David Koch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
David Hamilton Koch

David Hamilton Koch (Wichita, 3 maggio 1940) è un imprenditore e politico statunitense, figlio ed erede di Fred C. Koch.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

David H. Koch è co-proprietario (insieme al fratello maggiore Charles) e vice presidente esecutivo del conglomerato Koch Industries. È uno degli uomini più ricchi del mondo e insieme al fratello è l'uomo più ricco che vive a New York; la rivista Forbes colloca Koch al nono posto.

Carriera a Koch Industries[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1970, Koch entrò nelle Koch Industries sotto suo fratello Charles, per lavorare come manager dei servizi tecnici. Ha fondato l'ufficio di New York della società e nel 1979 è diventato presidente della sua divisione, Koch Engineering, ribattezzata Chemical Technology Group. Nel 1985, Bill Koch e Frederick R. Koch fecero causa a Koch Industries per la prima volta in una lunga serie di cause sulla proprietà che durò fino al 2001. Nel 2010, David Koch possedeva il 42% di Koch Industries, come suo fratello Charles.[1] Ha quattro brevetti statunitensi.

Il 5 giugno 2018, la società ha annunciato il suo ritiro in pensione per cause di salute.[2]

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

David Koch è da sempre vicino agli ideali libertarian, al punto da finanziare e supportare il Partito Libertario degli Stati Uniti d'America; all'interno del partito ha anche ricoperto importante cariche, cosa non molto ben vista da tutti a causa della sua potenza finanziaria e del suo coinvolgimento attivo nella vita economica del paese.

Alla fine degli anni Settanta decise di scendere in campo in prima persona, accettando la carica di candidato vicepresidente propostagli da Ed Clark, e con questo promosse una intensa campagna elettorale; tuttavia alle elezioni presidenziali del 1980 il partito raccolse pochissimi voti (921.128, corrispondenti all'1,1% e nessun grande elettore).

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1991 Koch si salvò nell'incidente del volo USAir 1493 che si scontrò sulla pista con un altro aereo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN251038191 · ISNI (EN0000 0004 3976 3064 · LCCN (ENno2012080737 · GND (DE1058985663
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie