Danielle Rose Russell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Danielle Rose Russell (New Jersey, 31 ottobre 1999) è un'attrice statunitense.

È nota per aver interpretato ruoli secondari in film come La preda perfetta, Sotto il cielo delle Hawaii, Pandemic e Wonder.

Nel 2018, Danielle ha recitato nel ruolo di Hope Mikaelson, nella quinta e ultima stagione della serie televisiva The Originals, riprendendo il ruolo nella serie spin-off Legacies.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Danielle, nata nella cittadina di Pequannock nel New Jersey, è cresciuta a West Milford. Figlia di Rosemary Rado, ex ballerina, e Walter Russell, un ex cantante, ha esordito come modella, apparendo in spot tv e campagne pubblicitarie, prima di approdare al teatro di provincia e recitando in vari spettacoli scolastici alla Holy Spirit School di Pequannock.

All'età di 15 anni risale il suo primo ruolo nel film La preda perfetta, per la regia di Scott Frank, dove interpretò la giovane figlia di uno spacciatore russo. Nel 2015 ha preso parte nel film Sotto il cielo delle Hawaii. Quindi, nel 2016, è apparsa in 6 episodi della serie televisiva The Last Tycoon. Successivamente, ha ottenuto un ruolo nel film Wonder, diretto da Stephen Chbosky, uscito nel 2017.

Nel luglio del 2017[1] è stata scritturata nel ruolo della giovane Hope Mikaelson per la quinta stagione della serie tv The Originals. Nel maggio del 2018[2] è stato comunicato che avrebbe ripreso il ruolo di Hope Mikaelson per la serie televisiva Legacies, spin-off di The Originals.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Danielle Rose Russell è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Originals 5, Danielle Rose Russell nel ruolo della giovane Hope, su serietivu.com, 17 luglio 2017. URL consultato il 24-12-2019.
  2. ^ Danielle Rose Russell risponde alle critiche sul suo peso, su tvserial.it, 30 maggio 2018. URL consultato il 24-12-2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]