Cose da pazzi (film 2005)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cose da pazzi
Paese di produzioneItalia
Anno2005
Durata91 min
Generecommedia
RegiaVincenzo Salemme
SoggettoVincenzo Salemme
SceneggiaturaVincenzo Salemme
Piero De Bernardi
FotografiaArnaldo Catinari
MusicheFrancesco De Luca, Alessandro Forti
ScenografiaMaurizio Marchitelli
CostumiFrancesca Sartori
Interpreti e personaggi

Cose da pazzi è un film del 2005 diretto e interpretato da Vincenzo Salemme, ispirato allo spettacolo teatrale Lo strano caso di Felice C. del 1996, diretto dallo stesso Salemme.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Cocuzza è un funzionario statale che, tornato dalle ferie, si vede recapitare periodicamente, il 27 di ogni mese, misteriosi pacchetti contenenti 50 000 euro l'uno. La sua coscienza gli consiglia di denunciare l'insolito fatto, ma le esigenze e i familiari lo spingono a tenere i soldi, soprattutto la moglie Francesca, la figlia Giulietta, adolescente inquieta tentata dalle ricchezze dei compagni, e la sorella Livia, sedotta e abbandonata da un trapezista dalle incerte origini spagnole, Fedor, che si rifà vivo non appena saputa la notizia della comparsa delle misteriose somme. Tutto ciò alimenterà nel solerte e ligio funzionario timori e sospetti che gli renderanno la vita davvero difficile. Finché un giorno gli si presenta un uomo che chiarisce la situazione: un certo "Felice C.", un comunista che tredici anni prima aveva fatto domanda di pensione all'impiegato Cocuzza per ottenere una pensione di invalidità "morale" causatagli dalla caduta del comunismo, che lo aveva privato degli ideali politici in cui aveva creduto fino a quel momento. Chiaramente la pensione gli era stata rifiutata. Felice C. nel frattempo ha fatto visita alla famiglia di Cocuzza diverse volte, e con vari travestimenti: come finto ispettore dell'INPS, come postino e come cieco. L'uomo si presenta quindi a Cocuzza e lo spaventa dicendogli che aveva guadagnato quei soldi rubando ai barboni e a suo nonno, mandato a morire in un ospizio. In seguito Cocuzza scopre che in realtà il nonno di Felice C. è vivo e che quei soldi vengono in realtà dalla schedina che Giuseppe aveva dettato al nonno tredici anni prima, e che il nonno aveva giocato tutte le settimane fino all'anno prima, quando aveva vinto 12 miliardi di lire. Nel confronto finale, Felice C. riesce quindi a scardinare le convinzioni morali di Giuseppe, così come era capitato a lui tempo prima.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Ha incassato 1 918 099 € in tutto il periodo di programmazione nelle sale italiane.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Davide Morena, Cose da pazzi, su mymovies.it. URL consultato il 25 settembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema