Chiesa di San Pietro (Porto Venere)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di San Pietro
Portovenere, santo pietro 04.JPG
Stato Italia Italia
Regione Liguria
Località Porto Venere
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Diocesi La Spezia-Sarzana-Brugnato
Consacrazione 1198
Stile architettonico Gotico
Inizio costruzione V secolo
Completamento XIII secolo

Coordinate: 44°02′54.04″N 9°49′56.57″E / 44.048344°N 9.832381°E44.048344; 9.832381

La chiesa di San Pietro, è un edificio religioso sito in piazza Lazzaro Spallanzani a Porto Venere, nel golfo dei Poeti in provincia della Spezia.

Cenni storici e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'interno della chiesa

Il tempio venne consacrato ufficialmente nel 1198. La sua parte a fasce bianche e nere risale al XIII secolo (presumibilmente realizzata tra il 1256 e il 1277[1]), e venne restaurata tra il 1931 e il 1935. Questa parte è stata derivata da un corpo più antico, che consiste nella chiesa primitiva, mentre a sinistra il campanile è basato sulla cappella sinistra del presbiterio.

La chiesa originaria è un'opera di tipo siriaco del V secolo, con pianta rettangolare e abside semicircolare. Due archi a tutto sesto mettono in comunicazione questo spazio con la chiesa gotica. Quest'ultima a sua volta ha il tetto in legno strutturale ed il presbiterio è diviso in tre cappelle, coperto da volte ad ogiva ed a crociera, impostate su pilastri polistili.

Perse il titolo di parrocchiale sul finire del XIV secolo, in favore della chiesa di San Lorenzo[1], e officiata dal clero secolare fino al 1798[1].

La chiesa di San Pietro è il "cristiano tempio" citato da Eugenio Montale in una suggestiva poesia, dedicata a Porto Venere.

« Là fuoresce il tritone

dai flutti che lambiscono
le soglie d’un cristiano
tempio, ed ogni ora prossima
è antica. Ogni dubbiezza
si conduce per mano
come una fanciulletta amica.
Là non è chi si guardi
o stia di sé in ascolto.
Quivi sei alle origini
e decidere è stolto:
ripartirai più tardi per assumere un volto. »

(Portovenere, Eugenio Montale)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Fonte dal sito turistico della Provincia della Spezia, turismoprovincia.laspezia.it. URL consultato il 17-10-2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]