Armide (Gluck)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Armide
Titolo originale Armide
Lingua originale francese
Genere opera lirica drammatica
Musica Christoph Willibald Gluck
Libretto Philippe Quinault
Fonti letterarie Gerusalemme liberata di Torquato Tasso
Atti 5
Epoca di composizione 1776
Prima rappr. 23 settembre 1777
Teatro Opéra national de Paris
Personaggi
  • Armide, una maga, Principessa di Damasco (soprano)
  • Renaud, un Crociato (haute-contre)
  • Phénice, confidente di Armide soprano
  • Sidonie, confidente di Armide soprano
  • Hidraot, un mago, Re di Damaso baritono
  • Odio contralto
  • Il Cavaliere danese, un crociato tenore
  • Ubalde, un crociato baritono
  • Un demone nelle sembianze di Lucinde, l'amata del Cavaliere danese soprano
  • Un demone, nella forma di Mélisse, l'amata di Ubalde soprano
  • Aronte, responsabile dei prigionieri di Armida baritono
  • Artémidore, un crociato tenore
  • Una Naiade soprano
  • Una pastorella soprano
  • Un piacere soprano

Armide è un'opera di Christoph Willibald Gluck, basata su un libretto di Philippe Quinault. La quinta produzione di Gluck per le scene parigine la preferita del compositore fra tutte le sue opere, fu rappresentata in prima il 23 settembre 1777 dall'Académie Royale de Musique, ora Opéra national de Paris, nella seconda Salle du Palais-Royal a Parigi.

Contesto e storia delle esecuzioni[modifica | modifica wikitesto]

Gluck utilizzò lo stesso libretto che Philippe Quinault aveva scritto per Jean Baptiste Lully nel 1686, sulla base di Gerusalemme liberata di Torquato Tasso (Jerusalem Delivered). Gluck sembrò a suo agio nell'affrontare a testa alta le tradizioni francesi, quando compose Armide. Lully e Quinault erano i veri e propri fondatori del melodramma serio in Francia e Armide era generalmente riconosciuta come il loro capolavoro, quindi fu una mossa audace da parte di Gluck scrivere una nuova musica sulle stesse parole di Quinault.

Un tentativo simile di scrivere una nuova opera sul libretto di Thésée di Jean Joseph de Mondonville nel 1765 era finita in un disastro, col pubblico che chiedeva che fosse sostituito dal Lully originale. Usando questo libretto di Armide, Gluck sfidò le consuetudini da sempre esistenti ed apparentemente inviolabili della prassi francese e in questo processo rivelò quei valori capaci di rinnovamento attraverso una sensibilità compositiva "moderna". La risposta della critica e la conseguente polemica comportarono uno di quei grandi imbrogli comuni alla vita intellettuale francese.

Gluck aveva toccato un nervo nella sensibilità dei francesi e sebbene Armide non fosse una delle sue opere più popolari, è rimasta un punto di riferimento fondamentale nella tradizione operistica francese ed è stata calorosamente elogiata da Berlioz nel suo Memorie. Gluck ha anche fissato uno stile diverso per il ripristino delle opere di Lully/Quinault: il rivale di Gluck Piccinni seguì il suo esempio con Roland nel 1778 e Atys nel 1780; Nello stesso anno, Philidor produsse una nuova Persée; e Gossec offrì la sua versione di Thésée nel 1782. Gluck stesso si dice che abbiia lavorato su un'opera basata su Roland, ma la abbandonò quando sentì che Piccinni aveva preso lo stesso libretto.

La prima ripresa moderna di Armide fu presentata al Théâtre National de l'Opéra (ora denominato Opéra National de Paris) nel 1905 con la Lucienne Bréval nel ruolo della protagonista, Alice Verlet, Agustarello Affre, Dinh Gilly e Geneviève Vix.[1] Il Metropolitan Opera mise in scena il lavoro per l'apertura della sua stagione 1910-1911 con un cast guidato da Olive Fremstad, Enrico Caruso e Louise Homer.[2]

Ruoli[modifica | modifica wikitesto]

Ruolo Tipo voce Cast della prima, 23 settembre 1777 [3]
(Conductor)
Armide, una maga,
Principessa di Damasco
soprano Rosalie Levasseur
Renaud, un Crociato haute-contre Joseph Legros
Phénice, Confidente di Armide soprano M.lle LeBourgeois
Sidonie, Confidente di Armide soprano M.lle Châteauneuf
Hidraot, un mago,
Re di Damasco
baritono Nicolas Gélin
Odio contralto[4] Céleste [Célestine] Durancy [5]
Il Cavaliere Danese, un Crociato tenore Étienne Lainez (anche pronunciato Lainé)
Ubalde, un Crociato baritono Henri Larrivée
Un demone nella forma di Lucinde,
Amorosa del Cavaliere Danese
soprano Anne-Marie-Jeanne Gavaudan "l'aînée"[6]
Un demone nella forma di Mélisse,
Amata da Ubalde
soprano Antoinette Cécile de Saint-Huberty
Aronte, custode dei prigionieri di Armide baritono Georges Durand
Artémidore, un Crociato tenore Thirot
Una naiade soprano Anne-Marie-Jeanne Gavaudan "l'aînée"[7]
Una pastorella soprano Anne-Marie-Jeanne Gavaudan "l'aînée"[6]
Un piacere soprano Antoinette Cécile de Saint-Huberty[7]
popolo di Damasco, ninfe, pastori e pastorelle, suite di Odio, demoni, Piaceri, corifei.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Per lo svolgimento della storia vedi Armide di Lully. Gluck tenne il libretto così com'era, sebbene abbia tagliato il prologo allegorico e aggiunto poche righe di sua iniziativa alla fine del terzo atto. Allo stesso modo i ruoli e le disposizioni delle voci sono gli stessi che nell'opera di Lully.

Ouverture[modifica | modifica wikitesto]

L'ouverture è preso dal Telemaco e ci mostra la contrapposizione fra amore e dovere che turberà Armide, la tessitura orchestrale presenta sia temi di tipo marziale che motivi cantabili.

Atto 1[modifica | modifica wikitesto]

Fenicia e Sidonie elogiano la bellezza e il potere di Armide, ma lei si lamenta di non essere in grado di affascinare Renaud. Hidraot sollecita la nipote a sposarsi, ma lei non vorrebbe, perché ha paura di perdere la libertà (Aria:"La chaine de l'Hymnen"). Mentre la gente sta celebrando la vittoria con balli, arriva di corsa Aronte raccontando che un nemico ha liberato i prigionieri. Armide si rende conto che si tratta di Renaud e tutti quanti giurano vendetta.

Atto 2[modifica | modifica wikitesto]

Renaud sta dicendo ad Artémidore di essere del tutto insensibile alle arti magiche di Armide, mentre quest'ultima, con Hidraot prepara un sortilegio, invocando gli spiriti dell'Inferno (“Esprit de haine et de rage”). Cambia la scena e si vede Renaud in un posto meraviglioso che non riesce a resistere al sonno ("Plus j'observe ces lieux"), mentre una ninfa ed il coro danzano e cantano. Armide potrebbe vendicarsi ma, mentre sta per colpirlo, la rabbia si trasforma in amore e Renaud viene risparmiato. Armide poi con un altro incantesimo lo fa innamorare di sé, sapendo già che al suo amore lei risponderà con Odio.

Atto 3[modifica | modifica wikitesto]

Armide si sta commiserando di essere innamorata ("Ah! Si la liberté") e dice a Phénice e Sidonie che desidera usare la magia per obbligare se stessa ad odiare Renaud. Poi evoca Odio e tutte le sue Furie, che iniziano una magia con canti e balli. Ma Armide non resiste e ferma la magia: Odio, offeso, la abbandona.

Atto 4[modifica | modifica wikitesto]

I Cavalieri Danois e Ubalde, mentre cercano Renaud, riescono a vincere gli inganni di Armide che, dopo mostri spaventosi, fa apparire le loro care Lucinde e Mélisse.

Atto 5[modifica | modifica wikitesto]

Armide assillata dai dubbi, va a interrogare le forze dell'inferno, lasciando il suo amato nel suo palazzo (duetto "Aimons nous"), intrattenuto da canti e balli (ciaccona e Siciliana). Ubalde e Chevalier Danois arrivano per risvegliare Renaud. Armide, tornata dall'inferno, prega Renaud che rimane insensibile. Disperata chiama a sé tutti i demoni dell'Inferno, perché distruggano il suo palazzo e poi parte su un carro volante.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 1999 – Les Musiciens du Louvre, direttore: Marc Minkowski, Armide di Christoph Willibald Gluck, Deutsche Grammophon Archiv, Armide (Mireille Delunsch), Renaud (Charles H. Workman), La Haine (Ewa Podleś), Hidraot (Laurent Naouri)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giroud, Vincent, Liner notes for Marston 52059-2 Early French Tenors, in Volume 1: Émile Scaramberg, Pierre Cornubert, and Julien Leprestre. URL consultato il 3 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2010).
  2. ^ Anthony Tommasini, Opera Review; Love, Alas, Not Sorcery, Was Her True Calling, in The New York Times, 19 novembre 1999.
  3. ^ Ruoli e il Cast della Premiere da The New Kobbés Opera Book ; Jeremy Hayes, Armide (ii), nel The New Grove Dictionary, I, p. 202; Pitou, p. 52; Lajarte, p. 291; Amadeusonline Almanach by Gherardo Casaglia (accesso 11 settembre 2010).
  4. ^ Questo ruolo, sebbene spesso ascritto alla voce di contralto, fu annotato, com'era di abitudine nel periodo dell'opera francese, nella chiave di soprano (cf. original printed score).
  5. ^ nome d'arte di Madeleine-Céleste Fieuzal (o Fieusacq) de Frossac
  6. ^ a b Source: "Mercure de France" (October 1777), as cited by Arthur Pougin (Figures d'Opéra-comique, Paris, Tresse 1875, pp. 151-152; accessible for free online in archive.org).
  7. ^ a b Source: Armide. Tragédie Lyrique de Quinault (Partition Piano et Chant Réduite et Annotée par F.-A. Gevaert), Paris/Bruxelles, Lemoine, 1902, p. XVII (a copy at Internet Archive).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Earl of Harewood and Antony Peattie, eds., The New Kobbés Opera Book, G.P. Putnam's Sons, New York, 1997 (ISBN 0091814103)
  • (FR) Théodore de Lajarte, Bibliothèque Musicale du Théatre de l'Opéra. Catalogue Historique, Chronologique, Anecdotique, Parigi, Librairie des bibliophiles, 1878, Tome I (accessible on-line in scribd.com – accessed 20 February 2011, ad nomen, pp. 290–293)
  • Spire Pitou, The Paris Opéra. An Encyclopedia of Operas, Ballets, Composers, and Performers – Rococo and Romantic, 1715–1815, Greenwood Press, Westport/London, 1985 (ISBN 0-313-24394-8)
  • Stanley Sadie (ed.), The New Grove Dictionary of Opera, Grove (Oxford University Press), New York, 1997 (ISBN 978-0-19-522186-2)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN174084199 · GND: (DE300060114 · BNF: (FRcb13926697v (data)
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica