Deficit di proteina C

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Deficit di proteina C
Malattia rara
Specialitàematologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM289.81
OMIM176860
MeSHD020151

Il deficit di proteina C è una malattia genetica rara che predispone a eventi trombotici. È stata descritta per la prima volta nel 1981.[1] Questa patologia appartiene ad un gruppo di malattie genetiche note come trombofilie. La prevalenza del deficit di proteina C è stata stimata tra lo 0,2 e lo 0,5% della popolazione generale. Il deficit di proteina C è associato a un'accresciuta incidenza di tromboembolismi venosi (rischio relativo 8-10), mentre non è stata trovata alcuna associazione con eventi trombotici arteriosi.[2]

Fisiopatologia[modifica | modifica wikitesto]

La funzione principale della proteina C è la sua proprietà anticoagulante come inibitrice dei fattori della coagulazione V e VIII. Una deficienza nella sua concentrazione ematica porta ad una diminuita inattivazione dei fattori Va e VIIIa. Ci sono due tipi principali di mutazioni della proteina C che possono provocarne carenza:[2]

  • Tipo I: Danno quantitativo della proteina C (per ridotta produzione o breve emivita)
  • Tipo II: Danno qualitativo, nel quale l'interazione con le altre molecole è alterata. Sono stati descritti in letteratura difetti nell'interazione con trombomodulina, fosfolipidi, fattori V e VIII e altri.

La maggioranza delle persone con deficit della proteina C presentano mutazioni in uno solo dei geni, sono pertanto eterozigoti. Prima del 1999 erano stati descritti solo sedici casi di carenza da proteina C di tipo omozigote. Questa condizione si manifesta come purpura fulminans nel neonato.[2]

Complicanze[modifica | modifica wikitesto]

La proteina C è vitamina K-dipendente. I pazienti con carenza di proteina C, pertanto, sono soggetti ad un accresciuto rischio di sviluppare necrosi della pelle durante il trattamento con warfarin. La proteina C ha una breve emivita (6 ore) confrontata con altri fattori vitamina-K dipendenti e pertanto è rapidamente depleta in seguito all'inizio della terapia anticoagulante con inibitori della vitamina K, dando uno stato transiente di ipercoagulazione.

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

In casi di nota familiarità viene talvolta considerata anche la prevenzione primaria con aspirina, eparina o warfarin. La profilassi anticoagulante diventa trattamento d'elezione per tutti i pazienti che sviluppano un trombo venoso, a prescindere dalle cause.[3]

Studi clinici hanno dimostrato un accresciuto rischio di eventi tromboembolici venosi ricorrenti in pazienti con deficit di proteina C. pertanto, una terapia anticoagulante con warfarin deve essere presa in considerazione in questi soggetti.[3]

Il trapianto di fegato può essere curativo nei casi di deficit di proteina C omozigoti.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ JH. Griffin, B. Evatt; TS. Zimmerman; AJ. Kleiss; C. Wideman, Deficiency of protein C in congenital thrombotic disease., in J Clin Invest, vol. 68, nº 5, novembre 1981, pp. 1370-3, DOI:10.1172/JCI110385, PMID 6895379.
  2. ^ a b c Salwa Khan, Joseph D Dickerman, Hereditary thrombophilia., in Thromb J, vol. 4, 2006, p. 15, DOI:10.1186/1477-9560-4-15, PMID 16968541. URL consultato il 26 agosto 2012.
  3. ^ a b N. A. Goldenberg, M. J. Manco-Johnson, Protein C deficiency, in Haemophilia, vol. 14, nº 6, 2008, pp. 1214–1221, DOI:10.1111/j.1365-2516.2008.01838.x. URL consultato il 26 agosto 2012.
  4. ^ Mee Jeong Lee, Kyung Mo Kim, Joon Sung Kim, Yoon Jeong Kim, Young Joo Lee, Thad T. Ghim, Long-term survival of a child with homozygous protein C deficiency successfully treated with living donor liver transplantation, in Pediatric Transplantation, vol. 13, nº 2, 2009, pp. 251–254, DOI:10.1111/j.1399-3046.2008.00972.x. URL consultato il 26 agosto 2012.