Opéra national de Paris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Opéra national de Paris
Palais Garnier.jpg
Il Palais Garnier è la sede storica dell'Opera parigina
Ubicazione
Stato Francia Francia
Località Parigi
Indirizzo 8 rue Scribe, 75 009
Dati tecnici
Fossa presente
Sito ufficiale

L'Opéra national de Paris è un teatro pubblico francese posto sotto la tutela del Ministero della Cultura francese. Esso ha come scopo di rendere accessibile il patrimonio lirico e coreografico al maggior numero di persone, e quello di favorire la creazione e la rappresentazione delle opere contemporanee. A questo titolo, l'Opéra, dispone di due sale: l'Opéra Garnier (che ospita il corpo di ballo dell'Opéra) e l'Opéra Bastille.

La prima opera che è andata in scena per l'inaugurazione dell'Académie Royale de Musique et de Danse nella Salle du Jeu de paume de la Bouteille (in III arrondissement di Parigi) è stata la prima assoluta di Pomone di Robert Cambert il 3 marzo 1671 ed ha avuto 146 recite.

Nel 1672 avviene la prima assoluta di Les fêtes de l'Amour et de Bacchus di Jean-Baptiste Lully per l'inaugurazione della Salle du Bel-Air (architetto Carlo Vigarani) in Rue de Vaugirard, il 27 aprile 1673 la prima di Cadmus et Hermione di Lully, nel 1674 del successo di Alceste, ou Le triomphe d'Alcide di Lully per l'inaugurazione della Salle du Théâtre du Palais-Royal (rue Saint-Honoré) di 1.400 posti, nel 1679 del successo di Bellérophon, nel 1682 di Persée di Lully, nel 1684 del successo di Amadis di Lully, nel 1697 del successo di Issé di André Cardinal Destouches, nel 1706 del successo di Alcyone di Marin Marais, nel 1710 del successo di Les Festes vénitiennes di Campra, del successo nel 1712 di Callirhoé di Destouches, nel 1714 del successo di Les fêtes ou Le triomphe de Thalie di Jean-Joseph Mouret, nel 1716 il successo di Les festes de l'été di Michel Pignolet de Montéclair, nel 1735 del successo di Les grâces di Mouret e nel 1748 di Pygmalion di Jean-Philippe Rameau ripresa con successo nel 1751. Nel 1752 avviene la ripresa di La serva padrona di Pergolesi con grande successo che scatenò una disputa, nota come la Querelle des bouffons, fra i sostenitori dell'opera tradizionale francese, incarnata dallo stile di Lully e Rameau, e i sostenitori della nuova opera buffa italiana fra cui alcuni enciclopedisti (in particolare Jean Jacques Rousseau, anch'egli compositore). La disputa divise la comunità musicale francese e la stessa corte (con la regina che si schierò a fianco degli "italiani"), per due anni, e portò ad una rapida evoluzione del gusto musicale del paese transalpino verso modelli meno schematici e più moderni. Sempre nello stesso anno avviene la prima assoluta di Il maestro di musica di Pietro Auletta e di La donna superba di Rinaldo di Capua e nel 1753 di Titon et l'Aurore di Jean-Joseph de Mondonville, di La zingara di Rinaldo di Capua, di Gli artigiani arricchiti di Gaetano Latilla e di Bertoldo in corte (Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno (opera)) di Vincenzo Legrenzio Ciampi.

Il 13 dicembre 1753 Joseph-Nicolas-Pancrace Royer diventa il direttore d'orchestra e nel 1757 François Rebel diventa direttore artistico fino al 1767.

Nel 1760 avviene la prima assoluta di Les Paladins di Rameau.

Il 24 gennaio 1764 venne inaugurata la Salle des Machines du Palais des Tuileries da 7.000 posti con Castor et Pollux di Rameau (alla presenza di Leopold Mozart e Wolfgang Amadeus Mozart).

Nel 1766 avviene la prima assoluta di Aline, reine de Golconde di Pierre-Alexandre Monsigny e nel 1769 di Omphale di Jean-Baptiste Philibert Cardonne.

