BulletBoys

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
BulletBoys
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereHair metal[1][2][3]
Pop metal[2]
Heavy metal[1]
Hard rock[1]
Periodo di attività musicale1986 – in attività
EtichettaWarner Bros Records
Swordholio Records
BulletBoys Records
Album pubblicati10
Studio6
Live1
Raccolte3
Gruppi e artisti correlatiKing Kobra
Ratt
Hawk
Sito ufficiale

I BulletBoys sono un gruppo musicale hair metal statunitense, formatosi a Los Angeles nel 1986[4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I tre membri Mick Sweda, Marq Torien e Loni Black erano già componenti di un altro gruppo, i King Kobra[4] nel 1986. Allo scioglimento sempre nel 1986 fondarono i BulletBoys a cui si aggiunse il batterista Jimmy D'Anda[5] il loro primo album uscì nel 1988 con l'omonimo BulletBoys prodotto da Ted Templeman.

Dopo aver parteciparono a circa 400 show il loro disco superò il milione di copie vendute[5]. Uscì il secondo album Freakshow nel 1991 e nel 1993 il terzo, Za-Za. Sweda e D'Anda abbandonarono il progetto e vennero sostituiti da Tommy Pittam e Robby Karras. Il nuovo lavoro "Acid Monkey" non ebbe successo.[5]

Nel 2000 viene pubblicata la compilation del gruppo intitolata Burning Cats and Amputees, subito dopo Torien e Vincent riunirono i BulletBoys, nel 2002 la nuova formazione dei BulletBoys vedeva Vencent con Torien e Hook e il nuovo bassista Melvin Brannon II ed il batterista Paul Newman[5] Nell'ottobre del 2003 esce il nuovo album intitolato Sophie per la Bulletboys Records. Nell'aprile 2007 uscì il primo live album, Behind the Orange Curtain

Lineup[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Marq Torien - Voce
  • Tory Stoffregen - Chitarra
  • Rob Lane - Basso
  • Ryche Green - Batteria

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Allmusic.com - BulletBoys
  2. ^ a b Greatest hair/pop metal bands - BulletBoys
  3. ^ BulletBoys citati nel libro "American Hair metal"
  4. ^ a b Johannes Antonius van den Heavel (a cura di), Enciclopedia Rock, Hard & Heavy, Arcana Editrice, 1991, ISBN 88-85859-77-1.
  5. ^ a b c d musicmight.com - BulletBoys Archiviato il 28 gennaio 2010 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN145559501 · GND: (DE10291546-5
Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal