Oreste Pieroni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Oreste Pieroni
Oreste Pieroni.jpg

Sindaco di Sassari
Durata mandato 4 settembre 1946 –
25 settembre 1954
Predecessore Candido Mura
Successore Vittorio Devilla

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana

Oreste Ruggero Dino Pieroni (Sassari, 31 agosto 1899Sassari, 25 ottobre 1976) è stato un politico italiano. È stato sindaco di Sassari nel secondo dopoguerra, dal 1948 al 1954. I sassaresi lo ricordano come il sindaco dei fiori, perché, tra le altre cose, si preoccupò di arricchire la città con molto verde.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del giornalista Cesare Fortunato (Sassari, 1869-1949), un dissidente anarchico che fuggì in Argentina,[1] Oreste deve provvedere al sostentamento della madre e della sorella fin dalla sua infanzia.

Partecipò alla prima guerra mondiale come ragazzo del '99 e ottenne una croce al merito di guerra. Finita la guerra rientra nella sua città, riprende gli studi infine, nel 1921 ottiene il diploma di ragioniere e negli anni successivi esercita la professione.

Il 4 settembre 1946 fu eletto sindaco di Sassari, carica che ricoprì per due mandati consecutivi. Nel 1951 fece rinascere la Cavalcata sarda, (evento fino ad allora organizzato occasionalmente nel 1711, 1929 e 1939) che da allora è diventato un appuntamento annuale della città di Sassari. Nello stesso anno trasformò la vecchia marina di "Abba Currente", dotandola di infrastrutture e creando lo stabilimento balneare di Platamona, la spiaggia dei sassaresi.[2]

Nel 1955 fu nominato direttore generale del Banco di Sardegna nato in quello stesso anno a seguito della fusione fra l'Istituto di Credito Agrario per la Sardegna (ICAS) ed il Banco di Sardegna di Cagliari.[3] Sotto la sua guida iniziò la modernizzazione della nuova struttura. [4] Entrato in carica il 30 marzo 1956 ricoprì la carica di Direttore Generale del Banco di Sardegna fino al 26 marzo 1961.[5]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Note sull'amministrazione del Comune di Sassari dal 1946 al 1952 - Orientamenti e realizzazioni, Gallizzi - Sassari 1952;
  • Il credito agrario di soccorso - Esempi ed esperienze, Gallizzi - Sassari 1955;
  • Interventi finanziari per la meccanizzazione dell'agricoltura in Sardegna e questioni di credito agrario , Gallizzi - Sassari 1957.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Medaglia dell'Unità d'Italia, 20 gennaio 1919
  • Croce al Merito di Guerra, 12 maggio 1919
  • Commendatore dell'ordine "Sancti Gregorii Magni", 23 gennaio 1949
  • Commendatore, 30 dicembre 1952

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo mandato contribuì, con l'arcivescovo Mazzotti, alla realizzazione della fontana di san Francesco (copia dell'opera realizzata da Giannino Castiglioni a Milano) e, nel 1953, della Colonna di sant'Antonio di Eugenio Tavolara.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cesare Fortunato in Oreste Pieroni leggi online
  2. ^ A. Ponzeletti, Cavalcata Sarda, la sfilata nata per omaggiare il Re è diventata una festa del popolo, La Nuova Sardegna, 19 maggio 2018
  3. ^ Banco di Sardegna. Storia, Sardegna Digital Library Leggi online
  4. ^ Mario Virdis, Il sistema creditizio sardo: dai monti frumentari alla banca universale, p. 13 leggi online
  5. ^ Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, anno 97° - N.85

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]