Collegio della Mercanzia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Collegio della Mercanzia
Sala dell'Udienza del collegio della mercanzia di Perugia 1.jpg
Sala dell'Udienza del collegio della mercanzia di Perugia
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Umbria Umbria
Località Perugia
Coordinate 43°06′39.96″N 12°23′18.24″E / 43.1111°N 12.3884°E43.1111; 12.3884Coordinate: 43°06′39.96″N 12°23′18.24″E / 43.1111°N 12.3884°E43.1111; 12.3884
Informazioni
Condizioni In uso

Il Nobile Collegio della Mercanzia[1] era la sede della corporazione dei Mercanti di Perugia, presieduto da quattro consoli e quarantaquattro rettori. A questa corporazione erano aggregate quelle dei Panni di lino e dei Merciari. L'arte della Mercanzia già nel 1279 godeva di una condizione privilegiata e nel 1342 era la maggiore delle corporazioni della città. Dei dieci priori che reggevano la città due appartenevano alla corporazione della Mercanzia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Collegio della Mercanzia non ebbe una sede fissa fino al 1390, quando il comune, a saldo di un debito di 1400 fiorini, concesse alla corporazione dei Mercanti uno dei fondi che si aprivano con archi ogivali al pianterreno del Palazzo dei Priori. L'ambiente fungeva da sala delle Udienze, dove si giudicavano le liti fra mercanti, sorvegliavano pesi e misure, controllava l'amministrazione del Comune, esercitava una funzione di tutela delle pubbliche libertà.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Al Collegio si accede da un grande arco ogivale affacciato su corso Vannucci (seconda porta a destra del Palazzo dei Priori, vicino al Collegio del Cambio), direttamente nella sala dell'Udienza. La sala rettangolare è in penombra, presenta volte a vela costolonate ed è completamente coperta da un rivestimento di legno, formato da pannelli di pino (o di pioppo, a seconda dei libri[2]) e di noce finemente lavorati, probabilmente ad opera di maestranze d'Oltralpe.

Prudenza, Fortezza, Giustizia, Temperanza - Collegio della Mercanzia di Perugia

Sulla lunetta sita in alto a destra del tribunale, in un rosone, possiamo vedere il simbolo dell'arte: il grifo perugino sopra una balla (stemma dell'arte) dei panni; al di sotto una cornice ad archetti pensili. In basso, per i tre lati, gira un sedile intagliato e intarsiato. Nel mezzo della parete sinistra troviamo una nicchia con un pulpito ligneo con colonnette a spirale e al di sopra quattro figure intagliate a bassorilievo: Prudenza, Fortezza, Giustizia, Temperanza. Il bancone fu eseguito nel 1462 da Costanzo di Mattiolo per il Collegio dei Notari e acquistato dal collegio della Mercanzia nel 1865.

Accanto alla sala dell'Udienza si trova la sala dell'Archivio; questa è divisa in due vani: nel primo sono conservate le tre matricole dell'Arte del 1329, del 1356 (miniature delle porte cittadine ad opera dell'orafo perugino Matteo di Ser Cambio) e del 1599. Nel secondo troviamo pitture (1899) del perugino Domenico Bruschi e tracce di una più antica decorazione ad affresco del XVII secolo.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.collegiomercanzia.it
  2. ^ Il libro Perugia di Electa Editori Umbri Associati riporta pioppo, il Touring Club Italiano nel libro Umbria riporta pino

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ottorino Gurrieri Il collegio del Cambio e il Collegio della Mercanzia in Perugia: guida illustrata, Perugia, Azienda autonoma di turismo, 1962
  • Perugia, Perugia, Electa editori umbri associati, 1993
  • Mancini, F.F. (a cura di) Il Palazzo dei Priori di Perugia, Perugia, Quattroemme, 1997
  • Touring Club Italiano Umbria, Milano, Touring Club Italiano, 2004

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medioevo Portale Medioevo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Medioevo