Nel 1770 avviene l'inaugurazione della seconda Salle du Théâtre du Palais-Royal da 2.500 posti.

Nel 1771 avviene la prima assoluta di La cinquantaine di Jean-Benjamin de La Borde, nel 1773 del successo di L'union de l'amour et des arts di Étienne-Joseph Floquet, nel 1774 di Ifigenia in Aulide (Gluck), nel 1775 di Alexis et Daphné di François-Joseph Gossec con Rosalie Levasseur, nel 1776 di Les romans di Giuseppe Cambini, nel 1777 di Armide di Gluck e nel 1778 di Roland di Niccolò Piccinni, di La provençale di Pierre-Joseph Candeille, di Les petits riens di Wolfgang Amadeus Mozart e di La fête de village di Gossec. Sempre nel 1778 avviene il successo di La Cecchina, ossia La buona figliuola di Piccinni. Nel 1779 avviene la prima assoluta di Il vago disprezzato di Piccinni, il successo di Iphigénie en Tauride di Gluck, la prima assoluta di Écho et Narcisse di Gluck e di Amadis de Gaule di Johann Christian Bach, nel 1780 di Atys di Piccinni e nel 1781 di Iphigénie en Tauride di Piccinni.

Dopo l'incendio della sede il 14 agosto 1781 avviene l'inaugurazione della Salle des Menus-Plaisirs de la rue Bergère (in IX arrondissement di Parigi) da 1.021 posti ed il 27 ottobre successivo della Salle du Théâtre de la Porte-Saint-Martin (in Boulevard Saint-Martin di Parigi) da 1.800 posti con la prima assoluta di Adèle de Ponthieu di Piccinni.

Nel 1782 avviene la prima assoluta di Thésée di Gossec e di Ariane dans l'isle de Naxos di Jean-Frédéric Edelmann, nel 1783 di Renaud (opera) di Antonio Sacchini, nel 1784 di Les Danaïdes di Antonio Salieri e di Diane et Endymion di Piccinni, nel 1785 di Pizarre ou La conquête de Pérou di Candeille, nel 1786 di Rosine ou L'épouse abandonnée di Gossec e di La toison d'or di Johann Christoph Vogel, nel 1787 del successo di Tarare (opera) di Salieri e della prima parigina di Œdipe à Colone di Sacchini, nel 1788 di Arvire et Évélina di Sacchini, di Médée de Colchos di Johann Christoph Vogel e di Démophoon di Luigi Cherubini, nel 1789 del successo di Néphté di Jean-Baptiste Lemoyne, nel 1790 di Antigone di Nicola Antonio Zingarelli e nel 1791 di L'heureux stratagème di Louis Emmanuel Jadin.

Caduta la monarchia el 1793 avviene la prima assoluta di Le siège de Thionville di Jadin all'Académie de Musique, nel 1802 di Tamerlan di Peter Winter nel Théâtre des Arts (Opéra, Salle Montansier de la rue Richelieu in II arrondissement di Parigi), nel 1803 di Prosérpine di Giovanni Paisiello e di Anacréon di Cherubini, nel 1804 del successo di Ossian ou Les bardes di Jean-François Lesueur con François Lays e Jean-Blaise Martin, nel 1805 di L'amour à Cythère di Pierre Gaveaux nell'Académie Impériale de Musique, nel 1806 di La fête de Mars di Daniel Steibelt, nel 1807 di L'inauguration du temple de la Victoire di Lesueur e del successo di La Vestale (Spontini), nel 1808 del successo di Les amours d'Antoine et Cléopâtre di Rodolphe Kreutzer e la prima di Aristippe di Kreutzer, nel 1809 di Fernando Cortez di Spontini, nel 1810 del successo di Abel di Kreutzer e del successo di Les bayadères di Charles-Simon Catel, nel 1811 di Les amazones ou La fondation de Thèbes di Étienne-Nicolas Méhul (alla presenza dell'imperatore Napoleone), nel 1813 di Gli Abenceragi di Cherubini (alla presenza di Napoleone e Maria Luisa) e nel 1814 di La princesse de Babylone di Spontini nell'Académie Royale de Musique per il ritorno di Luigi XVIII di Francia.

