Darby O'Gill e il re dei folletti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Darby O'Gill e il re dei folletti
Darby o gill and the little people.jpg
Titolo originaleDarby O'Gill and the Little People
Paese di produzioneStati Uniti
Anno1959
Durata93 min
Rapporto1.75:1
Generefantastico
RegiaRobert Stevenson
SoggettoH. T. Kavanagh (autore del personaggio di Darby O'Gill)
SceneggiaturaLawrence Edward Watkin
ProduttoreWalt Disney
FotografiaWinton C. Hoch
MontaggioStanley Johnson
Effetti specialiPeter Ellenshaw, Eustace Lycett
MusicheOliver Wallace
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Darby O'Gill e il Re dei Folletti (Darby O'Gill and the Little People) è un film del 1959, prodotto da Walt Disney e diretto da Robert Stevenson (che successivamente diresse le produzioni Disney Mary Poppins e Pomi d'ottone e manici di scopa) e ispirato alle storie di H.T. Kavanagh. Il film è stato distribuito negli Stati Uniti dalla Buena Vista Distribution il 26 giugno 1959.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia è ambientata nell'Irlanda del XIX secolo. Darby O'Gill, anziano custode di una tenuta signorile, sta per perdere il posto di lavoro a causa della sua età. A sostituirlo arriva da Dublino il giovane e aitante Michael McBride. Il vecchio Darby è ossessionato dai folletti che abitano la collina vicina ed in particolare dal loro re Brian, che riuscirà a catturare con un ingegnoso stratagemma allo scopo di farsi esaudire tre desideri.

Darby sacrificherà però i suoi desideri per il bene della figlia Kathy e verrà salvato da morte certa dal re Brian, diventato intanto suo amico. Alla fine la bella Kathy e il giovane Michael si innamorano.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu girato negli studi di Hollywood, in Irlanda e anche a Burbank, in California, nel ranch personale di Walt Disney.

Distribuzione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il film non è mai stato distribuito nel circuito cinematografico italiano, ma fu trasmesso in prima serata su Rai 1 il 21 aprile 1988 (il film era stato appositamente doppiato un anno prima).[1] Nell'edizione italiana ci sono degli errori di traduzione: per esempio, "il Banshee" (che in realtà dovrebbe essere femminile) è usato anche per indicare il cocchiere del "cocchio della morte" (che dovrebbe essere il Dullahan).

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La canzone My Pretty Irish Girl, cantata da Sean Connery e Janet Munro, vendette un gran numero di dischi solo nel 1959.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Graffiti di gioventù americana, in La Stampa, 21 aprile 1988, p. 19. URL consultato il 10 maggio 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]