Battaglia di Pirot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Battaglia di Pirot
parte della guerra serbo-bulgara
Pirot Pobeda.jpg
L'esercito bulgaro entra a Pirot.
Data26-27 novembre 1885
LuogoPirot, Serbia
Esitovittoria bulgara
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
42.000 uomini
80 cannoni
65.000 uomini
84 cannoni
Perdite
1.050 tra morti e feriti700 morti
560 feriti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Pirot (in bulgaro: Битка при Пирот o Пиротско сражение) fu combattuta il 14-27 novembre[1], 1885 tra bulgari e serbi durante la guerra serbo-bulgara (1885), si concluse con la vittoria dell'esercito bulgaro.

Preludio[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la vittoria bulgara nella battaglia di Slivnica (17-19 novembre), il Corpo Occidentale dell'esercito bulgaro guidato dal tenente colonnello Danail Nikolaev contrattaccò, le truppe bulgare sconfissero i serbi a Gurgulyat (19 novembre) e Dragoman (22 novembre), fino a raggiungere Pirot (26 novembre)[2] - dopo aver sconfitto le truppe di confine -, qui l'armata serba Nišava era pronta a resistere sulle colline ad est della città.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Intorno alle 15:00 del 26 novembre, l'avanguardia bulgara iniziò ad attaccare i serbi, prima di raggiungere il successo sul fianco sinistro del fronte, il capitano Popov aveva già conquistato le vette del Divan e del Cherni Vrah. Sul fianco destro, il 10º Reggimento serbo della Divisione Šumadija, fu schiacciato e si ritirò seguito da due battaglioni inviati a difendere Pirot. Durante gli scontri sul fianco sinistro, caddero 48 bulgari, 136 furono feriti e 27 dispersi, mentre i serbi persero 67 uomini, più 134 feriti e 85 catturati.

Durante la notte del 27 novembre, i serbi si raggrupparono, al mattino i bulgari continuarono la loro avanzata, la colonna del maggiore Gudzhev attaccò la Divisione Šumadija e pur essendo in inferiorità numerica (due contro uno), i bulgari riuscirono a spingere i serbi sul fiume Temska. Il ritiro della Divisione Šumadija costrinse la Divisione Drina a ritirarsi come meglio poteva, i bulgari li inseguirono. Anche sul fianco sinistro i bulgari erano vincitori.

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

Il giorno dopo la vittoria l'esercito bulgaro si preparò ad attaccare Niš, ma la delegazione austro-ungarica che si trovava nella capitale bulgara, Sofia, minacciò che se la guerra fosse continuata, l'Austria-Ungheria sarebbe intervenuta a fianco della Serbia. Fu così che il 28 novembre, la Bulgaria e la Serbia firmarono il cessate il fuoco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 14-15 novembre secondo il calendario giuliano allora in vigore.
  2. ^ Пейчев, p. 211.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (BG) Пейчев, А. и др. 1300 години на стража, София, 1984, Военно издателство
  • (BG) Атанасов, Щ. и др. Българското военно изкуство през капитализма, София, 1959, Държавно военно издателство при МНО
  • (BG) Димитров, И., Съединението 1885 - енциклопедичен справочник, София, 1985, Държавно издателство „д-р Петър Берон“
  • (BG) Недевска, Е., Шанов, С. Сръбско-българската война 1885. Сборник спомени, София, 1985, Военно издателство
  • (BG) Венедиков, Й., История на доброволците от Сръбско-българската война 1885 година, София, 1985, Издателство на отечествения фронт, стр. 181-190
  • (BG) Христов, Х. и др. Сръбско-българската война 1885. Сборник документи, София, 1985, Военно издателство

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]