Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Fortezza (virtù)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La fortezza (in greco ἀνδρεία - andreia; in latino fortitudo) è una virtù che assicura, nelle difficoltà, la fermezza e la costanza nella ricerca del bene[1]. Viene anche indicata come coraggio.

Già con Platone la fortezza è presentata come una delle quattro virtù cardinali. Tale definizione venne riconosciuta in ambito della dottrina cristiana a partire dagli studi e della predicazione di Sant'Ambrogio[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Catechismo della Chiesa Cattolica: (p.1808) La fortezza è la virtù morale che, nelle difficoltà, assicura la fermezza e la costanza nella ricerca del bene. Essa rafforza la decisione di resistere alle tentazioni e di superare gli ostacoli nella vita morale. La virtù della fortezza rende capaci di vincere la paura, perfino della morte, e di affrontare la prova e le persecuzioni. Dà il coraggio di giungere fino alla rinuncia e al sacrificio della propria vita per difendere una giusta causa.
  2. ^ Catechismo della Chiesa Cattolica: (p.1805) Quattro virtù hanno funzione di cardine. Per questo sono dette cardinali; tutte le altre si raggruppano attorno ad esse. Sono: la prudenza, la giustizia, la fortezza e la temperanza.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4184455-5