Cool Spot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cool Spot
Cool Spot.jpg
Sviluppo Virgin Games
Pubblicazione Virgin Interactive
Ideazione David Perry
Data di pubblicazione 1993 (Amiga, Master System, Game Gear, Super Nintendo), 1994 (Mega Drive, MS-DOS, Game Boy)
Genere Piattaforme
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Mega Drive, Sega Master System, Game Gear, Amiga, Super Nintendo, Game Boy, MS-DOS
Supporto Cartuccia, floppy disk
Periferiche di input Gamepad

Cool Spot è un videogioco a piattaforme realizzato e pubblicato da Virgin Interactive. Il gioco, che vede protagonista una versione antropomorfizzata del logo della bibita 7 Up, è stato realizzato inizialmente per Mega Drive da David Perry; in seguito è stato portato su altre console come Sega Master System, Game Gear, Super Nintendo e Game Boy, oltre che su sistemi Amiga e MS-DOS. Le musiche sono state composte da Tommy Tallarico.

Il gioco[modifica | modifica sorgente]

Il personaggio Cool Spot ha la forma di un disco rosso con gli occhiali da sole, dotato di mani e gambe. Dovremo guidarlo nei vari livelli prima dello scadere del tempo, raccogliendo omonimi dischi rossi o altri simboli; questi faranno aumentare una percentuale che, raggiunta una certa somma, ci permetterà di terminare il livello liberando un nostro simile rinchiuso in una gabbia; raggiungendo una percentuale di raccolta maggiore ci permetterà di raggiungere un livello bonus. Raggiunto il livello bonus si guadagnerà un punto vita.
Nel livello bonus il protagonista è rinchiuso in un'enorme bottiglia di 7up e l'obiettivo è riuscire a recuperare una lettera, che per ogni livello bonus comporrà la parola "virgin" (in altre versioni la parola è "uncola"), se nello stesso livello bonus, prima dello scadere del tempo, si raccolgono tutti i dischi rossi, si guadagnerà un ulteriore punto vita. Nel caso vengano esauriti tutti i punti vita il gioco finisce.
La prima ambientazione coincide con l'intro del gioco, nel quale Cool Spot fa surfing su una bottiglia di 7up.

Livelli di gioco[modifica | modifica sorgente]

  • 1) Shell Shock, ha un'ambientazione spiaggistica
  • 2) Pier Pressure, si ambienta su un battello
  • 3) Off Da Wall, ambientato in una tana di ratti, ragni e trappole dentro un muro
  • 4) Wading Around, ambientato in un'enorme piscina gonfiabile piena d'acqua
  • 5) Toying Around, ambientato in un negozio di giocattoli
  • 6) Radical Rails, ambientato in un laboratorio chimico
  • 7) Wound Up, stesso scenario del livello 5
  • 8) Loco Motion, si deve attraversare una locomotiva giocattolo in movimento
  • 9) Back To The Wall, stesso scenario del livello 3
  • 10) Dock & Roll, stesso scenario del livello 2
  • 11) Surf Patrol, stesso scenario del livello 1, ultimo livello

Differenze regionali[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni europee del gioco, i riferimenti alla bibita sono stati rimossi: ad esempio, nella introduzione delle versioni NTSC, il protagonista fa surf utilizzando una bottiglia di "7 Up"; nelle versioni PAL su una generica bottiglia di soda. Anche alcuni power-up riflettono questi cambi.

Critica[modifica | modifica sorgente]

Cool Spot è stato lodato in particolare per le animazioni molto fluide e, in generale, per l'ottima realizzazione tecnica.[1]

Titoli correlati[modifica | modifica sorgente]

Nel 1995 è stato pubblicato un sequel dal titolo Spot Goes To Hollywood, dotato di visuale isometrica. Nel 1990 è stato pubblicato un videogioco rompicapo intitolato semplicemente Spot, per diverse console e computer a 8-bit.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (IT) Cool Spot in Game Power, maggio 1993, pp. pp. 33-35.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi