Campionato Italiano Slalom

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Campionato Italiano Slalom
CategoriaAutomobilismo
NazioneItalia Italia
Prima edizione1985
Pilota campione
(2020)
Italia Salvatore Venanzio
Sito web ufficialeSito ufficiale

Il Campionato Italiano Slalom (CIS) è il massimo campionato automobilistico nazionale della disciplina autoslalom. Organizzato dall'Automobile Club d'Italia (dalla CSAI fino al 2011), comprende diverse gare che si snodano per tutta l'Italia. Oltre al titolo nazionale assoluto della specialità, la serie assegna anche il titolo di campione italiano, il titolo under 23, il titolo femminile e diversi trofei minori[1].

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Il calendario del Campionato Italiano Slalom è costituito da un numero variabile di gare distribuite in diverse regioni italiane[1]. Negli anni 2000 la gare furono dodici, suddivise in due gironi composti da sei slalom ciascuno[1]. Dalla stagione 2010 fu eliminato il raggruppamento in gironi[2] e a partire dal 2012 le prove furono progressivamente ridotte scendendo dapprima a dieci[3] e dal 2015 a otto[4]. Le singole gare, che di norma si svolgono di domenica mentre il giorno antecedente è dedicato alle verifiche tecniche e sportive, sono selezionate di anno in anno dalla Commissione Sportiva Automobilistica Italiana e durante una stagione possono subire modifiche[1]. Dal 2005 la sola manifestazione sempre presente in calendario è lo slalom Torregrotta-Roccavaldina.

Concorrenti e vetture[modifica | modifica wikitesto]

Il sei volte Campione Italiano Fabio Emanuele su Osella PA9 Alfa Romeo durante lo Slalom Torregrotta-Roccavaldina

Possono partecipare al campionato i piloti italiani titolari di regolare licenza ACI e i piloti stranieri provenienti dai paesi appartenenti all'Unione europea titolari di licenza rilasciata dal paese di provenienza[1]. Questi ultimi, però, non possono concorrere all'assegnazione dei titoli. Per concorrere al titolo Under 23, inoltre, è necessario non aver compiuto il ventitreesimo anno di età alla data del primo gennaio della stagione nella quale si gareggia[1].

Le vetture i cui concorrenti possono gareggiare per i titoli nazionali slalom sono quelle dei gruppi N, A, Speciale Slalom (SS), Prototipi Slalom (PS) e Sport Prototipi Slalom (SPS)[1]. I piloti con vetture appartenenti ad altri gruppi, che non possono concorrere ai titoli, sono esclusi dall'attribuzione del punteggio di gara[1].

Sistema di punteggio[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Campione Italiano Assoluto Slalom[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo italiano assoluto è stato istituito nella stagione 2018 e viene assegnato al pilota che nell'arco della stagione totalizza il maggior punteggio[1]. In ogni singolo slalom viene assegnato un punteggio in base alla posizione nella classifica assoluta di gara secondo il seguente schema[1]:

Stagioni Posizione assoluta di gara Migliori risultati
considerati
Note
10°
2018 - 2021 15 12 10 8 6 5 4 3 2 1 massimo 6

Ai fini della classifica finale del campionato non vengono attribuiti tutti i punteggi ottenuti nelle singole gare ma sono considerati soltanto i migliori risultati[1], così come riportato nel precedente schema. Se due o più piloti, al termine della stagione regolare, ottengono lo stesso punteggio, il successivo criterio per determinare la posizione in classifica è il maggior numero di partecipazioni alla gare in calendario, comprese quelle i cui punteggi sono stati scartati; a parità di questo vengono presi in considerazione i primi posti ottenuti in ogni singolo slalom e, a seguire, i piazzamenti successivi[1]

Titolo Campione Italiano Slalom[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo di Campione Italiano Slalom è assegnato al pilota che al termine della stagione risulta avere il più alto punteggio. Fino alla stagione 2017 affinché il punteggio fosse considerato valido era necessaria la partecipazione ad un numero minimo di gare tra quelle in calendario: dal 1999 al 2014 tale quota minima è stata fissata in 3 gare mentre dal 2015 al 2017 è stata pari a 5 gare[1]. In ogni singolo slalom viene assegnato un punteggio dato dalla somma dei punti derivanti da diverse classifiche che prevedono diverse attribuzioni di punteggi in base al numero dei partecipanti[1]. Il sistema di assegnazione è stato modificato diverse volte nel corso delle varie stagioni del CIS secondo il seguente schema[1]:

Stagioni Posizione assoluta di gara Posizione di Gruppo Posizione di Classe Migliori risultati
considerati
Note
dalla 10°
alla 15°
10° dalla 11°
alla 15°
1999 – 2009 3 2 1 - 20 15 12 10 8 6 4 3 2 1 - - 8 (4 in ciascun girone)
2010 - 2014 - 15 12 10 8 6 5 4 3 2 1 - tutti [5]
2015 - 2017 15 12 10 8 6 5 4 3 2 1 10 8 6 5 4 3 2 1 - 5 3 - 5 [6][7][8]
7 5 3 1 -
9 7 5 3 2 1 -
10 8 6 5 4 3 2 1
2018 - 2021 - 2,5 2 1,5 1 0,5 - 2 - massimo 6
(tutti nel 2020, massimo 7 dal 2021)
3 1 -
5 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 4 2 1 -
5 3 2 1 -
6 4 3 2 1 -

Analogamente al titolo assoluto, per la stesura della classifica finale del campionato non vengono sommati tutti i punteggi ottenuti nelle singole gare ma sono considerati soltanto i migliori risultati[1]. In caso di ex aequo tra due o più piloti, valgono le medesime regole applicate per il titolo assoluto[1].

Titolo Campione Under 23[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo italiano under 23 viene assegnato sulla base del maggior punteggio valido totalizzato durante la stagione[1]. Le regole per la validità del punteggio finale sono state modificate svariate volte[1]. Dal 1999 al 2010 era necessario ottenere punti in almeno 2 gare per ciascuno dei gironi in cui era suddiviso il campionato e in almeno 6 gare nel totale; aumentate a 8 gare nelle stagioni 2011 e 2012 e poi ridotte a 4 nel 2013. Dalla stagione 2014 la validità si ottiene dalla semplice partecipazione ad almeno 3 gare di campionato. I criteri per l'attribuzione dei punti nelle singole gare erano identici a quelli del titolo di campionato italiano fino alla stagione 2009. Dal 2010 viene considerata solo la posizione in classifica di classe, con punteggi differenziati in base al numero dei partecipanti, secondo il seguente schema[1]:

Stagioni Posizione assoluta di gara Posizione di Gruppo Posizione di Classe Migliori risultati
considerati
Note
10° dalla 9°
1999 – 2009 3 2 1 20 15 12 10 8 6 4 3 2 1 - 8 (4 in ciascun girone)
2010 - 2017 - - 10 8 6 5 4 3 2 1 - tutti
2018 - 2021 - - 2 - tutti
3 1 -
4 2 1 -
5 3 2 1 -
6 4 3 2 1 -
7 5 4 3 2 1 -
8 6 5 4 3 2 1 1 1

In caso di ex aequo tra due o più piloti, valgono le medesime regole applicate per il titolo assoluto[1].

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Campione Italiano Assoluto Slalom Campione Italiano Slalom Campione Under 23 Slalom
Pilota Vettura Pilota Vettura Pilota Vettura
1985 Italia Augusto Cesari[9] Dallara X1/9
1986 Italia Luigi Barbero[10] Fiat X1/9 Abarth
1987 Italia Augusto Cesari[11] Lancia Delta S4
1988 Italia Lorenzo Saracco[12] Alpine A110
1989 Italia Lorenzo Saracco[12] Alpine A110
1990 Italia Augusto Cesari Lancia Delta S4
1991 Italia Augusto Cesari Lancia Delta S4
1992 Italia Augusto Cesari[13] Lancia Delta S4
1993 Italia Augusto Cesari[13] Lancia Delta S4
1994 Italia Paolo Antonazzo[13] Lancia Delta S4
1995 Italia Augusto Cesari[13] Osella Alfa Romeo
1996 Italia Augusto Cesari[13] Osella Alfa Romeo
1997 Italia Loris Lusenti[13] Lancia Delta S4
1998 Italia Augusto Cesari[14] Osella Alfa Romeo
1999 Italia Franco Stradella[14] Osella BMW Italia Luigi Noviello[14] Peugeot 106
2000 Italia Maurizio Morlino[14] Fiat X1/9 Abarth Italia Gabriella Pedroni[14] Fiat Seicento Kit
2001 Italia Salvatore Langellotto[14] Osella PA9 Alfa Romeo Italia Manuel Dondi[14] Fiat X1/9
2002 Italia Luigi Vinaccia[14] Osella PA 9/90 Alfa Romeo Italia Manuel Dondi[14] Fiat X1/9
2003 Italia Salvatore Langellotto[14] Osella PA9 Alfa Romeo Italia Manuel Dondi[14] Fiat X1/9
2004 Italia Luigi Vinaccia[15] Osella PA 9/90 Alfa Romeo Italia Manuel Dondi[16] Fiat X1/9
2005 Italia Manuel Dondi[17] Fiat X1/9 Italia Manuel Dondi[18] Fiat X1/9
2006 Italia Fabio Emanuele[19] Osella PA 9/90 Alfa Romeo Italia Salvatore Tortora[20] Peugeot 205 Gti
2007 Italia Fabio Emanuele[21] Osella PA 9/90 Alfa Romeo Italia Giuseppe Gulotta[22] Osella PA 21S Honda
2008 Italia Luigi Vinaccia[23] Osella PA 9/90 Alfa Romeo Italia Giuseppe Gulotta[24] Osella PA 21S Honda
2009 Italia Giacomo Benenati[25] Renault Clio RS Light[26] ? ?
2010 Italia Alessandro Polini[27] Autobianchi A112 Suzuki Italia Martina Iacampo[28] Peugeot 106 XSI / Peugeot 205
2011 Italia Fabio Emanuele[29] Osella PA 9/90 Alfa Romeo Italia Vincenzo Manganiello[30] Fiat X1/9 Kawasaki
2012 Italia Luigi Vinaccia[31] Osella PA 9/90 Alfa Romeo Titolo non assegnato[32]
2013 Italia Fabio Emanuele[33] Osella PA 9/90 Alfa Romeo Italia Alessandro Tortora[34] Renault Clio RS
2014 Italia Salvatore Venanzio[35] Radical SR4 Suzuki Italia Francesco Cavaglià[36] Autobianchi A112 Abarth
2015 Italia Fabio Emanuele[37] Osella PA 9/90 Alfa Romeo Italia Vincenzo Manganiello[38] Fiat 126 Suzuki
2016 Italia Salvatore Venanzio[39] Radical SR4 Suzuki Italia Vincenzo Manganiello[40] Fiat 126
2017 Italia Saverio Miglionico[41] Radical SR4 Suzuki Italia Michele Poma[42] Ghipard
2018 Italia Giuseppe Castiglione[43] Radical SR4 Suzuki Italia Antonino Carpentieri[44] Peugeot 106 Rally Italia Emanuele Schillace[45] Radical SR4 Suzuki
2019 Italia Fabio Emanuele[46] Osella PA 9/90 Alfa Romeo Italia Benedetto Guarino[47] Peugeot 106 Rally Italia Michele Puglisi[48] Radical Suzuki
2020 Italia Salvatore Venanzio[49] Radical Suzuki Italia Ignazio Bonavires[50] Peugeot 106 Italia Michele Poma[51] Radical SR4 Suzuki

Plurivincitori[modifica | modifica wikitesto]

Campioni Italiani Slalom
Titoli Pilota Stagioni
9 Italia Augusto Cesari 1985, 1987, 1990, 1991, 1992, 1993, 1995, 1996, 1998
6 Italia Fabio Emanuele 2006, 2007, 2011, 2013, 2015, 2019
4 Italia Luigi Vinaccia 2002, 2004, 2008, 2012
3 Italia Salvatore Venanzio 2014, 2016, 2020
2 Italia Lorenzo Saracco 1988, 1989
Italia Salvatore Langellotto 2001, 2003

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u Annuari sportivi slalom, su acisport.it, CSAI. URL consultato il 14 aprile 2018.
  2. ^ Annuario sportivo 2010, su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 18 luglio 2015.
  3. ^ Annuario sportivo 2012, su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 18 luglio 2015.
  4. ^ Annuario sportivo 2015, su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 18 luglio 2015.
  5. ^ I punteggi in base alla posizione in classifica di gruppo sono attribuiti ai primi 15 classificati assoluti di ogni singola gara.
  6. ^ In ciascuna gara di campionato, i tre punteggi sono attribuiti ai primi 15 classificati assoluti.
  7. ^ I punti della classifica di Classe sono attribuiti in base al numero di concorrenti classificati distinguendo tra: fino a 3 classificati, da 4 a 6 classificati, da 7 a 10 classificati e oltre 10 classificati.
  8. ^ I punti cumulati nella penultima gara in calendario sono moltiplicati per un coefficiente 1,5 mentre quelli cumulati nell’ultima gara vengono raddoppiati.
  9. ^ 1985 - Vincitori campionati italiani, trofei nazionali e coppe CSAI, in Notiziario CSAI n.12/ter, CSAI, dicembre 1985, p. 5.
  10. ^ Campionati, trofei, coppe CSAI 1986, in Notiziario CSAI n.12/bis, CSAI, dicembre 1986, p. 4.
  11. ^ Mauro Bongiovanni, Cesari già campione, in Rombo n.36, EdiStart, 8 settembre 1987, p. 79.
  12. ^ a b Francesco Panarotto, Alpine Renault A110 - Les Bleues Italiennes, UNIT Editrice, 2012, p. 151.
  13. ^ a b c d e f Campioni Italiani ACI CSAI 1992-1997 (XLS), su servizi.aci.it, CSAI. URL consultato il 3 giugno 2015 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2007).
  14. ^ a b c d e f g h i j k Campioni Italiani ACI CSAI 1998-2005 (XLS), su servizi.aci.it, CSAI. URL consultato il 3 giugno 2015 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2007).
  15. ^ Classifica assoluta 2004 (PDF), su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 9 aprile 2015.
  16. ^ Vincitori titoli CSAI 2004 (PDF), su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 7 giugno 2015.
  17. ^ Classifica assoluta 2005 (PDF), su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 12 aprile 2015.
  18. ^ Premiazione dei Campioni del Volante ACI CSAI 2005, in CSAI, 1º marzo 2006. URL consultato il 7 giugno 2015.
  19. ^ Classifica assoluta 2006 (PDF), su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 12 aprile 2015.
  20. ^ Vincitori titoli CSAI 2006 (PDF), su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 7 giugno 2015.
  21. ^ Classifica assoluta 2007 (PDF) [collegamento interrotto], su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 12 aprile 2015.
  22. ^ Campioni italiani dell’automobilismo 2007 (PDF), su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 7 giugno 2015.
  23. ^ Luigi Vinaccia è il migliore slalomista, in CSAI, 8 ottobre 2008. URL consultato il 30 aprile 2015.
  24. ^ Classifica assoluta 2008 conduttori under 23 (PDF), su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 7 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  25. ^ Classifica assoluta 2009 conduttori (PDF) [collegamento interrotto], su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 12 aprile 2015.
  26. ^ Vincitore Campionato Italiano Slalom 2009, su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 12 aprile 2015.
  27. ^ Classifica assoluta 2010 conduttori (PDF), su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 7 giugno 2015.
  28. ^ Classifica assoluta 2010 conduttori under 23 (PDF), su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 7 giugno 2015.
  29. ^ Classifica assoluta 2011 conduttori (PDF), su acisportitalia.it, ACI Sport. URL consultato il 7 giugno 2015.
  30. ^ Classifica assoluta 2011 conduttori under 23 (XLS), su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 7 giugno 2015.
  31. ^ Classifica assoluta 2012 conduttori (PDF), su acisportitalia.it, ACI Sport. URL consultato l'8 aprile 2013.
  32. ^ Classifica assoluta 2012 conduttori under 23 (PDF), su acisportitalia.it, ACI Sport. URL consultato il 7 giugno 2015.
  33. ^ Classifica assoluta 2013 conduttori (PDF), su acisportitalia.it, ACI Sport. URL consultato il 22 dicembre 2013.
  34. ^ Classifica assoluta 2013 conduttori under 23 (PDF), su acisportitalia.it, ACI Sport. URL consultato il 7 giugno 2015.
  35. ^ Classifica assoluta 2014 conduttori (PDF), su acisportitalia.it, ACI Sport. URL consultato il 4 aprile 2015.
  36. ^ Classifica assoluta 2014 conduttori under 23 (PDF), su acisportitalia.it, ACI Sport. URL consultato il 7 giugno 2015.
  37. ^ Classifica assoluta 2015 conduttori (XLS), su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  38. ^ Classifica assoluta 2015 conduttori under 23 (XLS), su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  39. ^ Classifica assoluta 2016 conduttori (XLS), su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 9 novembre 2016.
  40. ^ Classifica assoluta 2016 conduttori under 23 (XLS), su csai.aci.it, CSAI. URL consultato il 9 novembre 2016.
  41. ^ Classifica assoluta 2017 conduttori (PDF), su acisport.it, ACI Sport. URL consultato l'8 febbraio 2018.
  42. ^ Classifica assoluta 2017 conduttori under 23 (PDF), su acisport.it, ACI Sport. URL consultato l'8 febbraio 2018.
  43. ^ Classifica assoluta 2018 CIAS conduttori (PDF), su acisport.it, ACI Sport. URL consultato il 27 aprile 2019.
  44. ^ Classifica assoluta CIS 2018 conduttori (PDF), su acisport.it, ACI Sport. URL consultato il 27 aprile 2019.
  45. ^ Classifica assoluta CIS 2018 conduttori under 23 (PDF), su acisport.it, ACI Sport. URL consultato il 27 aprile 2019.
  46. ^ Classifica assoluta 2019 CIAS conduttori (PDF), su acisport.it, ACI Sport. URL consultato il 17 aprile 2020.
  47. ^ Classifica assoluta CIS 2019 conduttori (PDF), su acisport.it, ACI Sport. URL consultato il 17 aprile 2020.
  48. ^ Classifica assoluta CIS 2019 conduttori under 23 (PDF), su acisport.it, ACI Sport. URL consultato il 17 aprile 2020.
  49. ^ Classifica assoluta 2020 CIAS conduttori (PDF), su acisport.it, ACI Sport. URL consultato il 2 marzo 2021.
  50. ^ Classifica assoluta CIS 2020 conduttori (PDF), su acisport.it, ACI Sport. URL consultato il 2 marzo 2021.
  51. ^ Classifica assoluta CIS 2020 conduttori under 23 (PDF), su acisport.it, ACI Sport. URL consultato il 2 marzo 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]