Big Game (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Big Game
ArtistaWhite Lion
Tipo albumStudio
Pubblicazione13 giugno 1989
Durata52:59
Dischi1
Tracce11
GenerePop metal
Hair metal
Hard rock
Album-oriented rock
EtichettaAtlantic
ProduttoreMichael Wagener
Registrazione1989
FormatiLP, CD, MC
Certificazioni
Dischi d'oroStati Uniti Stati Uniti[1]
(vendite: 500 000+)
White Lion - cronologia
Album precedente
(1987)
Album successivo
(1991)
Singoli
  1. Little Fighter
    Pubblicato: 1989
  2. Radar Love
    Pubblicato: 1989
  3. Cry for Freedom
    Pubblicato: 1990
  4. Goin' Home Tonight
    Pubblicato: 1990

Big Game è il terzo album in studio del gruppo musicale statunitense White Lion, pubblicato nel giugno del 1989 dalla Atlantic Records.

Ha raggiunto la posizione numero 19 della Billboard 200 negli Stati Uniti ed è stato certificato disco d'oro per le vendite dalla RIAA.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima metà del 1989, ancora sulla cresta dell'onda del successo ottenuto con l'album Pride, i White Lion rientrarono in studio per lavorare a del nuovo materiale. Il gruppo cominciò le registrazioni non appena tornato dal tour promozionale del disco precedente, pentendosi successivamente di questa scelta, a causa degli effetti provocati dalla fatica accumulata nell'ultimo anno e mezzo in giro per il mondo. In un'intervista rilasciata molti anni più tardi, Mike Tramp ha commentato che per la band sarebbe stato meglio prendersi una lunga pausa per riorganizzare le idee, anziché registrare frettolosamente un nuovo album.[3]

Big Game venne pubblicato a metà 1989 e si rivelò decisamente più eclettico rispetto a Pride. L'uscita fu accompagna dal singolo Little Fighter, un brano scritto in memoria della Rainbow Warrior, una nave ammiraglia della flotta di Greenpeace che venne volutamente sabotata e affondata dalla DGSE, il servizio segreto francese responsabile delle operazioni all'estero. Come secondo singolo venne pubblicata una cover di Radar Love dei Golden Earring, a cui seguì la ballata Cry for Freedom qualche mese più tardi. Il quarto e ultimo singolo estratto dall'album fu la traccia d'apertura Goin' Home Tonight.

Tutti i quattro singoli furono accompagnati da relativi video musicali e l'album ottenne rapidamente la certificazione di disco d'oro, raggiungendo la posizione numero 19 della Billboard 200. Big Game guadagnò inoltre ottimi piazzamenti all'interno del mercato europeo, facendo meglio di Pride in diverse classifiche d'oltreoceano.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Vito Bratta e Mike Tramp, eccetto Radar Love che è una cover dei Golden Earring.

  1. Goin' Home Tonight – 4:57
  2. Dirty Woman – 3:27
  3. Little Fighter – 4:23
  4. Broken Home – 4:59
  5. Baby Be Mine – 4:10
  6. Living on the Edge – 5:02
  7. Let's Get Crazy – 4:52
  8. Don't Say It's Over – 4:04
  9. If My Mind Is Evil – 4:56
  10. Radar Love – 5:59
  11. Cry for Freedom – 6:10

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Big Game – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 7 maggio 2015.
  2. ^ (EN) Allmusic (White Lion charts & awards) Billboard albums, All Music Guide.
  3. ^ (EN) Interview with Mike Tramp, Power of Metal, settembre 2014. URL consultato il 7 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]