Nel 1816 avviene la prima assoluta di L'enfant prodigue di Pierre Gardel con Auguste Vestris.

Nel 1817 il compositore Louis-Luc Loiseau de Persuis è il nuovo direttore musicale ed avviene il successo della ripresa di Fernando Cortez diretta da Kreutzer con Lays e Nicolas-Prosper Levasseur.

Nel 1819 Giovanni Battista Viotti è il nuovo direttore artistico-teatrale ed avviene la prima assoluta di Olympie di Spontini.

Nel 1820 a causa dell'Assassinio del duca di Berry la Salle du Théâtre Montansier venne distrutta e la compagnia si trasferisce alla 1° Salle Favart du Théâtre national de l'Opéra-Comique di Parigi.

Nel 1821 avviene la premiere di La mort du Tasse di Manuel García (padre) ed in seguito la compagnia si trasferisce temporaneamente nella Salle du Théâtre-Louvois (IX arrondissement di Parigi) per arrivare infine nella Salle de rue Le Peletier (IX arrondissement di Parigi) da 1.954 posti.

Nel 1822 viene inaugurata l'illuminazione a gas ed avviene la prima assoluta di Florestan ou Le conseil des dix di García e nel 1823 di Lasthénie di Ferdinand Hérold con Adolphe Nourrit e di Vendôme en Espagne di Daniel Auber.

Nel 1824 Gioachino Rossini diventa "directeur de la musique et de la scène du Théâtre-Italien" con l'obbligo di scrivere opere anche per il Théâtre de l'Académie Royale de Musique.

Nel 1825 avviene la prima assoluta di La belle au bois dormant di Michele Carafa, di Pharamond di François-Adrien Boieldieu e di Don Sanche ou Le château d'amour di Franz Liszt, nel 1826 di Le siège de Corinthe di Rossini, nel 1827 di Astolphe et Joconde e di La somnambule ou L'arrivée d'un nouveau seigneur di Ferdinand Hérold e di Moïse et Pharaon di Rossini, nel 1828 del successo di La muette de Portici di Auber, la prima assoluta di Lydie e di La Fille Mal Gardée di Hérold e di Le Comte Ory di Rossini e nel 1829 di La belle au bois dormant di Hérold e di Guglielmo Tell (opera) di Rossini. Nel 1830 avviene la duecentesima recita di La Vestale, la prima assoluta di Manon Lescaut di Fromental Halévy con Maria Taglioni e di Ouverture pour la Tempête de Shakespeare di Hector Berlioz, nel 1831 il successo del concerto di Niccolò Paganini (alla presenza di Liszt), la prima assoluta di Le philtre di Auber e di L'orgie di Carafa, la centesima recita di Le comte Ory ed il successo di Robert le diable di Giacomo Meyerbeer, nel 1832 di La tentation di Halévy con Prosper Dérivis e di Nathalie ou La laitière suisse di Carafa, nel 1833 del successo di Gustave III ou Le bal masqué di Auber con Marie-Cornélie Falcon e la prima assoluta di Alì Babà (opera) di Cherubini, nel 1834 avviene la centesima recita di Robert le diable, nel 1835 la prima assoluta di La Juive di Halévy, nel 1836 il successo di Les Huguenots di Meyerbeer e la prima assoluta di La fille du Danube di Adolphe Adam e nel 1837 di Stradella di Louis Niedermeyer e di Les mohicans di Adam.

