Consorzio Produttori Indipendenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Consorzio Produttori Indipendenti
StatoItalia Italia
Fondazione1994
Fondata daGianni Maroccolo, Massimo Zamboni, Giovanni Lindo Ferretti, Giovanni Gasparini, Marzio Benelli, Gianni Cicchi
Chiusura29 gennaio 1999[1]
Sede principaleFirenze
SettoreMusicale
Prodottirock, indipendente

Il Consorzio Produttori Indipendenti (C.P.I.) è stata un'etichetta discografica indipendente nata nel 1994 dalla fusione dell'etichetta I Dischi del Mulo e della casa di produzione Sonica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I dischi del mulo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la pubblicazione di Epica Etica Etnica Pathos (1990) due fondatori dei CCCP - Fedeli alla linea, Massimo Zamboni e Giovanni Lindo Ferretti, decidono di creare una casa discografica per la produzione di artisti e gruppi alternativi, quali Üstmamò, Disciplinatha e Acid Folk Alleanza (AFA). Questa nuova etichetta, con sede a Reggio Emilia, viene battezzata I Dischi del Mulo.

Sonica[modifica | modifica wikitesto]

Parallelamente Gianni Maroccolo insieme ai tecnici del suono Marzio Benelli dello Studio Emme,[2] Giovanni Gasparini e Gianni Cicchi, dà vita a Firenze al centro di produzione Sonica, anche conosciuto come Sonica Factory.

Tra le prime produzioni, datate 1993, figurano album dei Joecool e Settore Out; tra i talenti scoperti i piemontesi Marlene Kuntz.[2][3]

C.P.I.[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1990 e il 1993 i CCCP rinascono come Consorzio Suonatori Indipendenti e nel 1994 i componenti dei C.S.I. decidono di unire le due esperienze discografiche, I Dischi del Mulo e Sonica, nel progetto Consorzio Produttori Indipendenti (C.P.I.).

Il Maciste[modifica | modifica wikitesto]

Autodefinitosi "Bollettino di Informazione per il C.P.I.",[1] Il Maciste è stato un trimestrale gratuito[4] che monitorava i lavori del C.P.I., completo di interviste agli artisti e ai produttori. L'intento della pubblicazione, tuttavia, non era solo informativo e descrittivo: Il Maciste voleva essere anche "un veicolo per proporre buona musica a prezzi accettabili"[1] offrendo "l'opportunità di acquistare in anteprima, o in edizioni speciali e differenti da quelle immesse sul mercato ufficiale, tutte le produzioni del C.P.I.".[4]

Fine del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 gennaio 1999 il percorso del C.P.I. giunge al termine; tutti i diritti passano alla Sonica Factory, che continua per qualche tempo il lavoro discografico del Consorzio.[5]

Artisti (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

I dischi del mulo[modifica | modifica wikitesto]

C.P.I.[modifica | modifica wikitesto]

(dal 1º febbraio 1999 gli artisti passano alla Sonica Factory)[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Comunicato ai lettori, in Il Maciste, n. 13. URL consultato il 1º aprile 2011.
  2. ^ a b Intervista a Gianni Maroccolo, in Il Maciste, n. 1. URL consultato il 1º aprile 2011.
  3. ^ Collaborazioni, su Gianni Maroccolo. URL consultato il 1º aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2010).
  4. ^ a b Editoriale, in Il Maciste, n. 1. URL consultato il 1º aprile 2011.
  5. ^ a b Sonica Factory, su Yeaah.com. URL consultato il 1º aprile 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]