Cal di Canale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cal di Canale
insediamento
(SL) Kal nad Kanalom
Localizzazione
Stato Slovenia Slovenia
Regione statistica Goriziano
Comune Canale d'Isonzo
Territorio
Coordinate 46°05′01.68″N 13°44′29.4″E / 46.0838°N 13.7415°E46.0838; 13.7415 (Cal di Canale)Coordinate: 46°05′01.68″N 13°44′29.4″E / 46.0838°N 13.7415°E46.0838; 13.7415 (Cal di Canale)
Altitudine 698.6 m s.l.m.
Superficie 20,38 km²
Abitanti 318 (2002)
Densità 15,6 ab./km²
Altre informazioni
Prefisso 5214
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Slovenia
Cal di Canale
Cal di Canale

Cal di Canale[1][2] (in sloveno: Kal nad Kanalom, in tedesco Cau[3]) è una frazione di Canale d'Isonzo sull'Altopiano della Bainsizza a 680 m d'altezza. Il paese dista 25 km da Nova Gorica e 15 da Canale d'Isonzo.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La frazione è bagnata dal torrente Auzzana (Avšček).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il centro abitato apparteneva storicamente alla Contea di Gorizia e Gradisca, come comune autonomo; era noto con il toponimo sloveno di Kal.

Dopo la prima guerra mondiale passò, come tutta la Venezia Giulia, al Regno d'Italia; il toponimo venne italianizzato in Cal di Canale e il comune venne inserito nel circondario di Gorizia della provincia del Friuli[4]. Nel 1927 passò alla nuova provincia di Gorizia[5].

Dopo la seconda guerra mondiale il territorio passò alla Jugoslavia; attualmente Cal (tornata ufficialmente Kal) è frazione del comune di Canale d'Isonzo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Nel paese si trova la chiesa parrocchiale del 1892.
Vicino al paese si trova il baratro Na Levpi, la grotta carsica con la parete verticale più alta di tutta la Slovenia.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

L'insediamento (naselja) è formato dagli agglomerati: Vissidol[6] (Višji Dol), Lipizze[6] (Lipice), Dol, Svetres[7] (Cvetrež), Coprisca[8][9][7] (Koprivče), Cum[6] (Hum), Zaberdo[7] (Zabrdo), Draga di Canale[6] (Kačja Draga), Salom[6] (Zalom), Ocroglo[6] (Okroglo), Brésovo[6] (Brezovo), Gomilnizza[6] (Gomilnica), Sable[6] (Žable), Ilovizza o Ilouza[6] (Ilovica), Bucovazzi[6] (Bukovci), Vercova[10] (Murovci+Bahovišče+Pertovti+ Hodinišče), Gribar[6] (Hribar).

Vecchie frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1936 il vecchio comune di Cal di Canale (provincia di Gorizia) aveva una popolazione totale di 2.112 residenti ed era suddiviso in 3 frazioni[11]:

Comuni, frazioni e abitati Popolazione residente in complesso Popolazione residente dei centri Popolazione residente delle case sparse
Comune di Cal di Canale 2.112 401 75
Cal di Canale 924 214 710
Lom di Canale 350 56 294
Pieve di Lèupa 838 131 707

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. il toponimo "Cal di Canale" a p. 55 sull'Atlante geografico Treccani, vol I, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2008.
  2. ^ Nuovissima carta regionale stradale 1:200000 Friuli Venezia Giulia, Strade Demetra, 2000.
  3. ^ Gemeinde Cau – catasto austriaco franceschino
  4. ^ Regio Decreto 18 gennaio 1923, n. 53, art. 4
  5. ^ R.D.L. 2 gennaio 1927, n. 1, art. 1
  6. ^ a b c d e f g h i j k l Reale Società Geografica Italiana, Prontuario dei nomi locali della Venezia Giulia, Roma, 1917.
  7. ^ a b c Consociazione Turistica Italiana – Sui Campi di Battaglia – Il Medio e Basso Isonzo – quinta edizione , 1939, Milano
  8. ^ Cfr. "Coprisca" nella Cartografia di base DeAgostini sul Geoportale Nazionale del Ministero dell'Ambiente (visualizzabile dal menù "Strumenti": Servizi: "WMS" → Ente: "wms.pcn.minambiente.it" → Servizio: "Cartografia di base - De Agostini").
  9. ^ Cfr. "Coprisca" in Natale Vadori, Italia Illyrica sive glossarium italicorum exonymorum Illyriae, Moesiae Traciaeque ovvero glossario degli esonimi italiani di Illiria, Mesia e Tracia, Ellerani, San Vito al Tagliamento (PN), 2013, p. 53.
  10. ^ Vercova (Verh Auch) - Catasto austriaco franceschino 1822
  11. ^ VIII Censimento Generale della Popolazione - 21 aprile 1936, XIV - Fascicolo 32 PROVINCIA DI GORIZIA - Tipografia Ippolito Failli, Roma 1937 ANNO XV

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]