Aromatasi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aromatasi
Modello tridimensionale dell'enzima
Modello tridimensionale dell'enzima
Numero EC 1.14.14.14
Classe Ossidoreduttasi
Nome sistematico
Testosterone monoossigenasi
Altri nomi
CYP19A1
Banche dati BRENDA, EXPASY, GTD, KEGG, PDB
Fonte: IUBMB
CYP19A1
Gene
HUGO CYP19A1 ARO, ARO1, CPV1, CYAR, P-450AROM
Entrez 1588
Locus Chr. 15 q21.2
Proteina
OMIM 107910
UniProt P11511
Enzima
Numero EC 1.14.14.14

L'aromatasi è un enzima chiave nella biosintesi degli estrogeni in quanto catalizza la reazione che a partire dal testosterone opera la sintesi di estradiolo.

Testosterone estradiol conversion.png

Deve il suo nome al fatto che trasforma l'anello A degli steroidi in un anello aromatico, attraverso l'ossidazione ed eliminazione di un gruppo metilico. Chimicamente appartiene alla famiglia dei citocromi (proteine eme-dipendenti); il suo nome biochimico infatti è citocromo P450 19A.

Importanza biologica[modifica | modifica wikitesto]

Nell'uomo è espressa primariamente a livello dei tessuti riproduttivi, ma è stata trovata in altri organi come il fegato e persino in alcune aree cerebrali. Quest'ultima localizzazione ha portato i ricercatori a speculare che questo enzima giochi un ruolo importante nel comportamento sessuale individuale. Non solo: potrebbe essere un regolatore degli effetti antidepressivi della dopamina. Dato che la relazione biochimica tra estrogeni e dopamina cerebrale è stata dimostrata, è probabile che la trasduzione intracellulare innescata da questi due ormoni "dialoghi" nell'espressione genica cerebrale collegata al comportamento, all'umore ed alla sessualità.

Aromatasi come bersaglio terapeutico[modifica | modifica wikitesto]

L'aromatasi è un moderno bersaglio della terapia antitumorale diretta contro il carcinoma mammario. Viene espressa dalla maggior parte dei tumori dell'apparato riproduttivo e mammario e sono stati studiati, e sviluppati, svariati suoi inibitori di natura competitiva. Sono qui riportati i più conosciuti ed il loro nome commerciale:

  • Letrozolo (Femara): il letrozolo si usa per il trattamento non solo del carcinoma della mammella ma anche dell'ovaio (quest'ultimo in caso di ripresa della malattia) nelle donne in post-menopausa.
  • Fadrozolo (Afema)
  • Vorozolo (Rivizor)
  • Formestano (Lentaron)
  • Exemestane (Aromasin)
  • Anastrazolo (Arimidex)

Esiste un'ampia casistica pubblicata su trials clinici ai livelli II e III riguardo alla loro efficacia in combinazione con inibitori delle proteina tirosina chinasi ed antagonisti del recettore del fattore di crescita epidermico (EGF) (vedere Bibliografia). Il Femara e l'Arimidex sono ormai entrati nella pratica clinica internazionale, per la prevenzione delle ricadute post-chirurgiche o post-chemioterapiche dei tumori mammari maligni. Nonostante alcuni dei farmaci antineoplastici classici (taxani, daunomicina, carboplatino, vincristina) siano ancora il cardine della chemioterapia contro il carcinoma della mammella, non è escluso che parte di essi possa venire sostituito in un futuro molto vicino dagli inibitori dell'aromatasi, che sono sicuramente molto più selettivi.

I principali nutrienti antiaromatasi sono i lignani (ne sono ricchi i semi di lino e l'ortica), e i flavonoidi crisina, ginesteina e quercetina. I bioflavonoidi degli agrumi (parte bianca della buccia) e i flavoni della soia hanno invece un'azione diretta contro gli estrogeni, senza agire sull'enzima aromatasi.
Sono inibitori dell'aromatasi anche lo zinco e il calcio D-glutarato.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fisiologia[modifica | modifica wikitesto]

  • Balthazart J, Foidart A. Brain aromatase and the control of male sexual behavior. J Steroid Biochem Mol Biol. 1993 Mar; 44(4-6):521-40.
  • Baillien M, Balthazart J. A direct dopaminergic control of aromatase activity in the quail preoptic area. J Steroid Biochem Mol Biol. 1997 Sep-Oct; 63(1-3):99-113.
  • Balthazart J, Baillien M, Ball GF. Interactions between aromatase (estrogen synthase) and dopamine in the control of male sexual behavior in quail. Comp Biochem Physiol B Biochem Mol Biol. 2002 May;132(1):37-55.
  • Cornil CA et al. Rapid decreases in preoptic aromatase activity and brain monoamine concentrations after engaging in male sexual behavior. Endocrinology. 2005 Sep; 146(9):3809-20.
  • Absil P et al. Distribution of DARPP-32 immunoreactive structures in the quail brain: anatomical relationship with dopamine and aromatase. J Chem Neuroanat. 2001 Jan;21(1):23-39.
  • Schlinger BA, Callard GV. Aromatization mediates aggressive behavior in quail. Gen Comp Endocrinol. 1990 Jul; 79(1):39-53.

Terapia antitumorale[modifica | modifica wikitesto]

  • Berry J. Are all aromatase inhibitors the same? A review of controlled clinical trials in breast cancer. Clin Ther. 2005; 27(11):1671-84.
  • Carlini P ET AL. Aromatase inhibitors in post-menopausal metastatic breast carcinoma. Expert Opin Investig Drugs. 2007; 16(7):1023-36.
  • Gibson LJ et al. Aromatase inhibitors for treatment of advanced breast cancer in postmenopausal women. Cochrane Database Syst Rev. 2007 Jan 24; (1):CD003370.
  • Schwartzberg LS et al. Lapatinib plus letrozole as first-line therapy for HER-2+ hormone receptor-positive metastatic breast cancer. Oncologist. 2010; 15(2):122-29.
  • Kaufman B et al. Trastuzumab plus anastrozole versus anastrozole alone for the treatment of postmenopausal women with human epidermal growth factor receptor 2-positive, hormone receptor-positive metastatic breast cancer: results from the randomized phase III TAnDEM study. Clin Oncol. 2009; 27(33):5529-37.
  • Cristofanilli M et al. Phase II, randomized trial to compare anastrozole combined with gefitinib or placebo in postmenopausal women with hormone receptor-positive metastatic breast cancer. Clin Cancer Res. 2010; 16(6):1904-14.
  • Riemsma R et al. Systematic review of aromatase inhibitors in the first-line treatment for hormone sensitive advanced or metastatic breast cancer. Breast Cancer Res Treat. 2010 Jun 10.
  • AIMaC, profilo farmacologico del Letrozolo (Femara).
biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biologia