mano e quelle che ha giocato nelle fasi precedenti nella pila degli scarti, quindi pesca una nuova mano di cinque carte dal suo mazzo.

Ogni volta che un giocatore deve pescare una carta dal suo mazzo, ma questo è esaurito, mischia la pila dei suoi scarti e la usa come nuovo mazzo. Alcune carte indicano di "eliminare" le carte, queste sono rimosse dal gioco permanentemente. Nel gioco base eliminare le carte è la sola maniera di impedire a delle carte indesiderate di essere rimischiate nel mazzo. Alcune delle carte delle espansioni forniscono altre maniere di rimuovere carte dal proprio mazzo.

Il gioco termina quando si verifica una delle due condizioni seguenti: il mazzo delle carte Provincia (le carte vittoria di maggior valore nel gioco base) è stato esaurito oppure tre altri mazzi sono stati esauriti. In quel momento i giocatori contano il numero di punti vittoria in mano, nel loro mazzo e nella loro pila degli scarti e il giocatore con il maggior numero di punti vittoria è il vincitore. Giocando con le espansioni possono essere introdotte altre condizioni di vittoria, ma generalmente sono basate su quando un certo tipo di carte è esaurito.

Generalmente la strategia migliore è di costruire un mazzo che massimizzi la probabilità di un giocatore di pescare una mano che fornisca 8 monete, con cui acquistare una carta Provincia, sebbene certe carte regno possano condurre a strategie alternative per la vittoria, come la carta giardini. I giocatori devono inoltre bilanciare il loro mazzo con il numero di carte vittoria pescate, generalmente queste non hanno alcun valore in gioco e diluiscono le carte tesoro e azione del giocatore, intasando le loro mani..[1]

Pubblicati[modifica | modifica sorgente]

  • Dominion - Nasce un regno (Dominion), 2008. Gioco base.
  • Dominion - Intrigo (Intrigue), 2009. 500 carte, giocabile da solo. Presenta carte vittoria con un effetto in gioco
  • Dominion - Seaside (Seaside), 2009. 300 carte. Espansione che introduce carte con effetti che persistono nel turno successivo del giocatore
  • Dominion - Alchimia (Alchemy), 2010. 150 carte. Espansione che introduce carte che possono essere acquistate con una moneta aggiuntiva (la pozione), enfatizza la creazione di mazzi con molte carte azione.
  • Dominion - Prosperity (Prosperity), 2010. 300 carte. Espansione incentrata su carte di valore superiore a quello del mazzo base, introduce le monete di platino.
  • Dominion - Cornucopia (Cornucopia), 2011. 150 carte. Espansione.
  • Hinterlands, 2011. Carte che hanno un effetto quando acquistate o ottenute.
  • Dark Ages, 2012. 500 carte. Espansione con carte che hanno effetti quando eliminate o che riguardano le carte eliminate, carte che si migliorano e modi di migliorare altre carte.[2]

Vaccarino pensa di smettere di espandere il gioco dopo Dark Ages e Guilds, sebbene concede che: «È comunque probabile che a un certo punto l'editore vorrà un'altra espansione e beh, mi piace essere amichevole. Così non posso garantire che Guilds sarà l'ultima espansione del gioco, ma per lo meno potete considerarla come il punto di divisione tra le espansioni regolari e quelle occasionali.»[3]

Carte Promozionali (mini espansioni composte da singoli set di carte):

  • Inviato (Envoy), 2008
  • Mercato nero (Black Market), 2009
  • Gruzzolo (Stash), 2010
  • Walled Village, 2011
  • Governor, 2011

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ David Herny, Review of Dominion in RPGnet, 18 febbraio 2009. URL consultato il 3 giugno 2012.
  2. ^ (EN) Rio Grande Games. URL consultato il 26 agosto 2012 (archiviato il 26 agosto 2012).
  3. ^ (EN) Andrea "Liga" Ligabue, The Art of Design: interviews to game designers #19—Donald X. Vaccarino, OpinionatedGamers.com. URL consultato il 20 giugno 2012 (archiviato il 26 agosto 2012).
  4. ^ (EN) Mensa Select 2009, Mensa. URL consultato il 2 novembre 2009.
  5. ^ (EN) 35th Origins Awards Winners, The Game Manufacturers Association. URL consultato il 26 agosto 2012 (archiviato il 26 agosto 2012).
  6. ^ (EN) The Dice Tower Gaming Awards 2008, The Dice Tower. URL consultato il 2 novembre 2009.
  7. ^ (DE) Spiel des Jahres 2009, Spiel des Jahres. URL consultato il 2 novembre 2009.
  8. ^ (DE) Deutscher Spiele Preis 2009, Deutscher Spiele Preis. URL consultato il 2 novembre 2009.
  9. ^ (EN) Origins Awards Winner for 2013 in iCv2, 16 giugno 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Giochi da tavolo Portale Giochi da tavolo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giochi da tavolo