Daniele Marantelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daniele Marantelli
Daniele Marantelli daticamera.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XV, XVI, XVII
Gruppo
parlamentare
L'Ulivo, Partito Democratico-L'Ulivo (XV legislatura), Partito Democratico (XVI e XVII legislatura)
Coalizione L'Unione (XV Legislatura)
PD-IdV-RI (XVI Legislatura)
Italia. Bene Comune (XVII Legislatura)
Circoscrizione Lombardia 2
Incarichi parlamentari
  • Componente della Giunta delle Elezioni
  • Componente della VIII Commissione (Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democratici di Sinistra
Partito Democratico
Professione impiegato

Daniele Marantelli (Varese, 18 gennaio 1953) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esponente dei Democratici di Sinistra, in occasione delle elezioni regionali del 2000 viene eletto al Consiglio Regionale della Lombardia ottenendo un seggio nel listino regionale a sostegno di Mino Martinazzoli. Nell'aprile del 2006 è stato eletto alla Camera dei deputati nella circoscrizione Lombardia 2. Durante la XV legislatura della Repubblica Italiana ha fatto parte della Giunta delle Elezioni e della VIII commissione (ambiente, territorio e lavori pubblici). Ha poi aderito al Partito Democratico. Alle elezioni politiche italiane del 2008 è stato riconfermato in parlamento. Ha ricevuto rispettivamente 8 e 7 voti al terzo e quarto scrutinio per l'elezione del Presidente della Camera del 2008.

Riconfermato alla Camera dopo le elezioni politiche italiane del 2013 nelle file del PD, ha ricevuto 6 voti al primo scrutinio per l'elezione del Presidente della Camera.

Diventa nuovo Tesoriere del gruppo PD alla Camera in sostituzione di Matteo Mauri nominato vicecapogruppo vicario.

Si candida poi alle primarie del centro-sinistra per la scelta del candidato sindaco di Varese. Tuttavia per soli 29 voti viene sconfitto dall'avvocato Galimberti. Con 859 voti ottiene il 32%, dietro a Galimberti (888 voti, 33%) e davanti a Zanzi (574 voti, 21%) e De Simone (361 voti, 14%).

È esponente della corrente democratica Rifare l'Italia (Giovani Turchi), che fa capo a Matteo Orfini.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]