Bambola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Bambola (disambigua).
Bambina con bambola, dipinto di Iwanowitsch Surikow
Bambola Lenci
Bambola gardenese di legno dal Museo della Val Gardena
Pigotte UNICEF

Una bambola è una riproduzione di un essere umano (adulto o bambino), di una forma umanoide, di un animale o di un personaggio d'immaginazione (come uno gnomo o una fata), generalmente realizzato in plastica o stoffa, ma anche in legno, porcellana, biscuit e cera.

Uso[modifica | modifica wikitesto]

Alcune bambole sono veri e propri giocattoli per i bambini, ma altre hanno scopo decorativo o da collezione e hanno anche significati culturali, utilizzate in cerimonie o rituali come una rappresentazione fisica della divinità.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli scavi archeologici possono dirci che le bambole sono il giocattolo più antico ritrovato finora, infatti ne sono state rinvenute alcune nelle tombe egizie, risalenti circa al 2000 a.C.

Alla fine del XIX secolo si diffusero le bambole con la testa in porcellana, di cui uno dei principali produttori anche per altre fabbriche fu la Armand di Marsiglia. Gli abiti e gli ornamenti riproducevano quelli delle classi agiate, ed erano di qualità abbastanza elevata.[1]

In Italia furono famose quelle in panno lenci prodotte dal 1929 dalla ditta Lenci di Torino, oggi oggetto di collezionismo. La Val Gardena era famosa nell'800 per le bambole di legno scolpite e tornite prodotte a milioni ed esportate in tutta Europa ed America[2].

Le pigotte sono le bambole di pezza, un tempo fatte con gli stracci, oggi vengono costruite da volontari per la campagna Adotta una pigotta dell'Unicef.

Tipi di bambole[modifica | modifica wikitesto]

Giocattoli
Altre bambole

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Armand Marseille in Il meraviglioso mondo delle bambole di porcellana, vol. 1, Novara, DeAgostini - Idea Donna, 1999, p. 2.
  2. ^ Libro illustrato con storia di bambole della Val Gardena di Florence K. Upton

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]