Cavalcata sarda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cavalcata sarda
Oliena - Costume tradizionale (19).JPG
Tipo di festafolcloristica
DataPenultima domenica di maggio
Celebrata aSassari
TradizioniSfilata dei costumi tradizionali sardi
Data d'istituzione1711

La Cavalcata sarda è un'antica manifestazione culturale e folkloristica che si svolge a Sassari, solitamente la penultima domenica di maggio, che consiste nella sfilata a piedi, a cavallo o sulle traccas (i caratteristici carri addobbati con fiori e oggetti della quotidianità), di gruppi provenienti da ogni parte della Sardegna. I partecipanti indossano il costume caratteristico del luogo di provenienza, spesso arricchito da curatissimi ricami e gioielli in filigrana.

La manifestazione prosegue in pomeriggio nell'ippodromo cittadino dove cavalli e cavalieri si esibiscono in ardite pariglie e figure acrobatiche, per terminare in serata nella Piazza d'Italia con i canti e i balli tradizionali sardi, sulle note di launeddas e fisarmoniche, che si protraggono per buona parte della notte.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Secondo lo scrittore Enrico Costa la prima edizione della Cavalcata risale al 1711, quando il Consiglio comunale di Sassari, sul finire della dominazione spagnola, deliberò di "far cavalcata" in omaggio al re Filippo V di Spagna. Alla manifestazione partecipò tutta la nobiltà sassarese, orgogliosa di mettere in mostra i propri costumi. La manifestazione che possiamo ammirare oggi invece nasce nel 1899 in occasione della visita dell'allora re d'Italia Umberto I accompagnato dalla moglie la regina Margherita di Savoia, giunti in città per l'inaugurazione del monumento a Vittorio Emanuele II che Giuseppe Sartorio aveva innalzato nella piazza d'Italia. Di fatto fu un tributo al re da parte di tutto il popolo sardo, cosa non condivisa da tutti, essendo Sassari una delle prime roccaforti anti-monarchiche d'Italia.

Dal 1951 Oreste Pieroni, sindaco di Sassari, fece rinascere la manifestazione, che da allora è diventato un appuntamento annuale della città di Sassari.[1] All'occasione, alla sfilata, si aggiungono numerosi venditori di prodotti tipici e si svolge uno spettacolo di pariglie che si tiene nell'ippodromo comunale. Nel 1982 se ne organizzarono addirittura due, una delle quali in onore di Sandro Pertini, l'allora presidente della Repubblica italiana.

La Cavalcata è una delle tre principali feste della Sardegna in cui si riuniscono i gruppi folkloristici di tutta l'isola con la differenza, rispetto alle altre due - la Sagra del Redentore a Nuoro e la Festa di sant'Efisio a Cagliari, è l'unica ad avere un carattere laico.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Costa, Storia di Sassari

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A. Ponzeletti, Cavalcata Sarda, la sfilata nata per omaggiare il Re è diventata una festa del popolo, La Nuova Sardegna, 19 maggio 2018

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]