Nel 1838 avviene la prima assoluta di Guido et Ginevra ou La peste de Florence di Halévy con Rosina Stoltz e Gilbert-Louis Duprez e di Benvenuto Cellini (opera) di Berlioz, nel 1839 di Le lac des fées di Auber e la centesima recita di Les Huguenots, nel 1840 la prima assoluta di Le drapier di Halévy con Giovanni Matteo De Candia e di Les martyrs (Poliuto) e di La Favorite di Gaetano Donizetti, nel 1841 di Le comte de Carmagnola di Ambroise Thomas, di Giselle di Adam e di La reine de Chypre di Halévy, nel 1842 di La jolie fille de Gand con Carlotta Grisi e Lucien Petipa, nel 1843 di Charles VI di Halévy e di Dom Sébastien di Donizetti, nel 1844 di Le lazzarone ou Le bien vient en dormant di Halévy, di Richard en Palestine di Adam con Paul Barroilhet e di Marie Stuart di Niedermeyer, nel 1845 di Le diable à quatre di Adam e di L'étoile de Séville di Michael William Balfe, nel 1846 di Robert Bruce di Niedermeyer, nel 1847 di La bouquetière di Adam e di Jérusalem di Giuseppe Verdi e nel 1848 di Grisélidis ou Le cinq sens di Adam con Joseph Mazilier.

Nel 1849 avviene la prima assoluta di Le violon du diable di Cesare Pugni con Arthur Saint-Léon per il Théâtre de l'Opéra National, la centesima recita di La favorite, il successo di Le prophète di Meyerbeer (che coincide con l'attivazione dell'illuminazione elettrica) e di La filleule des fées con Marius Petipa e Jules Perrot e di Le fanal di Adam, nel 1850 di Stella ou Les contrebandiers di Pugni e di L'enfant prodigue di Auber, nel 1851 di Sapho di Charles Gounod con Pauline Viardot, di Zerline ou La corbeille d'oranges di Auber con Giulia Grisi e Marietta Alboni e la centesima recita di Le prophète, nel 1852 di Le juif errant di Halévy, la centesima recita di Lucie de Lammermoor ed Orfa di Adam, nel 1853 di La fronde di Niedermeyer nel Théâtre de l'Académie Impériale de Musique, nel 1854 la centesima recita di La reine de Chypre e di La nonne sanglante di Gounod, nel 1855 il successo della prima assoluta di Les vêpres siciliennes di Verdi, nel 1856 di Le Corsaire di Adam e nel 1857 la prima di Le trouvère di Verdi con Adelaide Borghi-Mamo e Louis Mérante alla presenza dell'imperatore Napoleone III di Francia e dell'imperatrice Eugenia de Montijo.

Nel gennaio 1858 Napoleone III e l'imperatrice Eugenia subiscono un attentato da Felice Orsini al loro ingresso nel teatro ed in marzo avviene la prima assoluta di La magicienne di Halévy ed in luglio da Sacountalâ di Ernest Reyer, nel 1859 di Herculanum di Félicien David, nel 1860 di Le papillon di Jacques Offenbach con Emma Livry e nel 1862 di La reine de Saba di Gounod.

L'Opéra national de Paris contribuisce inoltre alla formazione professionale e al perfezionamento dei cantanti e dei ballerini, per il suo centro di formazione d'arte lirica e per la scuola di danza di Nanterre.

Infine, il settore animazione e giovani elabora ogni stagione un programma pedagogico.

Le nozze di Figaro dal 1983 al 2012 è rimasta in cartellone per 16 stagioni, Tosca (opera) dal 1982 al 2012 per 14 stagioni, Roméo et Juliette (Gounod) dal 1982 al 2012 per 13 stagioni, Die Zauberflöte dal 1986 al 2014 per 13 stagioni, Carmen (opera) dal 1981 al 2012 per 12 stagioni, La bohème dal 1983 al 2014 per 11 stagioni, Faust (opera) dal 1982 al 2011 per 11 stagioni, Il barbiere di Siviglia (Rossini) dal 1981 al 2012 per 11 stagioni, Don Giovanni (opera) dal 1981 al 2012 per 11 stagioni, Les contes d'Hoffmann dal 1982 al 2012 per 10 stagioni, La traviata dal 1983 al 2014 per 10 stagioni, La damnation de Faust dal 1982 al 2006 per 9 stagioni, Rigoletto dal 1988 al 2012 per 9 stagioni, Madama Butterfly dal 1983 al 2014 per 9 stagioni e Così fan tutte dal 1982 al 2013 per 9 stagioni.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Conosciuta come Académie d'opéra, l'Académie royale de musique fu fondata nel 1669 per volere di Colbert in risposta all'Académie royale de danse. Incaricata di diffondere l'opera francese in tutto il Paese, è indicata abitualmente come l'Opéra.

Non avendo altre risorse finanziarie che i ricavi dei biglietti (e non come per la Comédie-Française o il Théâtre italien de Paris, una sovvenzione reale), l'Opéra ottenne il privilegio di rappresentare dei brani teatrali in musica, con il divieto per altri di fare lo stesso senza autorizzazione.

L'Académie royale de musique cambiò tredici volte il luogo delle sue rappresentazioni durante il XVIII secolo, fino alla trasformazione, con la Rivoluzione francese, nel Teatro delle arti, oggi chiamato Opéra national de Paris.

Il 9 ottobre 1826 avviene la prima assoluta di Le siège de Corinthe di Gioachino Rossini con Adolphe Nourrit.

Il 26 marzo 1827 avviene la prima assoluta di Moïse et Pharaon di Rossini con Nicolas Levasseur e Nourrit.

Il 20 agosto 1828 avviene la prima assoluta di Il Conte Ory di Rossini con Levasseur e Nourrit.

Il 3 agosto 1829 avviene la prima assoluta di Guglielmo Tell (opera) di Rossini con Levasseur e Nourrit.

Il 13 novembre 1843 avviene la prima assoluta di Dom Sébastien di Gaetano Donizetti con Gilbert-Louis Duprez, Rosina Stoltz, Nicolas Levasseur e Paul Barroilhet.

Il 26 novembre 1847 avviene la prima assoluta di Jérusalem di Giuseppe Verdi.

Spettacoli storici[modifica | modifica wikitesto]

Sale[modifica | modifica wikitesto]

La tradizione conta quindici sale utilizzate dall'Opéra per i suoi spettacoli.

  Nome Date Luogo Storia
1 Sala d'Issy 1659 Issy-les-Moulineaux Demolita
2 Sala della Bouteille 1671-1672 Rue Mazarine (III arrondissement di Parigi) Demolita
3 Sala del Bel-Air 1672-1673 Rue de Vaugirard Demolita
4 Prima sala del Palais-Royal 1673-1764 Palais-Royal  
5 Sala delle Tuileries 1764-1770 Palais des Tuileries Costruita nel 1662 ma rimaneggiata a più riprese. Demolita col palazzo nel 1873.
6 Seconda sala del Palais-Royal 1770-1781 Palais-Royal Distrutta da un incendio nel 1781
7 Salle des Menus-Plaisirs 1781 Rue Bergère (IX arrondissement di Parigi) Demolita
8 Salle de la Porte-Saint-Martin 1781-1794 Boulevard Saint-Martin Costruita nel 1781. Distrutta da un incendio nel 1871 (Comune di Parigi) e ricostruita sullo stesso luogo.
9 Sala della rue de Richelieu 1794-1820 Rue de Richelieu (II arrondissement di Parigi)
(fino al 1815, rue de la Loi).
Luogo della square Louvois
Costruita nel 1781. Distrutta su ordine delle autorità.
10 Sala della rue Louvois 1820 Rue Louvois Costruita nel 1791. Chiusa nel 1825, demolita nel 1827.
11 Salle Favart 1820-1821 Place Boieldieu (IX arrondissement di Parigi) Costruita nel 1783. Distrutta nel 1839 da un incendio e ricostruita sul luogo.
12 Sala della rue Le Peletier 1821-1873 Rue Le Peletier e rue Grange-Batelière (IX arrondissement di Parigi)
Luogo dell'hôtel Drouot.
Costruita nel 1820-1821. Distrutta da un incendio nel 1873.
13 Sala Ventadour 1874-1875 Rue Méhul Costruita nel 1826 - 1829. Chiusa nel 1879 e trasformata in banca.
14 Opéra Garnier dal 1875 Place de l'Opéra  
15 Opéra Bastille dal 1990 Place de la Bastille  

Altre sale d'opera parigine sono il Théâtre du Châtelet, l'Opéra-Comique ed il Théâtre des Champs-Élysées.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]