Arnold Cassola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arnold Cassola

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XV
Gruppo
parlamentare
L'Unione
Circoscrizione ESTERO A (Europa)
Incarichi parlamentari
XIV commissione (Politiche dell'Unione Europea)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Federazione dei Verdi
Titolo di studio Laurea in Lettere
Università Università di Malta, Università di Pisa
Professione Docente universitario

Arnold Cassola (Sliema, 21 novembre 1953) è un politico, accademico e saggista maltese naturalizzato italiano. Insegna maltese e letterature comparate all'Università di Malta. È autore e curatore di vari libri e saggi accademici.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha conseguito due lauree, la prima in lingue all'Università di Malta e la seconda in lettere (percorso italianistico) in quella di Pisa. Dopo essersi perfezionato a Urbino, ha insegnato presso l'Università di Catania (1981-83) e a La Sapienza di Roma (1983-88), per poi passare all'Università di Malta. Nel 1989 è stato cofondatore del partito di Alternativa Democratica (Alternattiva Demokratika - The Green Party). Dal 1990 al 1997 è stato delegato del Partito Verde Europeo e nel 1994 è stato eletto consigliere comunale a Swieqi (Malta). Nel 1999 è diventato il primo maltese a ricoprire una carica all'Unione Europea: eletto Segretario Generale del Partito Verde Europeo, con base a Bruxelles, ha mantenuto questa posizione fino al 2006.

Oltre all'Italia e al Belgio ha vissuto a Malta, e in Svizzera, dove ha insegnato a figli di italiani.

Nel 2005 è stato osservatore elettorale dell'Unione europea in Burundi.

Alle elezioni politiche italiane del 2006 è stato eletto alla Camera dei deputati come candidato de l'Unione, rappresentando gli italiani che risiedono all'estero (nella ripartizione Europa) con 19.192 preferenze.

Ha presentato varie interpellanze parlamentari, tra le quali quella sull'operato del NARIC italiano[1], l'agenzia EU incaricata del riconoscimento dei titoli stranieri e della promozione delle lauree italiane all'estero.

È inoltre saggista autore di monografie su personaggi significativi dell'isola natale, come Giovan Francesco Buonamico, e di articoli sulla storia maltese.

Percorso politico[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • The Biblioteca Vallicelliana - Regole per la lingua maltese (1992)
  • Il Mezzo Vocabolario Maltese-Italiano del '700 (1996)
  • (EN) The 1565 Ottoman Malta Campaign Register (1998)
  • L'italiano di Malta (1998)
  • (EN) The 1565 Great Siege of Malta and Hipólito Sans's La Maltea (1999)
  • (EN) The Literature of Malta: an example of Unity in Diversity (2000)
  • (ES) El Gran Sitio de Malta 1565 (2002)
  • Francesco Vella (2003)
  • Garibaldi, Capuana, Rizzo - due italiani a Malta, un italo-maltese a Tunisi (2007)
  • (EN) Giovan Francesco Buonamico (2012)
  • I Maltesi di Trapani (1419 - 1455) (2015)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61698159 · ISNI (EN0000 0000 2949 2927 · LCCN (ENn89205748 · ORCID (EN0000-0002-3890-1459 · BNF (FRcb13485873j (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n89205748