Coagulopatie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Coagulopatia
Specialità ematologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 286
ICD-10 D65 e D68

Le coagulopatie sono delle malattie ematologiche caratterizzate da alterazione del meccanismo di coagulazione del sangue.

Il processo di coagulazione del sangue richiede l'intervento di diverse proteine il cui effetto è arrestare il sanguinamento. La mancanza totale o parziale di una di queste proteine può provocare la comparsa di sanguinamenti che possono variare da lievi (sanguinamenti dal naso, del cavo orale e dopo chirurgia, sangue nelle urine) a gravi (emorragie pericolose per la vita come le emorragie del sistema nervoso centrale, del tratto gastrointestinale o del cordone ombelicale ed emorragie potenzialmente disabilitanti come ematomi ed emartri).

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Si distinguono in congenite ed acquisite.

Coagulopatie Congenite
1) Deficit del fibrinogeno
2) Deficit protrombina
3) Deficit fattore V
4) Deficit fattore VII
5) Deficit fattore VIII Emofilia A e Malattia di von Willebrand
6) Deficit fattore IX Emofilia B
7) Deficit fattore X
8) Deficit fattore XI Emofilia C
9) Deficit fattore XII Malattia di Hageman
10 Deficit fattore XIII
Coagulopatie acquisite
1) Deficit sintesi epatica: Epatopatie o avitaminosi K o Malattia emorragica del neonato
2) Inibitori: anticorpali o non anticorpali
3) Coagulazione intravasale disseminata (CID)
4) Iperfibrinolisi patologica

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina