Domani sposi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Domani sposi
PaeseItalia
Anno1988 - 1989
Generegame show
Durata70 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreGiancarlo Magalli
RegiaSimonetta Tavanti
Rete televisivaRai Uno

Domani sposi è un programma televisivo italiano di genere game show, andato in onda nella stagione televisiva 1988-1989 nel preserale feriale di Rai Uno. Il programma, condotto da Giancarlo Magalli, andava in onda dal lunedì al venerdì dalle 18:10 fino alle 19:35. La prima trasmissione è stata trasmessa il 17 ottobre 1988, mentre l'ultima il 31 marzo 1989.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

I concorrenti erano due coppie di fidanzati prossimi al matrimonio che si sfidavano in vari giochi per la durata di una settimana, e ogni giornata metteva in palio un premio pertinente le nozze (corredo, abito da sposa, viaggio di nozze...), che poteva essere di tre valori differenti: per esempio il viaggio di nozze (premio dell'ultima giornata della gara settimanale) poteva capitare a Venezia (valore minore), Parigi (valore intermedio), o Seychelles (valore maggiore, e meta più ambita).

Poche coppie di sposi prossimi al matrimonio hanno vinto tutte e cinque le puntate. La coppia più conosciuta di allora era formata dai due fidanzati Fusillo Fabio e Lattanzi Laura, lui militare e lei insegnante, che poi si sposarono a Manziana (Roma) il 25 dicembre del 1988. Vinsero tutti i premi a disposizione.

Il gioco prevedeva anche un quiz telefonico, L'ispettore Magallaghan, il cui nome era dovuto alla caricatura del presentatore che campeggiava in un angolo dello schermo durante il tempo a disposizione del concorrente da casa per trovare indizi e indovinare il personaggio a cui appartenevano.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Parteciparono al programma la Premiata Ditta. Tra le vallette del programma debuttò Simona Ventura. Le musiche erano a cura di Claudio Simonetti.

Dopo il programma Pronto, è la Rai?, il conduttore Magalli ottenne con questo quiz un buon ascolto (media di 3 milioni e mezzo di spettatori).

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione