Diceria dell'untore (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diceria dell'untore
Titolo originaleDiceria dell'untore
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1990
Durata97 min
Generedrammatico
RegiaBeppe Cino
SoggettoGesualdo Bufalino
SceneggiaturaBeppe Cino
ProduttoreMassimo Vigliar, Franco Nero
Casa di produzioneIstituto Luce, Surf Film, Italonegglio Cinematografico, Ministero del Turismo e dello Spettacolo, Movie Machine, RAI Rete 1 TV
Distribuzione (Italia)Cecchi Gori Home Video, Surf Film
FotografiaFranco Delli Colli
MontaggioEmanuele Foglietti
MusicheCarlo Siliotto
ScenografiaMaurizio Leonardi
CostumiFrancesca Sartori
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Diceria dell'untore è un film drammatico del 1990 diretto dal regista Beppe Cino, tratto dal romanzo omonimo di Gesualdo Bufalino.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A guerra appena finita, un reduce, il professor Angelo, è accolto in un sanatorio siciliano. Uno dei suoi polmoni sembra ormai colpito, ma il primario, detto "il Gran Magro", nel suo caso non esclude una guarigione. Là il malato conosce Marta, che il primario spinge a esibirsi in faticose danze sul palcoscenico del teatrino dell'ospedale. La donna, consapevole del proprio fascino e tenacemente attaccata alla memoria dei suoi successi di anni prima, fa presto ad incantare Angelo. I due diventano amanti e si incontrano fuori in luoghi segreti: lei vogliosa di vivere, lui sempre timoroso del contagio.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il film partecipa a numerosi festival: AFI Los Angeles, Valencia, Porto Alegre (Premiato come Miglior Film), Europa Cinema, Grolla d'oro, Festival di Annecy, Cherbourg, Bruxelles, Villerupt (Premio del pubblico e Premio della Giovane Critica) etc., ed è stato venduto in più di 40 paesi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema