Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II
Policlinico nuovo.jpg
Stato Italia Italia
Località Napoli
Indirizzo via Sergio Pansini
Fondazione 1972
Sito web e
Mappa di localizzazione

Coordinate: 40°51′59.4″N 14°13′14.7″E / 40.8665°N 14.22075°E40.8665; 14.22075

L'Azienda Ospedaliera Universitaria "Federico II", (più nota come Policlinico di Napoli oppure Secondo Policlinico per distinguerlo dal cosiddetto primo policlinico di Napoli ubicato nel centro storico della città), è un ospedale di Napoli.

Erroneamente si ritiene che la denominazione di Secondo Policlinico derivi dall'essere struttura universitaria della Seconda Università degli Studi di Napoli, mentre la Facoltà di Medicina e Chirurgia di quest'ultima, nonostante abbia alcuni spazi nel nuovo policlinico, è ubicata nel vecchio policlinico (oltre che a Caserta).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione, progettata da Carlo Cocchia e iniziata nei primi anni sessanta del XX secolo, terminò nel 1972.

Nel 1995 diventa "Azienda Universitaria Policlinico", e il 1º gennaio 2004 ha assunto l'attuale nome di Azienda Ospedaliera Universitaria in seguito a un protocollo d'intesa stipulato nel 2003 tra l'Università degli Studi di Napoli "Federico II" e la Regione Campania.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il grande complesso, costituito da numerosi padiglioni e un grattacielo, è sito nella Zona ospedaliera, tra i quartieri Arenella e Chiaiano.

La struttura ospedaliera si estende per un totale 440.000 m² di superficie con 21 edifici a destinazione assistenziale, per un totale di 1000 posti letto per ricoveri ordinari e 200 posti letto per day hospital. Il totale di impiegati, tra medici, infermieri, tecnici, ausiliari e amministrativi è di circa 3400 unità.[1]

Si tratta di un complesso ospedaliero integrato con la Facoltà di Medicina e Chirurgia della "Federico II", le cui aule didattiche sono ubicate nel complesso stesso.
Presenta diverse eccellenze e primati, tra cui il primo intervento di asportazione di tumore al pancreas in via laparoscopica in una bimba (di appena due mesi) in Italia[2].

Data l'estensione della struttura, è presente un servizio di navette interne che collegano i vari edifici che la compongono.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La zona ospedaliera è servita dalle stazioni Policlinico e Rione Alto della linea 1 della metropolitana. La zona è altresì servita da uno svincolo della tangenziale di Napoli. Sono presenti i normali bus di linea sia urbani che extraurbani.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità ISNI: (EN0000 0004 1754 9702