Claudio Calia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Claudio Calia (Treviso, 29 dicembre 1976) è un fumettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il suo esordio fumettistico risale al 1990, nella fanzine autoprodotta Mirror.

Nel 1998, si diploma al liceo artistico di Treviso S. Caterina.

Antonio Negri Illustrated: Interview in Venice
Antonio Negri Illustrated: Interview in Venice

Con Niccolò Storai e Massimo Perissinotto (Treviso 1966) è tra i curatori e autori dell'antologia Lucio Fulci - poeta del macabro (Nicola Pesce Editore, 2006).

Insieme a Emiliano Rabuiti ha curato le sette antologie prodotte da Radio Sherwood in occasione del festival annuale, comparendo anche come autore con proprie storie a fumetti: Comix against Global War (autoprod. 2004), Vite Precarie (autoprod. 2005), Fortezza Europa (Coniglio Editore, 2006), Resistenze - Cronache di ribellione quotidiana (BeccoGiallo, 2007), ZeroTolleranza (BeccoGiallo, 2008), Sherwood Comix - Immagini che producono azioni (Nicola Pesce Editore, 2009) e Global Warming (NdA Press, 2010).

Il suo primo libro realizzato come autore completo è Porto Marghera - La legge non è uguale per tutti (BeccoGiallo, 2007), vincitore del premio Carlo Boscarato 2007 nella categoria "miglior libro".

Nel 2008 escono È primavera - Intervista a fumetti a Antonio Negri (BeccoGiallo, 2008) e Caro Babbo Natale..., scritto da Luana Vergari (Black Velvet Editrice, 2008).

Nel 2009 partecipa all'antologia di narrativa horror La sete - 15 vampiri italiani (Coniglio Editore, 2009), a cura di Alberto Corradi e Massimo Perissinotto e nel 2010 partecipa al volume antologico a fumetti Calavera: Apocrypha, tributo reso da vari autori italiani al personaggio di Calavera creato da Enrico Teodorani (creatore anche della più famosa Djustine).

Dopo qualche anno di "silenzio" a gennaio 2012 esce il suo nuovo libro: Piccola cucina cannibale, un progetto poetico musicale a fumetti con Lello Voce e Frank Nemola, progetto vincitore del Premio Napoli nel dicembre dello stesso anno.

Riprende l'attività per Becco Giallo editore realizzando Dossier TAV, una questione democratica (novembre 2012) e Piccolo Atlante Storico Geografico dei Centri Sociali Italiani (febbraio 2014).

Nel marzo 2015 partecipa alla rinascita della rivista di satira milanese L'antitempo, con un lavoro sull'attentato alla sede di Charlie Hebdo del 7 gennaio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]