David Garrett

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Garrett
Ludwigshafen 23.03.09 031.JPG
Garrett in concerto a Stoccarda nel 2009
NazionalitàGermania Germania
Stati Uniti Stati Uniti
GenereMusica classica[1]
Crossover (musica)[1]
Periodo di attività musicale1990 – in attività
Strumentoviolino
Album pubblicati12
Logo ufficiale
Sito ufficiale

David Garrett, pseudonimo di David Christian Bongartz (Aquisgrana, 4 settembre 1980), è un violinista e compositore tedesco naturalizzato statunitense.[2]

Particolarmente apprezzato come musicista da Zubin Mehta e Daniel Barenboim, suona un violino Stradivari[2] e un Guadagnini.

Si è fatto conoscere dalla critica per il suo repertorio di musica rock adattato all'orchestra e, in particolare, al violino, che tende nelle sue cover a sostituire le chitarre di artisti quali Brian May, Angus Young, Slash, Kirk Hammett, Jimmy Page o Kurt Cobain, ma anche le voci, come quelle di Axl Rose o Michael Jackson. In modo analogo, accompagnato da chitarre e batterie, ha portato celeberrimi brani classici a tonalità più rock.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre è un avvocato tedesco mentre la madre, Dove Garrett, è una ballerina statunitense. Proprio dalla madre ha preso il cognome utilizzato come nome d'arte, scelto dai suoi genitori perché «più pronunciabile».[3]

All'età di nove anni ha fatto il suo debutto al festival "Kissinger Sommer"[4][5]. A 11 anni collabora con la Filarmonica di Amburgo, mentre nel 1994, a quindici anni, stipula un accordo con la Deutsche Grammophon per l'incisione di diverse opere come solista. Nel 2004 si diploma alla scuola di arte Juillard di New York.[6]

Nel 2008 è entrato nel Guinness dei primati per aver eseguito il volo del calabrone in un minuto e sei secondi.[2]

Garrett in concerto a Colonia nel 2010

Con l'album Rock Symphonies del 2010 si fa conoscere alla platea internazionale;[2] nel disco Garrett unisce il genere classico con il rock, fondendo brani di autori quali Vivaldi e Beethoven con altri come U2, Nirvana, Metallica e Aerosmith.[7]

Riguardo al suo strumento musicale, a undici anni ha ricevuto il suo primo violino Stradivari.[6] David Garrett possiede anche un violino Guadagnini del 1772; nel 2007, dopo un'esibizione presso il Barbican Centre di Londra vi cadde sopra danneggiandolo gravemente,[6] ma poté riutilizzarlo nuovamente poco tempo dopo.

Il 12 ottobre 2012 è uscito il suo nuovo lavoro intitolato Music, anticipato dalla cover al violino di Viva la vida dei Coldplay.[8]

Nel 2013 debutta come attore cinematografico nel film Il violinista del diavolo, dove è protagonista nel ruolo di Niccolò Paganini. Il 25 ottobre dello stesso anno pubblicherà il suo capolavoro intitolato Garrett vs. Paganini, che si può considerare un omaggio al compositore genovese.

Nel 2015 esce il suo album intitolato Explosive, che presenta una combinazione di brani pop e brani classici, oltre a numerosi brani composti da David stesso, tra cui l'omonimo singolo. Il 18 agosto 2017 esce il singolo Bittersweet Symphony che anticipa l'album di cover Rock Revolution, pubblicato il 17 settembre successivo.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 1995 - Mozart: Concerto per violino K 218 e 271, sonata per violino e pianoforte in Si bemolle maggiore, K. 454
  • 1995 - Violin Sonata
  • 1997 - Paganini Caprices
  • 2001 - Tchaikovsky, Conus: Violin Concertos
  • 2002 - Pure Classics
  • 2006 - Free
  • 2007 - Virtuoso - disco di platino in Germania
  • 2008 - Encore - settima posizione in Germania rimanendo in classifica 114 settimane e nona in Austria e cinque dischi d'oro in Germania
  • 2009 - David Garrett
  • 2009 - Classic Romance, Decca - quarta posizione in Germania rimanendo in classifica 49 settimane
  • 2010 - Rock Symphonies
  • 2011 - Legacy (BeethovenKreisler/Rachmaninov) - Garrett/Marin/Royal Philharmonic Orchestra, Decca
  • 2012 - Music, Universal Classics - seconda posizione in Germania (rimanendo in classifica 50 settimane), terza in Austria (rimanendo in classifica 53 settimane), settima in Svizzera e quinta nella Classical Albums
  • 2013 - 14, Le prime registrazioni di David Garrett - Garrett/Markovich, 1995 Deutsche Grammophon
  • 2013 - Garrett vs. Paganini, Decca - quinta posizione in Austria e ottava in Germania
  • 2014 - "Timeless" - Bruch Brahms - Conc. vl. n. 1/Conc. vl. op. 77, Garrett/Mehta/Israel PO, Decca - nona posizione in Austria
  • 2015 - Explosive - Van Der Heijden/RPO, Decca - quarta posizione in Germania ed Austria e settima in Svizzera

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 2004 - Nokia Night of the Proms
  • 2008 - The New Classical Generation 2008

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

DVD[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine al Merito della Renania Settentrionale-Vestfalia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al Merito della Renania Settentrionale-Vestfalia
— 2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Chris True, Biography, allmusic.com. URL consultato il 30 marzo 2011.
  2. ^ a b c d Matteo Cruccu, Garrett, lo Stradivari rock: ponte tra Vivaldi e gli U2, in Corriere della Sera, 19 marzo 2011, p. 61. URL consultato il 30 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  3. ^ (EN) Kevin L. Carter, String Theory: Is David Garrett the Next, Next Thing?, in princetoninfo.com, 9 settembre 2009. URL consultato il 18 febbraio 2012.
  4. ^ http://www.musik-heute.de/10641/kissinger-sommer-intendantin-wuensche-mir-mehr-jugendliche-in-konzertsaelen/
  5. ^ http://www.deseretnews.com/article/117954/KISSINGEN-SUMMER-FEST-SCORES-IN-TRADITIONALLY-FRIENDLY-FASHION.html?pg=all
  6. ^ a b c (EN) Stuart Husband, Classical Brits: don't hate them because they're beautiful, in telegraph.co.uk, 11 maggio 2008. URL consultato il 18 febbraio 2012.
  7. ^ (EN) David Garret to release Rock Symphonies, in decca.com, 1º luglio 2010. URL consultato il 18 febbraio 2012.
  8. ^ David Garrett » David's new Music-Video “Viva la Vida”

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Michael Fuchs-Gamböck e Thorsten Schatz, David Garrett: Der Rebell mit der Geige, Monaco di Baviera, Knaur-Taschenbuch-Verlag, 2010. ISBN 978-3-426-78431-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN49416643 · ISNI: (EN0000 0003 6859 1380 · LCCN: (ENno98104225 · GND: (DE134957903 · BNF: (FRcb139781374 (data)