Claudio Matteini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Claudio Matteini
Claudio Matteini.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Mediano
Ritirato 1950
Carriera
Squadre di club1
1939-1942Alba Motor? (?)
1942-1947Roma82 (0)
1947-1949Ternana20 (2)
1949-1950Torrese28 (1)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Claudio Matteini (Roma, 31 maggio 1923Roma, 18 gennaio 2003[1]) è stato un calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la carriera in Serie C con l'Alba Motor[2][3], club romano. Nel 1942 fu acquistato dalla Roma[3] esordendo in Serie A il 18 febbraio 1943 in Liguria-Roma 3-0[4]. In quella stagione collezionò solo due gettoni di presenza. Con la sospensione dei campionati nazionali, con i giallorossi prese parte al campionato romano di guerra, dove giocò 23 gare[4]. Con la ripresa dei campionati disputò ulteriori due stagioni collezionando 57 presenze[4], per un totale di 82 gare giocate con la squadra capitolina, di cui 59 in massima serie[4]. In seguito giocò per due stagioni alla Ternana, una in Serie B ed una in C, disputando in totale 20 gare e siglando 2 reti[4]. Chiuse con la Torrese di Renato Tofani, ancora in C, dove giocò 28 gare segnando 1 rete[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alberto Pallotta, Angelo Olivieri - Magica Roma. Storia dei 600 uomini giallorossi. Unmondoaparte edizioni 2004
  2. ^ Nuove liste di trasferimento di giocatori di calcio, Il Littoriale, 9 settembre 1939, p.2
  3. ^ a b Ci sono giocatori che il pubblico conosce..., Corriere dello Sport, nr. 138 pagg. 1 e 2, 16 giugno 1944. URL consultato il 23 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2014).
  4. ^ a b c d e Scheda di Claudio Matteini, su enciclopediadelcalcio.it. URL consultato il 9 giugno 2015.
  5. ^ Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 210

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Chrystian Calvelli, Giuseppe Lucibelli; Raffaele Schettino, Savoia storia e leggenda dall'Oncino al Giraud, Gragnano, Stampa Democratica '95, dicembre 2000. ISBN non esistente