Campionato giapponese di calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il campionato di calcio giapponese è un insieme di tornei calcistici istituiti da società affiliate alla Japan Football Association. I campionati sono ripartiti in sette livelli: i primi 2, organizzati dalla J. League, sono inquadrati nell'area del professionismo, il terzo (la J3 League) è anch'esso di carattere professionistico, il quarto (organizzato dalla Japan Football League) è disputato a regime semiprofessionistico, mentre i successivi livelli sono disputati a regime dilettantistico e a carattere locale.

Le squadre partecipanti affrontano ogni compagine del raggruppamento di appartenenza due volte, una presso il proprio campo e l'altra presso quello dell'avversaria, con uno svolgimento del girone all'italiana. Per ogni squadra vincitrice sono assegnati tre punti, per la perdente zero e in caso di parità viene assegnato un punto ciascuna.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Primo e secondo livello (J. League)[modifica | modifica sorgente]

I due massimi livelli del campionato giapponese di calcio sono organizzati dalla Japan Professional Football League (nota anche come J. League), a cui aderiscono 38 squadre professionistiche ripartite in due divisioni:

  • Division 1: Il torneo è composto da 18 squadre che si affrontano in un girone all'italiana con la formula di andata e ritorno. La squadra che ottiene il maggior numero di punti viene proclamata campione del Giappone, mentre le prime tre classificate hanno diritto a partecipare alla AFC Champions League[1]. Le ultime tre squadre classificate retrocedono in Division 2.
  • Division 2: È composta da 20 squadre che si affrontano in un girone all'italiana con la formula di andata e ritorno. Le prime tre squadre qualificate ottengono l'accesso diretto alla Division 1, mentre l'ultima retrocede direttamente in J3 League e la penultima disputa uno spareggio salvezza contro la seconda classificata in J3 League.

Terzo livello (J3 League)[modifica | modifica sorgente]

È un torneo di stampo professionistico istituito nel 2014, a cui partecipano 12 squadre. Al termine del campionato, la prima classificata ha diritto ad essere promossa direttamente in J. League 2, mentre la seconda disputa uno spareggio promozione con la penultima classificata in J. League 2. Tuttavia, per poter essere realmente promosse, entrambe devono rispettare alcuni criteri stabiliti dalla J. League.

Quarto livello (Japan Football League)[modifica | modifica sorgente]

È l'unico torneo organizzato dalla Japan Football League, composto da 14 squadre semiprofessionistiche che si affrontano in un girone all'italiana con la formula di andata e ritorno. Non sono previste promozioni, tuttavia se una delle prime quattro classificate è membro associato della J. League, può salire di livello previa un'ispezione del proprio status professionistico da parte di un organo della J. League. Le ultime due classificate retrocedono in Japan Regional League.

Quinto e sesto livello (Japan Regional League)[modifica | modifica sorgente]

Il torneo è ripartito in nove gironi regionali (ripartiti, in alcuni casi, in due divisioni) a cui partecipano 125 squadre dilettantistiche. Al termine della stagione le prime (e, in alcuni casi, le seconde) classificate dei gironi si affrontano in un playoff (denominato All Japan Regional Football Promotion League Series) con le prime due classificate che ottengono la promozione al livello superiore. Per quanto riguarda le retrocessioni, ogni singolo girone adotta un proprio regolamento.

Dal settimo livello[modifica | modifica sorgente]

È un torneo organizzato dai comitati provinciali della Japan Football Association e consta di 47 gironi provinciali (di cui quattro appartenenti alla prefettura di Hokkaidō), ciascuno di essi adottante un proprio regolamento in materia di promozione e retrocessione.

Attuale sistema[modifica | modifica sorgente]

Livelli Campionati/Divisioni
I J. League Division 1 (J1)
18 squadre
II J. League Division 2 (J2)
20 squadre
III J3 League (J3)
12 squadre
IV Japan Football League
14 squadre
V/VI 9 Campionati Regionali
125 squadre

Hokkaido (8 squadre)
Tohoku 1 (8 squadre) | Tohoku 2 nord (8 squadre) | Tohoku 2 sud (8 squadre)
Kanto 1 (8 squadre) | Kanto 2 (8 squadre)
Tokai 1 (8 squadre) | Tokai 2 (9 squadre)
Hokushin'etsu 1 (8 squadre) | Hokushin'etsu 2 (8 squadre)
Kansai 1 (8 squadre) | Kansai 2 (8 squadre)
Chugoku (10 squadre)
Shikoku (8 squadre)
Kyushu (10 squadre)

VII+ 47 Campionati Provinciali
??? squadre

Dōhoku (nord) | Dōtō (est) | Dōō (centro) | Dōnan (sud)
Aomori | Iwate | Miyagi | Akita | Yamagata | Fukushima
Ibaraki | Tochigi | Gunma | Saitama | Chiba | Tokyo | Kanagawa
Gifu | Shizuoka | Aichi | Mie
Niigata | Toyama | Ishikawa | Fukui | Yamanashi | Nagano
Shiga | Kyoto | Osaka | Hyogo | Nara | Wakayama
Tottori | Shimane | Okayama | Hiroshima | Yamaguchi
Tokushima | Kagawa | Ehime | Kochi
Fukuoka | Saga | Nagasaki | Kumamoto | Ōita | Miyazaki | Kagoshima | Okinawa

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nel caso in cui una delle due squadre a ridosso della prima vinca la Coppa dell'Imperatore, il posto lasciato vacante viene assegnato alla quarta classificata.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]