Autorità di bacino distrettuale del fiume Po

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Autorità di bacino del fiume Po)
Jump to navigation Jump to search
Autorità di bacino distrettuale del fiume Po
Piazza Garibaldi a Parma.jpg
Via Garibaldi a Parma, dove ha sede l'AdB del Po.
StatoItalia Italia
TipoAutorità di bacino
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
Liguria Liguria
Lombardia Lombardia
Piemonte Piemonte
Toscana Toscana
Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Valle d'Aosta Valle d'Aosta
Veneto Veneto
SedeParma
Indirizzovia Giuseppe Garibaldi, 75
Sito web

L'Autorità di bacino distrettuale del fiume Po[1] (subentrata all'Autorità di bacino del fiume Po) è una delle Autorità istituite dal decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare del 25 ottobre 2016[2]. Il decreto suddivide il territorio italiano in sette distretti idrografici riducendo il numero di Autorità di bacino da 37 a 7.

La sede amministrativa dell'Autorità di bacino distrettuale del fiume Po è a Parma.

Territorio di competenza[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le Regioni in cui siano presenti affluenti del fiume Po, la val di Livigno tributaria del Danubio e la val di Lei tributaria del Reno[3]. Il territorio gestito dall'ente è suddiviso fra 3.210 comuni appartenenti a Liguria, Piemonte, Valle d'Aosta, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana e ha una superficie di 71 057 k. Inoltre comprende tutta la Svizzera italiana, l'alta Val Divedro svizzera, l'alta Val Cenischia francese, l'alta Valle Stretta francese la valle del Rio Secco e le fonti della Piccola Dora, il ramo sorgentifero della Dora Riparia situato in Francia[4]

Nel maggio del 2017 sono state annesse le Autorità di bacino interregionale del fiume Reno, l'Autorità di bacino interregionali dei fiumi Fissero Tartaro Canalbianco, l'Autorità di bacino interregionale dei fiumi Marecchia-Conca e l'Autorità dei bacini regionali romagnoli[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Territorio di competenza, su adbpo.gov.it. URL consultato il 27 febbraio 2018.
  2. ^ Gazzetta Ufficiale del 2 febbraio 2017, su gazzettaufficiale.it. URL consultato il 27 febbraio 2018.
  3. ^ Autorità di bacino del Po
  4. ^ Carta dell'Autorità di Bacino del fiume Po

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]