Atomic Runner Chelnov - Nuclear Man, the Fighter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Atomic Runner Chelnov - Nuclear Man, the Fighter
Sviluppo Data East
Pubblicazione Data East
Data di pubblicazione 1988
Genere Sparatutto, Piattaforme
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma Arcade, Sega Mega Drive, Sharp X68000
Periferiche di input Joystick a 8 direzioni con 3 tasti

Atomic Runner Chelnov - Nuclear Man, the Fighter (meglio conosciuto come Chelnov o come Atomic Runner) è un videogioco di tipo Platform Sparatutto a scorrimento continuo, sviluppato e pubblicato nel 1988 dalla Data East. Si potrebbe definire come il primo videogioco Platform Sparatutto a scorrimento continuo, ovvero dove si è obbligati ad avanzare per lo scorrimento perpetuo dello scenario, scorrimento che in genere riguardava solamente sparatutto inerenti a battaglie aeree o spaziali. Il gioco è stato ufficialmente definito dalla Data East come il seguito di Karnov, col quale condivide la nazionalità sovietica del personaggio, la tipologìa di videogioco e l'utilizzo successivo del personaggio principale come mascotte (anche se è rimasto Karnov la mascotte ufficiale) e come cameo in altri videogiochi della Data East. Chelnov non ha avuto sequel che riproponessero lo stesso eroe e/o gli stessi scenari/storyline.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il videogioco vede come protagonista tale Chelnov, un minatore dedito all'estrazione del carbone (nella versione per console è un giovane scienziato), che viene travolto dalle radiazioni emesse dall'esplosione di una vicina centrale nucleare; Chelnov sopravvive, ma scopre di essere in possesso di poteri sovraumani. Nel frattempo la Terra viene invasa dai Destariani, un clan di esseri apparentemente alieni, ma che popolarono la Terra in tempi antichi e che rivendicano la sovranità sul pianeta; Chelnov decide di utilizzare i suoi nuovi poteri per liberare il pianeta dagli invasori, in un percorso che lo porta dalla prigione nella quale era stato rinchiuso alla Statua della Libertà di New York.

Gameplay[modifica | modifica sorgente]

Chelnov si presenta come il più classico dei Platform Sparatutto sullo stile di Contra, ma con la novità rappresentata dallo scrolling continuo ed inarrestabile dello scenario, che ha termine solamente alla fine del livello, quando si affronta il boss del livello stesso. I controlli includono il joystick direzionale per direzionare i colpi e per accovacciarsi, oltre che per accelerare o decelerare la corsa, il pulsante di fuoco, il pulsante di salto e, ulteriore novità, un pulsante per invertire la direzione di Chelnov, affinché possa girarsi indietro e camminare a ritroso. Lungo il percorso è possibile trovare svariate armi da sostituire a quella base (missili, mazzafrusti da piede, ...) e power-up che permettono di incrementare la potenza dell'arma corrente. I nemici sono per lo più eliminabili con un solo colpo, e possono essere sconfitti non solo con l'arma di Chelnov ma anche saltando sopra ad essi (in questo può ricordare un po' la saga Mario Bros); ve ne sono diversi e rappresentano un misto di esseri ispirati alla fauna reale e mezzi tecnologicamente avanzati, un minestrone sconnesso dal gusto un po' kitsch dal quale non si salvano neanche i boss di fine livello, tra i quali troviamo un drago, un Dogu gigante, un elicottero bielica, uno pterodattilo, un robot ed infine il celebre alieno della saga di film di fantascienza "Alien". Il protagonista ha tre vite e se colpito una sola volta perde la vita corrente ed è costretto a ricominciare il gioco da un determinato checkpoint.

Controversie[modifica | modifica sorgente]

  • Seppur Chelnov fosse ufficialmente nato come seguito del precedente Karnov il prestigioso giornale giapponese Asahi Shimbun denunciò il fatto che il gioco presentava troppi riferimenti al disastro di Chernobyl, avvenuto un paio di anni prima, e che sarebbe stato meglio evitare certi legami a tragedie di tale portata; nonostante la smentita da parte della Data East il gioco presenta effettivamente diversi riferimenti:
    • la storyline è focalizzata sull'esplosione di una centrale nucleare che fornisce poteri incredibili a Chelnov;
    • nella schermata iniziale del gioco appaiono falce e martello, in questo caso sicuramente un riferimento più geografico che non politico;
    • il nome Chelnov (チェルノブ) è traslitterato dai katakana Chi-E-Ru-No-Bu, che potrebbero essere interpretati anche come la parola Chernob, quindi con chiaro riferimento al nome Chernobyl (チェルノブイリ). Infatti, per via di alcune particolarità del Giapponese (non vi è differenza tra R ed L, e spesso nemmeno tra B e V) anche la parola Chernob va translitterata in katakana come チェルノブ.
  • È da notare come il sovietico Chelnov intraprende un viaggio che lo porterà al cospetto della Statua della Libertà, negli Stati Uniti d'America; in questo qualcuno ha notato anche una matrice politica, quale riferimento alla guerra fredda.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi